[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Diritti] Torino. Un 2 giugno di lotta agli eserciti e alle frontiere



La pioggia battente non ha fermato gli antimilitaristi torinesi che hanno
dato vita ad un corteo che ha attraversato le vie del centro cittadino,
dipanandosi da piazza XVIII dicembre sino a via Garibaldi.

Lo striscione “Contro tutti eserciti per un mondo senza frontiere” apriva
il corteo, cui hanno preso parte anche diversi esponenti della comunità
curda torinese, che appoggia le esperienze di autogoverno in Rojava e in
Bakur.

In via Cernaia, il monumento equestre a Lamarmora è stato coperto con un
telo da pacciamatura. Le strade, le piazze e i giardini delle nostre
città, Torino non è da meno, sono segnate da statue e monumenti dedicati
ad assassini in divisa, a uomini che si sono distinti nell'uccidere,
stuprare, torturare in nome dello Stato.
Coprire le vergogne del militarismo, è un modo per mostrare, nascondendole
alla vista, le manifestazioni della pornografia bellica, della violenza
legalizzata degli eserciti.

Il corteo ha fatto il giro di piazza Solferino, affacciandosi su via
Bertolotti, dove ha sede la Prima circoscrizione, che il 25 aprile ha
dedicato ai due marò assassini il giorno in cui si ricorda l'insurrezione
di Torino contro il fascismo.
Più in là, chiuse da un cordone di polizia il monumento ai bersaglieri e
la scuola di applicazioni militari, che notte del 31 maggio erano state
decorate con scritte – assassini – vernice rossa e olio combusto.
La notte successiva la scritta “nessuna pace per chi fa guerra” era
comparsa su monumento per la “pace” di corso Regina Margherita. In quel
monumento la “pace” è rappresentata da un aereo militare italiano
stilizzato.
Anche sui muri della principale fabbrica d'armi di Torino, l'Alenia, è
comparsa la scritta “chiudere le fabbriche di morte”

Il corteo, mentre la pioggia si infittiva, ha guadagnato l'angolo con via
San Francesco, dove una barca con dentro due manichini insanguinati, una
rete ed una targa con la scritta “In memoria di Valentine Ajesh e
Jelestine Binky, uccisi dalla barbarie dei marò, è stata lasciata
all'incrocio.

In contemporanea un filo d'acciaio ha chiuso l'incrocio tra corso Vittorio
e corso Bolzano, in solidarietà a migranti deportati e agli attivisti
banditi da Ventimiglia.

Numerosi gli interventi sulla spesa di guerra, le fabbriche d'armi,
l'osmosi tra guerra interna e guerra esterna.

La giornata è proseguita alla Taz antimilitarista al parco Michelotti,
dove si è svolta un'assemblea, in cui si sono intrecciate le testimonianze
delle lotte, con le analisi sulle strategie di guerra, controllo sociale e
sperimentazione disciplinare degli ultimi anni.

Di seguito il testo del flier distribuito in queste settimane a Torino

Il 2 giugno il governo festeggia la Repubblica con parate militari ed
esaltazione patriottica.
A Torino è stata lanciata una giornata di lotta contro gli eserciti e le
frontiere.
L’Italia è in guerra. A pochi passi dalle nostre case si producono e si
testano le armi impiegate nelle guerre di ogni dove.
Le usano le truppe italiane nelle missioni di “pace” all’estero, le
vendono le industrie italiane ai paesi in guerra.
Queste armi hanno ucciso milioni di persone, distrutto città e villaggi,
avvelenato irrimediabilmente interi territori.
L’Italia è in guerra. Truppe italiane sono in Afganistan, in Iraq, in Val
Susa, nel Mediterraneo e nelle strade delle nostre periferie, dove i
nemici sono i poveri, gli immigrati, i senza casa, chi si oppone ad un
ordine sociale feroce.

L’Italia è in guerra. Ma il silenzio è assordante
La retorica sulla sicurezza alimenta l’identificazione del nemico con il
povero, mira a spezzare la solidarietà tra gli oppressi, perché non si
alleino contro chi li opprime.
La retorica della sicurezza alimenta l’immaginario della guerra di
civiltà, della paura della Jihad globale, mentre il governo del nostro
paese è alleato di chi finanzia chi semina il terrore.
Chi promuove guerre in nome dell’umanità, paga un macellaio perché i
profughi vengano respinti e deportati.

Il silenzio è assordante, perché il pensiero sulla sicurezza – lo stesso a
destra come a sinistra – sembra aver paralizzato l’opposizione alla
guerra, al militarismo, alla solidarietà a chi fugge persecuzioni e bombe.

Nel silenzio dei più c’è chi decide di mettersi di traverso, di sabotare
le antenne assassine di Niscemi, di battersi contro le fabbriche d’armi,
di fermare le esercitazioni di guerra, di aprire ed abbattere le
frontiere, di gridare forte il proprio il disgusto per la patria e il
nazionalismo.

Per fermare la guerra non basta un no. Occorre incepparne i meccanismi,
partendo dalle nostre città, dal territorio in cui viviamo, dove ci sono
caserme, basi militari, aeroporti, fabbriche d’armi, uomini armati per le
strade.

Foto e link:
www.anarresinfo.noblogs.org