[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

RE: [ dalla maddalena ] Lo strano silenzio sull?Hartford e le pecche nella sicurezzaalla



Noi a La Maddalena abbiamo seri dubbi sull'integrità di Fastame. Da quando
il mio comitato, il CoCiS è nato, questa persona ci ha sempre dato addosso
ed è spesso entrato in polemica con i relatori invitati ai nostri convegni.
L'ultimo ad essere stato attaccato duramente da Fastame è il prof. Fabrizio
Aumento quando venne a presentare i dati dell'analisi condotta per legambiente,
in cui si rivelava la presenza di hot spots radioattivi nell'isola.
Maja
>-- Messaggio Originale --
>Date: Sun, 16 Jan 2005 14:42:18 +0100
>From: useppescano at virgilio.it
>Subject: [ dalla maddalena   ] Lo strano silenzio sull?Hartford e le pecche
>nella sicurezzaalla
>To: disarmo at peacelink.it
>Cc: caomar at tiscali.it
>Reply-To: disarmo at peacelink.it
>
>
> 
>DOMENICA, 16 GENNAIO 2005
> 
>Pagina 9 - Olbia
> 
>La Maddalena. Pericoli e prevenzione nella base americana di Santo Stefano,
>Gian Carlo Fastame si rivolge a Roberto BaggioniIl radiochimico bacchetta
>l?ammiraglio 
>«Deve spiegare perchè non sono stati resi ufficiali i dati sul monitoraggio»
> 
> 
> 
>Lo strano silenzio sull?Hartford e le pecche nella sicurezza
> 
> LA MADDALENA. Gian Carlo Fastame, radio chimico che in diverse occasioni
>ha preso parte al vivace dibattito sulla presunta radioattività, interviene
>in seguito alle dichiarazioni rilasciate dall?ammiraglio di Marisardegna
>Roberto Baggioni. L?attacco è polemico. A parte la questione della presenza
>americana, Fastame manifesta seri dubbi «sull?efficienza dell?organizzazione
>della Marina nell?isoletta di Santo Stefano».
> Fastame chiede all?ammiraglio Baggioni «per quale motivo non renda pubblici
>i dati della rete di monitoraggio della radioattività ambientale della Marina
>militare italiana, nonostante gli annunci in tal senso del marzo 2004 di
>un suo comandante, alla presenza di un Senatore della Repubblica». Fastame
>è curioso di conoscere almeno la localizzazione dei punti di prelievo. «Le
>chiedo di far sapere per quale motivo la Marina non ci ha informati, o almeno
>non ha informato il sindaco, dell?incidente Hartford, che secondo il report
>ufficiale della U.S. Navy è avvenuto il 25 ottobre 2003 alle 12,40 alla
>Secca delle Bisce, a 1100 yarde dall?Isola delle Bisce, sotto gli occhi
>della guardia costiera italiana che inutilmente ha cercato di avvertire
>con il telefonino il Commodoro che conduceva il sottomarino in emersione
>ad una velocità eccessiva, portandolo ad urtare per tre volte sulla secca
>e provocando incisioni nello scafo per 66 metri quadri e danneggiando il
>timone per il 25 per cento fino a portarlo a toccare lo scafo». Ancora «le
>chiedo di far sapere per quale motivo a La Spezia durante le fasi di ingresso
>o di uscita, un ufficiale di collegamento della Marina italiana di Maridipart,
>sale a bordo del sottomarino. Quindi le manovre sono effettuate con l?assistenza
>del pilota in ore diurne: alla Maddalena di notte, senza ufficiale e pilota.
>Le chiedo di far sapere dove si trova il rimorchiatore, immagino adeguato
>e protetto, che secondo il piano di emergenza in caso di incidente deve
>allontanare il sottomarino entro un?ora, stando a distanza di sicurezza
>di 520 metri, a non meno di 10 chilometri, a una velocità non inferiore
>a 3 nodi, magari col ponente teso. Le chiedo - continua Gian Carlo Fastame
>- di far sapere di quale struttura organizzativa di personale medico e paramedico
>dispone la sua stazione di decontaminazione sita nell?ex ospedale militare,
>e se e come è organizzata per la distribuzione alla popolazione delle pasticche
>di iodio stabile in caso di incidente a un sottomarino nucleare, distribuzione
>che deve avvenire in tempi immediati».
> Ecco la conclusione. «Non sono preoccupato per un incidente: per cultura
>tecnica e gestione di società industriali, valuto remoto il rischio e gestibili
>le conseguenze, ma per la stessa cultura che ho appreso dai colleghi Usa,
>dico che la prevenzione e l?organizzazione delle contromisure sono irrinunciabili».
>Andrea Nieddu
>
>
>
>--
>Mailing list Disarmo dell'associazione PeaceLink.
>Per ISCRIZIONI/CANCELLAZIONI: http://www.peacelink.it/mailing_admin.html
>Archivio messaggi: http://www.peacelink.it/webgate/disarmo/maillist.html
>Area tematica collegata: http://italy.peacelink.org/disarmo/index.html
>Si sottintende l'accettazione della Policy Generale:
>http://www.peacelink.it/associazione/html/policy_generale.html
>


__________________________________________________________________
Tiscali Adsl 2 Mega Free, 2 Mega GRATIS!
Attiva Tiscali Adsl 2 Mega Free entro il 28 febbraio e navighi GRATIS
fino al 31 marzo 2005! In piu', anche il costo di adesione e' GRATIS.
Scaricato il concetto? http://abbonati.tiscali.it/adsl/