[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Diritti] ADL 160211 - Storie



Title: Der Tag - SPIEGEL ONLINE Newsletter

L'AVVENIRE DEI LAVORATORI

La più antica testata della sinistra italiana, www.avvenirelavoratori.eu

Organo della F.S.I.S., organizzazione socialista italiana all'estero fondata nel 1894

Sede: Società Cooperativa Italiana - Casella 8965 - CH 8036 Zurigo

Direttore: Andrea Ermano

 

> > >  PDF scaricabile su http://issuu.com/avvenirelavoratori < < <

e-Settimanale - inviato oggi a 45964 utenti – Zurigo, 11 febbraio 2016

  

Per disdire / unsubscribe / e-mail a > unsubscribe_adl at vtxmail.ch

Per iscrivervi inviateci p.f. il testo: "includimi" a > ADL Edizioni

In caso di trasmissioni doppie inviateci p.f. il testo: "doppio" a > ADL Edizioni

   

    

IPSE DIXIT

 

Storie di ieri e di oggi - «Un tempo la chiamavamo razza, oggi la chiamiamo identità.». – Naga

 

cid:image004.jpg@01D164D1.913B7370

 

 

OLTRE L’IDENTITÀ - Dal 26 febbraio, tre incontri il venerdì sera (a cura di Naga e Asnada) e tre laboratori il sabato mattina (a cura di Asnada) esploreranno l’identità, gli esodi e i percorsi migratori, la responsabilità degli operatori nella costruzione di un tessuto sociale orientato all’incontro e alla giustizia.

Vai all'invito sul sito del Naga e sulla nostra Pagina Facebook

   

Conformemente alla Legge 675/1996 tutti i recapiti dell'ADL Newsletter sono utilizzati in copia nascosta. Ai sensi del Codice sulla privacy (D.L. 30.6.2003, 196, Art. 13) rendiamo noto che gli indirizzi della nostra mailing list provengono da richieste d'iscrizione, da fonti di pubblico dominio o da E-mail ricevute. La nostra attività d'informazione politica, economica e culturale è svolta senza scopi di lucro e non necessita di "consenso preventivo" rivestendo un evidente carattere pubblico come pure un legittimo interesse associativo (D.L. 30.6.2003, 196, Art. 24).

    L'AVVENIRE DEI LAVORATORI contribuisce da oltre 115 anni a tenere vivo l'uso della nostra lingua presso le comunità italiane nel mondo tra quelle persone che si sentono partecipi degli ideali socialisti-democratici di Giustizia e Libertà.

    

    

EDITORIALE

 

Ripasso

 

di Andrea Ermano

 

Quando i generali della Prima guerra mondiale mandavano al macello ventenni a miriadi per conquistare una postazione qualsiasi che il giorno dopo i generali nemici avrebbero riconquistato facendo massacrare altre migliaia di ragazzi…

    Quando quindici anni dopo Stalin, a margine di lunghe liste di proscrizione comprendenti le migliaia di nomi da "purgare" in questa o quella città sovietica, annotava a matita che in quella città occorreva deportarne almeno diecimila in più…

    Quando – dopo un'altra quindicina d'anni di alacre scalata al vertice del male – Hitler e Göring disponevano lo sterminio di tutti gli Ebrei… E quando alla Conferenza di Wannsee i gerarchi nazisti approvavano per acclamazione (!) il progetto "Auschwitz" ideato da Eichmann al fine di industrializzare l'Olocausto…

 

<> 

 

Quanto sopra è accaduto nella prima metà del Novecento qui da noi, in Europa. Dalle tragedie del XX secolo il mondo è uscito stabilendo che l'autonomia del Politico vada intesa non come indipendenza "dalla", ma come autodeterminazione "nella" morale. In altre parole il Politico presuppone tipi di decisione che è compito di tutti e ciascuno mantenere all'interno di un'etica specifica, che possiamo chiamare etica pubblica.

    I fondamenti dell'etica pubblica sono codificati nella Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo del 1948.

    Al di fuori di quei confini un partito, una nazione, un'alleanza di stati tendono a trasformarsi in una banda di briganti assassini.

    Ma c'è un "ma". Perché nessuna decisione può accontentare tutti. Così i governanti talvolta devono compiere scelte simili a quelle del capitano di un battello che cali le sue scialuppe a soccorso di un gruppo di naufraghi. Con l'ordine perentorio, però, che quando una scialuppa abbia raggiunto il carico massimo nessuno possa più salirvi. Orribile situazione, nella quale qualcuno finirà per affogare. Ma peggio sarebbe il ribaltamento della scialuppa e il naufragio di tutti.

    Ma c'è un "ma". Perché la barca piena alla quale il discorso pubblico contemporaneo allude è: l'Europa. Un continente che con i suoi cinquecento milioni di abitanti reputa impossibile accogliere un milione di profughi.

    Il ribaltamento politico temuto qui e oggi riguarda le classi dirigenti che hanno governato settant'anni in pace e prosperità il nostro continente. Se queste forze di governo cadessero, esse verrebbero sostituite da capi populisti ciechi di fronte al fatto che il razzismo di ieri sta alle odierne flatulenze sull'identità come il nazionalismo di ieri alle odierne flatulenze sulla sovranità.

 

cid:image008.jpg@01D164D1.913B7370

 

Vestigia di civiltà romano-cristiana

 

Viviamo come in una sorta di training autogeno sfuggitoci di mano. Ci ripetiamo ipnoticamente che occorrerà diventare un po' crudeli. Perché la lunga estate europea è finita. E perché un'altra estate come quella del 2015 non riusciremo a superarla indenni. Ci facciamo un sacco di compassione, con questi stranieri venuti a disturbare.

