[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Diritti] La Repubblica Rimandata







---------------------------
  La Repubblica Rimandata
---------------------------



E così l'Italia s'è fatta i suoi primi 70 anni da Repubblica senza che vi sia stato un italiano di fama 
a spiegare cosa questo termine significhi e di conseguenza perché lo status di repubblica sia così 
diverso e migliore da quello della monarchia. E' terrificante ma ancora oggi, con tutti i luminari che esistono 
nella Penisola, con tutti quelli che popolano il Continente, con tutte le illustrissime menti che brulicano sulla 
Terra, nessuno di loro s'è degnato di chiarire sostanza e senso della Repubblica.


Impero, monarchia e tirannide in genere: un individuo
e la sua famiglia, con una stretta cerchia di consociati,
con la forza posseggono lo Stato e comandano sul Popolo.

Repubblica: il Popolo è sovrano su tutto ciò che gli pertiene,
su ciò ch'è Pubblico (Stato, suoi Poteri, suoi beni e risorse)
e democraticamente lo gestisce con incarichi temporanei.


Quando un Popolo lotta contro i tiranni lo fa per strappargli la proprietà dello Stato: innanzitutto del Potere Legislativo, 
Amministrativo e Giudiziario. Il perché di tante dolorosissime guerre sta tutto nell'infinitamente grande e legittimo 
desiderio di togliere al tiranno tutto ciò che questo gran testa di cazzo s'è preso con la forza e detiene a vita lui e 
tutta la brutta famigliaccia sua. L'essenza ed il perché di tanto scorrere di sangue nelle varie epoche storiche stanno 
tutto in quella sovranità (che detta con termine quotidiano vuol dir dominio, possesso, proprietà) che il Popolo 
conquista al fine di esserne partecipe e realizzar così la Democrazia.


E tutto un mondo, non sol l'Italia, non sol l'Europa ma tutti i Continenti, sono ancora nelle 
condizioni politiche di godere di un sol Potere dello Stato realmente democratico: perché 
concesso con rigoroso mandato temporaneo. Mentre la montagna degli altri due Poteri dello Stato, 
l'Amministrativo ed il Giudiziario, sono ancora nelle stesse condizioni organizzative che ogni 
impero, monarchia e tirannide concepì per crearsi e mantenersi senza problemi: regalati a vita 
ad una minoranza, ad una casta.

Questo è uno schifo che la Storia non perdonerà. Avendo i vari Paesi del mondo (tutti 
sottomessi alla stessa ufficiale incultura) reso democratico il solo Potere Legislativo e lasciato gli 
altri due Poteri, tutti i loro Enti Statali, nelle mani di una casta di carrieristi che mai restituisce 
al Popolo Sovrano impieghi, poteri e redditi pubblici, della Repubblica, in qualsiasi momento un 
tiranno, un detentore a vita di potere, può tornare ad insediarsi anche nel Potere Legislativo. 
Game over.


Tragico fatto è che, a quasi vent'anni dalla concezione del Manifesto della Repubblica, chi qui scrive è l'unico partigiano 
in servizio attivo. Non a difendere la Repubblica, ché non l'abbiamo ancora realmente avuta nè quindi potuta conoscere e 
tantomeno godere. Bensì ad affermarne il principio di condivisione che può avvenire e può far salvo il mondo solo 
grazie alla temporaneità degli incarichi pubblici, dei ruoli di tutti e tre i Poteri dello Stato. Nel celebrare i 70 anni di una 
Repubblica rimandata a data da destinarsi, bisogna ancora asserirne il fondamento: la Repubblica, in latino Res Pubblica, è tale 
solo se condivisa. Accessibile e partecipata.


Danilo D'Antonio
http://wordpress-me.tk

Civilmente, legalmente, pacificamente,
rendiamo democratico l'intero Pianeta!

http://Manifesto-della-Repubblica.tk