[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: [Diritti] Il comune premia i suoi servi!








Questo è il tipico esempio di quanti pretendono che il mondo sia diverso senza però mai 
accettare alcun vero cambiamento.

Si pretende che un potere esecutivo ed un potere giudiziario rimasti come furono 
concepiti dal duce, dal re, dall'imperatore, dal fuhrer, sarebbe a dire i cui 
ruoli/poteri/impieghi vengono ancora assegnati a vita, possano essere conformi all'idea 
di un potere democratico.

La vita è semplice. Se si vogliono un potere esecutivo ed un potere giudiziario 
democratici i loro ruoli/poteri/impieghi devono essere concessi rigorosamente a TEMPO 
DETERMINATO, esclusivamente con MANDATO TEMPORANEO.

Sarebbe a dire che il potere esecutivo ed il potere giudiziario devono poter essere 
partecipati da persone, opportunamente competenti e preparate, disposte a tornare 
semplici cittadini, persone comuni alla fine di un mandato temporaneo.

La vita è semplice. Continuate pure a pensare di non essere parte fondamentale del 
problema, continuate pure a pensare di essere voi giusti e gli altri sbagliati. E non 
otterrete mai nulla.

Se volete la democrazia ve la dovete guadagnare, a costo di reclamarla per diciott'anni 
invano come ha fatto 'sto sottoscritto, esigendo un:

PUBBLICO IMPIEGO DEMOCRATICO: assegnato a TEMPO DETERMINATO.

Se la vita non va come vorreste, prendetevela con quelli che stanno qui e pretendono 
l'assunzione a vita nei pubblici impieghi, poteri, ruoli del potere esecutivo e 
giudiziario. Prendetevela con VOI STESSI.

DANILO D'ANTONIO

PUBBLICO IMPIEGO DEMOCRATICO: A TEMPO DETERMINATO
http://hyperlinker.com/ars/interventi.htm