    E allora ritorna il teatro della propaganda con le parole sui profughi, tutti accattoni, molestatori, infidi, perfidi e terroristi jihadisti. L'escalation verbale in atto porterà all'inalveamento del massacro mediterraneo dentro un bozzolo di gelo e indifferenza.

    Poi il programma andrà prevedibilmente avanti con interventi militari qua e là, nel intento impossibile di fermare le migrazioni, costruendo "campi di contenimento" sulle sponde meridionali e orientali del Mediterraneo. Senza escludere quelle operazioni di "respingimento" che dovessero rendersi necessarie ove il “contenimento” non bastasse (non basterà).

    Ma c'è un "ma". Chi stabilirà la necessità e l'urgenza dei "respingimenti"? A ciò si candidano la Le Pen con Salvini e consorti. Questi retori fingono di non rendersi conto che quando l'Africa e l'Asia minore inizieranno a far sentire le loro spallate demografiche, scardinando ogni velleità di gestione dei campi di "contenimento" oltremare, a quel punto scatterà in grande stile l'ora del "respingimento", che è la continuazione del "contenimento" con i mezzi dell'annegamento.

    Ma davvero non comprendono, i leader populisti, che giunti a quel punto la via dell'indifferenza, del contenimento, del respingimento e dell'annegamento sfocerà, giocoforza, in una vera e propria guerra totale?

    Guerra totale. A parte lo scenario di possibili attacchi nucleari "sporchi" contro le capitali dell'Occidente (scenario evocato alcuni anni fa ad Assisi dall'ex segretario di Stato alla difesa Robert McNamara) – una guerra porterebbe con sé insormontabili difficoltà anche in ambiti apparentemente ovvi e scontati come il presidio dei confini.

    L'Europa meridionale ha un enorme sviluppo costiero. Quello italiano equivale a circa ottomila chilometri. La Grecia ha quasi quattordicimila chilometri di coste. E a questi se ne aggiungono molte altre migliaia in Spagna, Francia, Slovenia, Croazia, Serbia, Montenegro, Albania e Turchia.

    Quale invincibile armata potrà mai controllare militarmente un fronte marittimo di quest’estensione? Quanti milioni di ragazzi dovrebbero essere inviati sui bagnasciuga (nostri e altrui) onde inchiodarvi il nemico clandestino? Soprattutto, quanto brutale e bestiale e crudele diverrà un cosiffatto clima e stato di guerra?

 

cid:image006.jpg@01D164D9.12CE3600

 

Rudolf Schlichter, Blinde Macht, 1937

 

Chi oggi chiede il "controllo" manu militari dei confini esterni e il "rafforzamento" di quelli intereuropei, chi si muove lungo la via del "contenimento", del "respingimento", dell'"identità" e della "sovranità", chi osasse spezzare l’equilibrio della pax europaea, finirà per innescare una frantumazione bellica dentro la stessa Europa, che “ancora una volta per la prima volta” si vedrà costretta a una sanguinosa e dissanguante mobilitazione generale.

    Nessuno s'illuda, è stato così in passato e non si vede perché stavolta dovrebb’essere diversamente.

    Unica alternativa ragionevole a questo atroce ricorso storico, è la via dell'accoglienza. Ma non basterà un'accoglienza fatta di semplice buonismo. Dovremo lungamente lavorare alla costruzione di politiche d'integrazione adeguate, mobilitando tutte le risorse morali, culturali ed economiche necessarie alla costruzione di un grande esercito civile europeo votato a salvare invece che ad annientare.

              

        

Da l’Unità online

http://www.unita.tv/

 

Perché Bernie?

 

Per quale ragione il “socialista” Bernie Sanders ha stravinto

sulla “femminista” Hillary Clinton nel New Hampshire?

Per capirlo è necessario dimenticare l’America dei

film ed entrare nell’America reale

 

di Federiga Bindi

 

Nella fredda notte del New Hampshire, Hillary ha sentito il fiato sul collo di Bernie Sanders il quale, con la schiacciante vittoria alla prima primaria della stagione, ha reso chiaro che Hillary davvero non è più la “candidata inevitabile” e che la campagna elettorale sarà lunga e non scontata. Il discorso con il quale Sanders ha celebrato la vittoria è rimasto rivoluzionario nelle proposte politiche, ma per la prima volta ha avuto anche un tono presidenziale, ricordando che l’obbiettivo finale è battere i repubblicani e quindi – una volta finite le primarie – ci sarà da ricompattare il partito. Così facendo ha messo anche a tacere quanti lo accusano di non essere un “vero” democratico, essendo inizialmente eletto al Senato come indipendente.

    Per capire perché Bernie Sanders ha stravinto su Hillary Clinton e messo una prima ipoteca sulla nomination è necessario dimenticare l’America dei film ed entrare nell’America reale. Abituati a vedere le casette con il giardino, ci dimentichiamo che l’American dream e ormai sempre più un sogno irragiungibile per gli under 45. Sono loro, infatti, lo zoccolo duro dei sostenitori di Sanders.

    I numeri fanno impressione: nella fascia di età 17-29, Sanders ha preso l’84% dei consensi in Iowa ed l’85% in New Hampshire. Nel 2008, i giovani erano per Barak Obama (in aveva Iowa aveva preso il 57% dei loro voti) e gli over-45 per Hillary Clinton, con un’accentuazione per gli over-60; la stessa divisione vede oggi gli under-45 (donne incluse) favorire Bernie Sanders e gli over-45 la Clinton.

