[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Diritti] Ancora sgomberi nella baraccopoli di Lungo Stura: ci ritroveranno nelle strade!



Questa mattina la polizia è di nuovo arrivata all'alba per spaccare le
baracche di quello che era il "campo rom non autorizzato" più grande
d'Europa. Donne, bambini, uomini, anziani e malati, stavamo ancora
dormendo quando la polizia ha buttato giù le nostre porte e ci ha urlato
di uscire. Anche questa volta non ci hanno avvisati prima: sono arrivati
con una decina di blindati e con le ruspe, ci hanno buttato in strada e
hanno spaccato le baracche di trenta persone. Gli operatori del canile si
sono presi i nostri cani e ora non sappiamo dove sono.
Una parte delle famiglie sgomberate è poi andata ad occupare l'Ufficio
Nomadi del Comune di Torino. Comune che insieme alla Prefettura è
responsabile del progetto “La città possibile”, costato 5 milioni di euro,
con cui ci hanno promesso le case e invece ci buttano in strada senza
darci nessuna alternativa abitativa.

Dov'era questa mattina il Comune mentre le ruspe ci spaccavano le baracche
in cui vivevamo da anni?
Dov'erano le associazioni a cui il Comune ha affidato l'appalto milionario
- Valdocco, Terra del Fuoco, Aizo, Stranaidea, Liberitutti?
Ci avete sgomberato dal campo e stasera dobbiamo dormire con i nostri
figli in strada. In strada finiscono anche le famiglie sfrattate dalle
case e dai social housing, come in Corso Vigevano, gestito da AIZO, dove
per un anno abbiamo vissuto senza nemmeno avere riconosciuta la residenza
e pagando affitti salati per dei loculi, da cui oggi ci buttate fuori.

Due anni fa nella baraccopoli vivevano duemila persone, molte da quindici
anni. Non per scelta, ma per necessità dettata da povertà, sfruttamento e
discriminazioni.
Il Comune di Torino ha speso 5 milioni di euro, soldi pubblici, per
buttarci tutti in mezzo alla strada.
Per alcune ore abbiamo occupato l'Ufficio Nomadi, perchè il Comune venisse
a dire pubblicamente la verità sul progetto “La città possibile”.
Non hanno avuto neanche il coraggio di presentarsi.
Ci ritroveranno nelle strade.

Il prossimo appuntamento è per mercoledì mattina, quando si terrà la prima
udienza del processo contro Aramis, un giovane a cui due settimane fa era
stata spaccata la baracca e che era stato brutalmente aggredito da tre
vigili urbani, i quali non avevano esitato ad estrarre pistole ed usare
spray urticanti, per poi dichiarare di essere stati aggrediti. Ennesimo
abuso in un campo dove la violenza istituzionale è quotidiana. Chi
attraverso lo sgombero di stamattina pensava di disperdere i testimoni, se
ne dispiacerà. Mercoledì ci saremo tutti.

Casa, salute, residenza, libertà di movimento per tutti e tutte!

Torino, 19 ottobre 2015

Abitanti della baraccopoli di Lungo Stura Lazio
Assemblea Gatto Nero Gatto Rosso