[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Diritti] Quindicesimo giorno di digiuno contro la tirannide amministrativa e giudiziaria



 



Gentile Signora/e,

non vorrei interrompere il Suo lavoro, ma, la prego: perché non l'ho mai sentita denunciare il fatto che in tutto il mondo soltanto il potere legislativo è democratico (perché assegnato rigorosamente pro tempore, a tempo determinato) mentre il potere amministrativo e giudiziario è ancora regalato a vita ad una minoranza (che così si fa casta) con un Pubblico Impiego ch'è giunto ai nostri giorni come fu concepito ai tempi delle tirannidi?! Avremmo dovuto rendere democratici il potere amministrativo e giudiziario settant'anni fa, quando il nostro ed altri Paesi scelsero la democrazia. Perchè i pubblici impieghi (quindi i pubblici poteri) sono ancora dati a vita?!

Comprendo bene che i professori, i ricercatori, gli scienziati (essendo essi stessi per lo più dei burocrati, dei carrieristi pubblici, degli assunti a vita nel Pubblico Impiego) hanno impresso, inculcato, stampato nella mente di ognuno, una falsa (molto ridotta) visione della democrazia. Capisco bene che sortire da questa incultura è difficile. Ma se una persona comune, misera, come me è riuscita a capire come davvero stanno le cose, perché Lei (che è intelligente, sveglio, preparato, membro di un grande Partito) ancora tace sul più grande problema dell'era democratica?! Signora/e: urge licenziare tutti i carrieristi pubblici. Dobbiamo dissolvere questa retrograda, tirannica casta.

Dobbiamo interrompere questa orrenda discriminazione. I Pubblici Impieghi possono essere concessi solo pro tempore, rigorosamente in via temporanea. Uno Stato democratico richiede d'essere aperto e partecipato. Lo Stato siamo tutti noi cittadini, nessuno escluso. Parli con i Suoi colleghi ed amici: dobbiamo dismettere il carrierismo pubblico. I popoli d'Europa, i popoli della Terra, non vogliono più vivere sottomessi a questi tiranni. Abbiamo tutto il diritto di divenire finalmente veri cittadini.

Puntare tutto sulla politica è sbagliato: i poteri amministrativi e giudiziari sono altrettanto importanti e devono essere aperti e partecipati. Con queste parole, di fatto, Le porgo i miei migliori complimenti. Perché confido che Lei sia in grado di comprendere questa inoppugnabile verità. Gli impieghi, poteri e redditi pubblici appartengono al Popolo italiano: non possono essere dati a vita, pena la perdita del loro stesso carattere "pubblico".

Danilo D'Antonio
Monti della Laga
0039 339 5014947

Civilmente, legalmente, pacificamente,
rendiamo democratico l'intero Pianeta!

STATO DEMOCRATICO: APERTO E PARTECIPATO
http://BANCA-del-PUBBLICO-IMPIEGO.tk


p.s.: sono al quindicesimo giorno di digiuno;
      cortesemente, si affretti a denunciare l'accaduto:
      http://hyperlinker.tk/ars/gran_complotto.htm