    Sanders ha anche attratto il 72% degli indipendenti: in America si può essere registrati come Democratici, Repubblicani o Indipendenti e stati come il New Hampshire – che hanno una forte tradizione di Independents – permettono loro di votare per quale primaria preferiscono.

    Il dibattito della scorsa settimana e gli ultimi giorni di campagna – in cui Hillary ha chiamato a raccolta in New Hampshire sostenitori, amici e parenti – non hanno aiutato. Nel dibattito, Hillary è andata esageratamente all’attacco e ha continuato a ripetere che gli elettori debbono votare lei perché ha più esperienza ed è più brava, risultando alla fine parecchio antipatica.

    Le sue sostenitrici, hanno fatto poi il resto del danno: Madeleine Albright ha affermato che “c’è un posto speciale all’inferno per le donne che non aiutano le altre donne” – un suo vecchio mantra che ama ripetere per sottolineare che le donne debbono sostenersi a vicenda in ambito professionale – cosa molto importante negli Stati Uniti dove il 70% dei posti di lavoro si trova grazie al networking, le raccomandazioni degli amici. Traslato in un contesto politico, tuttavia, la frase è infelice ed in particolare le giovani l’hanno presa storta.

    Il patatrac finale l’ha fatto Gloria Steinem, mitica capofila delle femministe americane, che al Bill Maher show ha visto bene di dire che le ragazze giovani sostengono Sanders perché ai suoi rally trovano i ragazzi fighi. Fosse stata detta in Italia, sarebbe stata una battutaccia, ma qui è stata presa malissimo, tanto più detta in sostegno alla moglie di uno che la Presidenza l’ha quasi persa per una stagista. Apriti cielo! Si aggiunga che molte donne qui non perdonano ad Hillary di non aver mollato Bill dopo la Levinski, e al contrario di aver contribuito a svilire e umiliare le donne con cui il marito aveva avuto relazioni.

    Gli Stati Uniti sono un paese profondamente maschilista e la legislazione contro il sexual harassment non aiuta a distendere gli animi. Diana Bilimoria, docente alla Case Western Reserve University, ha calcolato che alla fine della propria carriera professionale una donna guadagna in media $2.120.731 meno di un uomo di pari qualifica e capacità. In Senato, le donne sono 20 su 100; al Congresso, 104 (il 19,4%): la maggior presenza femminile mai eletta nella storia degli Stati Uniti.

    La generazione della Clinton e delle sue più accese sostenitrici è una generazione che ha strappato, pezzo per pezzo, con determinazione e coraggio, un pezzettino di cielo. Il prezzo che hanno pagato è però quello – salvo rarissimi casi – di una mortificazione eccessiva della propria femminilita’: la Hillary definisce se stessa e la sua generazione “la sisterhood in giacca-pantalone (pant-suit)”.

    Alunna di Welsley College – una delle “Seven Sisters”, i migliori collegi femminili americani – Hillary è una femminista storica e, a suo onore, ha fatto molto per cambiare le cose. Al Dipartimento di Stato, il suo maggior contributo è indubbiamente stata la promozione delle donne e delle politiche di genere. L’articolo della sua Direttrice del Policy Planning – Anne Marie Slaughter, “Why Women Cannot Have it All” – ha poi scatenato un dibattito importante ed un rinnovato entusiasmo contro il cosidetto “glass cieling”, il tetto di cristallo. Ma da lì a pensare che le donne votino Hillary in quanto donna, il passo è lungo.

    Le giovani millenials i pant-suits li amano poco e ancora non sono abbastanza senior da sbattere contro il glass cieling. Sono del resto parte della generazione più egualitaria della storia, una generazione anche meno consumista e materialista di quelle passate: per fortuna, si direbbe, dato che sono mediamente oberati dai debiti universitari.

    La questione del costo dell’educazione e della salute non a caso sono pilastri delle proposte di Sanders, tanto popolari da costringere la Clinton ad adeguarsi e spostarsi sempre più a sinistra. Un anno in un’università di elite costa, tutto compreso, oltre 100.000$. Un anno all’Università nel proprio Stato di Residenza – l’opzione più economica – viaggia dai 12.000 ai 25.000$ l’anno di sole tasse di iscrizione. Per quello, quando Sanders parla di college gratuito, la proposta suona come musica nelle orecchie sia dei Millenials che della Generazione X, i quali – dopo aver finito di pagare i propri debiti universitari e con la casa ancora sul groppo – deve indebitarsi ulteriormente per pagare l’educazione ai figli, come ha ammesso l’ormai ex terzo candidato Dem Martin O’Malley.

    Per tacere della sanità. Il controllo medico (obbligatorio) di inizio anno scolastico con annesso vaccino, senza assicurazione costa sui 500$. Fare un figlio in ospedale può costare sui 100.000$. L’assicurazione medica base, costa anch’essa un minimo di 500$ al mese, sperando che tutto vada bene: se ci si ammala – ad esempio di cancro – la partecipazione alle spese (pudicamente definita “co-pay”) può costare la casa, per la quale bastano poce rate di mutuo saltate per andere in “foreclosure”. Qualche settimana fa, il vicepresidente Joe Biden ha raccontato che quando il figlio Beau era malato, Obama si è offerto di aiutarlo economicamente per evitargli di vendere casa: perché l’assicurazione è legata al lavoro, se ci si ammala e non si lavora, dopo un po’ si perdono entrambe.

    In un mondo così, è evidente che molti siano attratti da Bernie. Va bene una donna alla Casa Bianca, ma vuoi mettere l’educazione gratis e la copertura medica per tutti, svincolata dal lavoro? E sì, è vero che anche la Clinton dice di lottare per la classe media sempre più impoverita, ma poi con un singolo “speech” guadagna più di una coppia di professionasti medio-alti in un anno… Non a caso, il dato che più di tutti fa riflettere è la percentuale ottenuta da Sanders in New Hampshire tra quelli che ritengono che l’onestà debba essere la principale qualità di un candidato: secondo un sondaggio Cnn, Sanders ha vinto 92% a 6%.

    

Vai al sito dell’Unità

       

   

Da Avanti! online

www.avantionline.it/

 

Giulio Regeni

non era una spia

 

“È interesse di tutti che emerga la verità” hanno dichiarato i parlamentari socialisti in una interrogazione rivolta al ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni. Giulio Regeni non era uno 007. Smentita una delle ipotesi circolate per spiegare le circostanze della morte del giovane ricercatore italiano. Questa mattina, rispondendo a una interrogazione alla Camera, Benedetto della Vedova, sottosegretario agli Esteri, lo ha detto ufficialmente. Gli inquirenti italiani stanno esaminando il pc di Regeni, ritrovato dalla famiglia mentre non è stato ritrovato il suo cellulare.

“È palesemente senza fondamento” che Giulio Regeni fosse un informatore dei servizi italiani ha detto il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova rispondendo a quei deputati che hanno sollevato la questione di un impegno dovuto ma ‘particolare’ sul caso Regeni aggiungendo che “la solerzia dell’ambasciata è un elemento dovuto e, nella drammaticità, positivo. Chi sta al Cairo o in altre città complicate sa che non sta a New York”. “Il corpo di Giulio – ha poi spiegato – presentava ecchimosi, segni di bruciature e tagli alle spalle e al torace. Si è trattata di una morte violenta e efferata”. Della Vedova ha inoltre sottolineato che “siamo in una fase preliminare, sul piano formale è stato assicurato un livello sufficiente di collaborazione” ai nostri investigatori da parte delle autorità egiziane mentre “Renzi ha avuto rassicurazione da al Sisi (il Capo di Stato egiziano, ndr) della piena collaborazione dell’Egitto”.

Quanto al pc portatile di cui in un primo momento era stata denunciata la scomparsa assieme al cellulare e al passaporto, si trova invece nelle mani degli inquirenti che indagano sulla sua morte. Il pc era stato preso dalla famiglia del giovane nella sua abitazione in Egitto e consegnato alle autorità italiane. Sembra invece che Regeni non avesse un tablet o altri supporto informatici ad eccezione del cellulare che portava sempre con sé, e che non è stato ritrovato.

Le condizioni terribili del corpo del giovane – entrambe le orecchie mozzate, decine di piccoli tagli sul corpo, fin sotto la pianta dei piedi, numerose ossa rotte, le unghie di un dito della mano e di uno del piede strappate – e tutti gli elementi finora conosciuti, fanno pensare che sia stato torturato dagli uomini dei servizi segreti, ma l’Egitto lo smentisce categoricamente.

 

>>> Continua sul sito dell’avantionline

       

   

SPIGOLATURE 

 

A costo di ripetersi

 

Bisogna cercare di "cambiare lo stato di cose presenti",

come scriveva Giulio Regeni, il giovane ricercatore

italiano assassinato al Cairo.

 

di Renzo Balmelli 

 

INCUBO. Quando il dolore e l'indignazione si intrecciano come dopo l'ennesima strage di migranti nell'Egeo, il rischio è di non trovare più le parole giuste per stigmatizzare la crudele, intollerabile, assurda violazione dei diritti umani. A costo di ripetersi bisogna invece andare avanti e reagire senza tregua per cercare di "cambiare lo stato di cose presenti" come scriveva Giulio Regeni, il giovane ricercatore italiano assassinato al Cairo. Anch'egli vittima della brutale, insensata violenza di forze oscure e spietate che assistono con sguardo indifferente alla riedizione dell'olocausto consumato in presa diretta, tra bimbi annegati. barconi afflosciati, scafisti senza cuore. Che nel terzo millennio, nonostante le lezioni della storia, tante atrocità fossero ancora possibili al punto da chiedersi se ragione e sentimenti siano ormai un bene definitivamente rottamato, è qualcosa che stravolge i sogni di un mondo migliore trasformandoli in un incubo senza pace.

 

VEZZO. Ricco di una tradizione che ne fa il secondo più vecchio partito socialista e operaio del mondo (solo l'SPD tedesca venne fondata prima), allo PSOE si presenta l'opportunità di riconsegnare alla Spagna un esecutivo di sinistra. Dopo l'incolore stagione di Mariano Rajoy e del suo Partido Popular, duramente punito dalle urne, la svolta avrebbe un effetto salutare per rimodulare in senso progressista il panorama politico sia nel Paese iberico, sia in Europa dove le spinte populiste e xenofobe non promettono nulla di buono. Però c'è sempre un però. Che qui si chiama litigiosità, quella che sta dentro al partito del giovane leader socialista Pedro Sanchez incaricato di formare il governo ma che potrebbe inciampare nei veti e nelle ostilità dei suoi, un vezzo dal quale lo PSOE, simile in questo a quanto accade in seno al Pd, non riesce a guarire, rischiando di farsi male da solo e di mancare l' appuntamento con la storia.

 

QUINTE. Che si considerasse il padre della Patria se non addirittura un regalo della Provvidenza per trasformare l'Italia nel Paese delle sette meraviglie è un concetto col quale Silvio Berlusconi è riuscito, a dire il vero con grande abilità, a farsi aprire una linea di credito di cui però, come si è visto, non ha fatto l'uso migliore. Nel consuntivo dei suoi vent'anni di gloria effimera il saldo attivo è piuttosto modesto. Eppure, nonostante le batoste elettorali, giudiziarie e il suo partito ai piedi dei sondaggi, il Cavaliere si ostina ancora oggi, come ha ripetuto nel corso di una corposa intervista al Corriere del Ticino, a rivendicare per se un ruolo di primo piano nell'affrontare le sfide nazionali e internazionali. Al maggiore quotidiano svizzero di lingua italiana, il Cavaliere consegna una sorta di manifesto politico con il decalogo di quanto ancora farà per salvare l'Italia. Ma salvarla da chi e da cosa? Magari, senza volerlo, lo ha già fatto stando dietro le quinte.

 

BATTAGLIA. Risultati alla mano, nessuno dei suoi rivali potrà dire di Bernie Sanders, come andava ruminando Don Abbondio, "Carneade, chi era costui". Con la sonante seppure annunciata vittoria nella primarie del New Hampshire in cui ha surclassato Hillary Clinton, il senatore socialista del Vermont si attesta come una figura di primo piano, capace di interpretare meglio degli altri la voglia di cambiamento specie tra i giovani e di declinare su un registro più equo e solidale l'aspirazione verso il sogno americano. Si è trattato con ogni evidenza di un voto anti sistema e questo promette una battaglia lunga e complicata per la nomination visto che l'outsider non gode dei favori dell'establishment democratico. Chiunque salirà alla Casa Bianca dovrà comunque tenere in debito conto le pulsioni espresse dall'elettorato che si affaccia ora sulla scena politica per non consegnare gli Stati Uniti alla retrograda retorica della destra repubblicana. 

 

BRAMA. Dopo la dissoluzione dell'Unione sovietica si disse che la storia aveva imparato a correre. Seppure non sempre in modo positivo, la profezia in parte si è avverata. Nessuno però avrebbe immaginato, neppure scrutando la sfera di cristallo, che la destra nostrana in preda a strane scalmane voltasse le spalle all'America, un tempo suo faro e guida, accusandola di losche manovre per imporre la propria Weltanschauung. L'America di Obama, s'intende, non quella di Trump e dei suoi compagni di merenda che in quel circolo verrebbero accolti a braccia aperte. Non siamo ancora all'impero del male rovesciato, ma poco ci manca, tanto più che ora l' oggetto del desiderio è la Russia neo zarista; la Russia di Putin che nella repressione del dissenso e nei bombardamenti indiscriminati in Siria, non può dirsi un modello di democrazia. E' la brama dell'uomo forte che torna a fare capolino incurante delle tragedie già vissute.

 

TORPORE. Andare a Zurigo senza fare un salto al Cabaret Voltaire sarebbe come sprecare un'occasione per rivivere l'atmosfera che vi regnava cento anni fa, quando nel famoso locale nacque la corrente artistica e letteraria del Dadaismo. Come nel film "Midnight in Paris" in cui il personaggio creato da Woody Allen si innamora di un sogno incontrando i suoi autori preferiti, la stessa cosa potrebbe succedere lungo la Spiegelgasse, nel cuore del centro storico zurighese, entrando nel locale che fu la culla del movimento di rottura con le convenzioni imperanti. Una boccata d'aria fresca che proponeva nuovi percorsi nell'universo estetico e creativo mentre l'Europa era dilaniata dal conflitto mondiale. Tra magia e ironia si potrà assaporare l'onda lunga del Dadaismo immaginando di essere a tu per tu con i suoi impetuosi personaggi e con loro immergersi nel mondo sfavillante, stravagante, irriverente ,rivoluzionario e libero da costrizioni capace di accendere le più audaci fantasie. Quel mondo che un secolo dopo potrebbe risvegliarci dal torpore .

 

VETRINA. Sessantasei edizioni fa, rigorosamente in bianco e nero e con la rima obbligata "amore e cuore" per non offendere il comune senso del pudore, non occorreva blindare la perla della Riviera per assistere al Festival di San Remo. Tra pizzi, merletti e bianche colombe la vetrina della canzone italiana era ciò che doveva essere per appagare l'immaginario collettivo: allegra, canora, melodica e controllata dai rigidi censori democristiani. Nessuno insomma avrebbe immaginato che un giorno su quel palco , mentre risuonavano le note di Elton John, incontrastata icona gay, sarebbero comparsi i nastri arcobaleno a sostegno delle unioni civili. Anche quest'anno dunque il Festival ha assunto una connotazione politica, forse ancora più marcata che in precedenza, segno di un inarrestabile cambiamento del costume che scandalizza solo i benpensanti di facciata. Tanto da far dire a qualcuno che per riformare l'Italia basta riformare l'Ariston!

       

    

Politiche d’integrazione e

relazioni Italia-Germania

 

STORIA SUDATA

DI UN SUCCESSO

 

Conferenza di Laura Garavini al Goethe Institut di Roma: “La storia dei Gastarbeiter in Germania rimane di grande attualità anche per l’Europa di oggi”.

 

“Pericolosi, rumorosi, arroganti”: così venivano percepiti i Gastarbeiter nella Germania degli anni Cinquanta. Quattordici milioni in tutto, arrivati dal 1955 al 1974 nella Repubblica Federale Tedesca alla luce degli accordi bilaterali stilati con numerosi paesi di immigrazione. Tra questi c’era l’Italia, ma anche la Turchia, il Marocco, la Tunisia. Una massa enorme di giovani, spesso uomini, temuti e guardati con sospetto dalla cittadinanza.

    Settecentomila all’ anno, in media, provenienti da culture diverse, spesso da condizioni di estrema povertà e frequentemente anche di religione musulmana. Situazioni certamente diverse da quelle dei rifugiati attuali, ma con tante analogie”. Così Laura Garavini, deputata eletta in Europa, componente PD della Presidenza alla Camera, intervenuta oggi alla conferenza “Da Gastarbeiter a EU-Worker” organizzata dal Goethe Institut di Roma.

 

cid:image005.jpg@01D163E5.D37E85C0

 

“Pericolosi, rumorosi, arroganti”

 

Insieme a lei, al dibattito ha preso parte il Professor Oliver Janz, ordinario di storia contemporanea alla Freie Universitaet di Berlino.

    “Eppure quella storia, quella dei "Gastarbeiter" è una storia di successo”, ha rimarcato Garavini. “Innanzitutto circa il 90% di loro sono rientrati e hanno contribuito con i loro guadagni ad arricchire le zone di origine. Quelli che sono rimasti, invece, in linea di massima si sono integrati bene in Germania, nonostante le difficoltà. La storia dei “Gastarbeiter” in Germania rimane di grande attualità anche per l’Europa di oggi”.

    “L’integrazione dei “lavoratori ospiti” in terra tedesca – ha ribadito la parlamentare Pd – si è rivelata nel tempo un percorso di successo, nonostante gli errori e i ritardi nel mettere in campo idonee politiche di integrazione. Conoscere questa storia significa avere gli strumenti per combattere una visione apocalittica del mondo, che vede nell’immigrazione solo un problema da eliminare. Non è così, per fortuna. L’emigrazione è una grande opportunità di arricchimento reciproco. A chi intende alimentare la paura dei cittadini europei dobbiamo rispondere che un grande “film”, quello di 14 milioni di migranti in Germania, dagli anni cinquanta agli anni settanta, è andato a finire bene. E non c’è motivo per cui anche i “film” di oggi, quelli in cui i rifugiati sono protagonisti da immigrati nei paesi membri dell’UE, non vadano a finire altrettanto bene”.

    “Quello che è importante – ha concluso – è imparare dagli errori del passato e prevedere, da subito, una serie di misure volte a promuovere una piena integrazione dei migranti, prevedendo anche risorse sufficienti a garantire questi processi, a partire dalla scuola”. (aise/ADL) 

  

 

L'AVVENIRE DEI LAVORATORI - Voci su Wikipedia :

(ADL in italiano) https://it.wikipedia.org/wiki/L'Avvenire_dei_lavoratori

(ADL in inglese) https://en.wikipedia.org/wiki/L'Avvenire_dei_Lavoratori

(ADL in spagnolo) https://es.wikipedia.org/wiki/L'Avvenire_dei_Lavoratori

(Coopi in italiano) http://it.wikipedia.org/wiki/Ristorante_Cooperativo

(Coopi in inglese) http://en.wikipedia.org/wiki/Ristorante_Cooperativo

(Coopi in tedesco) http://de.wikipedia.org/wiki/Cooperativa_italiana

   

        

ECONOMIA

 

Rischi finanziari peggiori del 2007?

 

Un’analisi della situazione del debito partendo dalle dichiarazioni

di William White, autorevole economista dell'OECD e della BIS.

 

di Mario Lettieri, già Sottosegretario all'economia (governo Prodi)

e Paolo Raimondi, Economista

 

«Il sistema finanziario globale è diventato pericolosamente instabile ed è di fronte ad una valanga di bancarotte che metterà alla prova la stabilità sociale e politica». Queste sono le autorevoli parole di William White che è presidente dell’Economic Development and Review Committe dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OECD). Già economista capo della Banca dei Regolamenti Internazionali, egli da tempo sottolinea le sue preoccupazioni in interviste e dichiarazioni pubbliche. Recentemente lo ha fatto in relazione al Forum Economico Mondiale di Davos.

    White ha per decenni anche lavorato nelle banche centrali del Canada e della Gran Bretagna, a contatto quindi con i ‘decision maker’ finanziari della City. Prima del collasso della Lehman è stato uno dei pochi a denunciare l’inevitabile deriva del sistema. Aveva tra l’altro dimostrato come la liberalizzazione dei mercati finanziari, la cosiddetta deregulation, stesse provocando una crescita eccezionale dei prestiti e dei valori finanziari.

    Il problema centrale è rappresentato, quindi, dall’aumento esponenziale del debito in ogni parte del mondo nei passati 7 anni, tanto che, per White, «la situazione di oggi è peggiore di quella del 2007».

    Per quanto riguarda l’Europa, le banche europee hanno crediti in sofferenza (non-performing loans) per circa 1.000 miliardi di euro! Si tratta di prestiti, concessi sia nel mercato interno sia in quello delle economie emergenti, che finora sono stati tenuti  nascosti nei bilanci delle banche come dei ‘cadaveri imbalsamati’.

    In mancanza di un accordo globale e di una nuova architettura del sistema finanziario da rendere operativa in modo congiunto e celere, la questione di fondo è come gestire le cancellazioni del debito impagabile e il riordino del sistema senza creare sconquassi  economici e tempeste politiche.

    Si tratta di riprendere la discussione sul ‘curatore fallimentare’, purtroppo da tempo abbandonata. E’ una cosa che non si può lasciare in gestione a livello di singoli Paesi perché necessita di regole globali e condivise, che coniughino giustizia economica e ripresa con assoluta priorità rispetto agli egoismi locali e ai dettami dei più forti.

    L’assenza di una chiara visione delle responsabilità e dei metodi di intervento del ‘curatore fallimentare’ è ben visibile anche nel caos creatosi intorno alla bancarotta delle quattro piccole banche regionali italiane in cui, oltre alla mancanza di trasparenza e di giustizia, hanno dominato l’improvvisazione, l’incompetenza e gli interessi particolari di amici e lobby locali.

    Oggi il totale dei debito pubblico e privato è salito ai limiti massimi: è il 265% del Pil nel club dei Paesi della citata OECD e il 185% del Pil nei mercati emergenti. Entrambi registrano un aumento del 35% rispetto al 2007.

    Secondo l’agenzia di stampa economica americana Bloomberg, il debito delle grandi corporation a livello mondiale sarebbe di 29 trilioni di dollari. La metà delle multinazionali comprese nel listino borsistico S&P di Wall Street non guadagnerebbe abbastanza per pagare il servizio del proprio debito.

    I Quantitative easing hanno creato e mantengono l’effetto di poter continuare a spendere non in relazione alle reali possibilità dell’attuale situazione economica e di bilancio ma in deficit prendendo a prestito dal futuro. Ciò nel tempo diventa una “dipendenza tossica” facendo smarrire il senso e il rapporto con la realtà. Ad un certo punto però anche il futuro presenterà il conto. Non si può continuamente spendere oggi i soldi che saranno eventualmente guadagnati domani!

    Si noti anche che gran parte della nuova liquidità è stata usata dalle grandi corporation e dalle banche per crescenti operazioni di riacquisto delle proprie azioni. Il Wall Street Journal stima che dal 2005 ad oggi negli Usa sarebbero stati usati ben 4,21 trilioni di dollari in operazioni di riacquisto dei propri titoli. Si tratta di circa un quinto dell’attuale valore totale dei titoli della borsa americana. Sono in gran parte operazioni cosmetiche che hanno dirottato importanti risorse a discapito degli investimenti, della modernizzazione tecnologica e dell’occupazione.

    Il debito eccessivo è una trappola nella quale, secondo White, sarebbe caduta anche la Fed. La situazione è quindi talmente deteriorata che non si riesce a trovare la giusta soluzione: se si aumentano i tassi di interesse essa diventa ancora più difficile e pesante, se invece non si aumentano essa sicuramente peggiora.

    Ancora una volta viene chiamato in causa il potere politico e la sua responsabilità nella definizione di nuove regole per il sistema finanziario.

    

                     

FONDAZIONE NENNI

http://fondazionenenni.wordpress.com/

 

Il “costituzionalista” Casaleggio

 

di Giuseppe Tamburrano

 

“Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”. L’articolo 49 della Costituzione della Repubblica Italiana non sembra contemplare i principi-guida del documento messo a punto da Gianroberto Casaleggio nel quale si prevede una “punizione” di 150 mila euro per quegli eletti che dissentono dalla linea ufficiale o, meglio, dal “pensiero unico” del partito. Certo, la tempistica con la quale il Pd ha pensato di dare attuazione a quell’articolo (o, almeno, a una sua parte) appare un po’ sospetta. Ma che le regole del Movimento 5 stelle (ad esempio, l’imposizione del vincolo di mandato non tanto rispetto alle indicazioni dell’elettorato, quanto ai diktat di due smanettatori di computer) siano più in linea con quelle di una setta che di una organizzazione dedita alla politica, è ormai abbastanza evidente. Alcuni parlamentari del Movimento 5 Stelle hanno bollato come “fascista” l’iniziativa del Pd. Consiglio ai “Casaleggio-Boys” una breve meditazione su queste poche parole: “Io ho sempre sostenuto che per preparare il testo di una nuova costituzione democratica, sia più opportuno o più prudente muovere dal punto di vista della minoranza”. Le pronunciò settant’anni fa nel corso di un intervento alla Costituente Piero Calamandrei che forse aveva con il diritto e i diritti una familiarità maggiore di quella che mostrano oggi Casaleggio e Grillo. Anche lui fascista? Ormai è chiaro cosa intendeva dire il M5s con lo slogan “uno vale uno”. Intendeva semplicemente sottolineare che solo “uno vale”. Cioè l’insigne costituzionalista Casaleggio.

       

         

L'AVVENIRE DEI LAVORATORI - Voci su Wikipedia :

(ADL in italiano) https://it.wikipedia.org/wiki/L'Avvenire_dei_lavoratori

(ADL in inglese) https://en.wikipedia.org/wiki/L'Avvenire_dei_Lavoratori

(ADL in spagnolo) https://es.wikipedia.org/wiki/L'Avvenire_dei_Lavoratori

(Coopi in italiano) http://it.wikipedia.org/wiki/Ristorante_Cooperativo

(Coopi in inglese) http://en.wikipedia.org/wiki/Ristorante_Cooperativo

(Coopi in tedesco) http://de.wikipedia.org/wiki/Cooperativa_italiana

   

    

LETTERA dal Nazareno

 

Grazie per le vostre critiche

 

Tra qualche giorno il Governo compie due anni. Ventiquattro mesi come le ventiquattro slide che raccontano i primi risultati del governo: le trovate qui e vi sarei davvero grato di un commento. L'email per dirmi le vostre impressioni è sempre la solita: matteo at governo.it

Ventiquattro mesi racchiusi in questo video, che restituisce il sapore del viaggio. https://youtu.be/nSFkA_bVA-Q

    C'è ancora molto da fare e lo faremo. Intanto grazie per la vostra fiducia, per il vostro affetto, per le vostre critiche. E se vi va fate girare queste slide su Facebook, su Twitter, via email agli amici. http://www.slideshare.net/Palazzo_Chigi/2-anni-di-governo-renzi-in-numeri

    Perché la quantità di riforme realizzate è impressionante, ma diventa condivisa solo se arriva agli occhi e al cuore delle persone. E questo possiamo farlo solo insieme.

 

Matteo Renzi, segretario del PD

 

A parte che i commenti li scriviamo ogni settimana sulla nostra Newsletter, certo non rifuggiamo dall’invito di esprimere un commento critico. Certi impulsi di politica europea e l’adesione al PSE possono anche garbarci, ma non le riforme costituzionali, troppo raffazzonate, mentre l’Italicum prefigura un Parlamento di nominati. – La red dell’ADL

        

    

LETTERA

 

Il partito non è un porto

 

“Il partito non è un porto”, ha detto Bersani. Per dire la stessa cosa (non si devono accogliere personaggi squallidi e corrotti) qualche mese fa aveva preferito un’altra metafora, però di segno opposto: “Via dal nostro giardino”.

    Meglio tardi che mai: se lo fosse ricordato qualche anno fa, avrebbe trovato il modo di buttare fuori a calci dal Pd Renzi e le sue margheritine, con una scusa qualsiasi.

    Però le figure retoriche bisogna saperle usare. Da quelle di Bersani si deduce che il suo Pd non sia un porto, luogo aperto, inclusivo, bensì un giardino privato, immagino protetto da un muro e da cui occorre, principale preoccupazione, scacciare gli estranei perché non calpestino l'erba o strappino i fiori. Metafore sbagliate, inadatte a un partito di sinistra.

    Traspare l’affanno, suo e di tutta una classe dirigente (dirigente si fa per dire), di chi ormai proprio non sa cosa sia o debba essere la sinistra, di chi da tempo ha rinunciato alla tradizione e ideologia del socialismo per inseguire (non mi è chiaro se per ingenuità, incapacità o complicità) i miti del liberismo globalista, e ora si ritrova non solo senza idee ma anche senza linguaggio. Che pena. Gramsci diceva che il partito era il nuovo principe: quella sì che era un’immagine forte, efficace, esaltante, altro che giardini e porti.

    Se non gli va di leggere e capire Gramsci, Bersani almeno ascoltasse i discorsi di Bernie Sanders, che è più vecchio di lui ma sa parlare ai giovani, sa entusiasmarli: non con metafore ridicole ma con programmi ambiziosi, coraggiosi, che non accettano il postulato neocapitalista che non ci siano alternative al dominio assoluto delle multinazionali e al culto del successo. O meglio, i discorsi di Sanders dovremmo ascoltarli noi. Per prendere esempio da lui e renderci conto che anche in Italia la sinistra delle chiacchiere e del gossip, effettivamente chiusa nel suo giardino di privilegi e di illusioni autoreferenziali, come Maria Antonietta nel Pétit Trianon a giocare alla pastorella, deve essere liquidata al più presto.

    Serve una nuova sinistra di lotta, lucida, risoluta, capace d’azione ma anche di pensiero, di un linguaggio che significhi qualcosa.

 

F.E., Massachusetts, USA

 

Sante parole di un socialista americano. Dovremmo anche riscoprire Michael Harrington ( (February 24, 1928 – July 31, 1989) un pensatore socialista che ho avuto occasione di conoscere nel 1969. Spero che grazie a Bernie Sanders si cominci a conoscere il movimento socialista USA con esponenti come.Norman Mattoon Thomas (1884-1968), leader  del movimento socialista  negli USA per più di quattro decenni, fu il candidato socialista alla Presidenza per sei volte dal 1928 al 1948.– Felice C. Besostri

        

                

LETTERA DALLA GERMANIA

 

USA che succede?

 

Mentre la socialdemocrazia europea tende a spostarsi sempre più su posizioni liberali, in USA la base vorrebbe spostare il Partito Democratico su posizioni socialdemocratiche. Bernie Sanders ha i suoi anni, ma non si può negare che riesce a entusiasmare in particolar modo i giovani.

 

GF, Monaco, Germania

      

    

L'AVVENIRE DEI LAVORATORI

EDITRICE SOCIALISTA FONDATA NEL 1897

Casella postale 8965 - CH 8036 Zurigo

 

L'Avvenire dei lavoratori è parte della Società Cooperativa Italiana Zurigo, storico istituto che opera in emigrazione senza fini di lucro e che nel triennio 1941-1944 fu sede del "Centro estero socialista". Fondato nel 1897 dalla federazione estera del Partito Socialista Italiano e dall'Unione Sindacale Svizzera come organo di stampa per le nascenti organizzazioni operaie all'estero, L'ADL ha preso parte attiva al movimento pacifista durante la Prima guerra mondiale; durante il ventennio fascista ha ospitato in co-edizione l'Avanti! garantendo la stampa e la distribuzione dei materiali elaborati dal Centro estero socialista in opposizione alla dittatura e a sostegno della Resistenza. Nel secondo Dopoguerra L'ADL ha iniziato una nuova, lunga battaglia per l'integrazione dei migranti, contro la xenofobia e per la dignità della persona umana. Dal 1996, in controtendenza rispetto all'eclissi della sinistra italiana, siamo impegnati a dare il nostro contributo alla salvaguardia di un patrimonio ideale che appartiene a tutti.

  

     

Allegato Rimosso
Allegato Rimosso
Allegato Rimosso
Allegato Rimosso