[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Campagna di obiezione di coscienza alle spese militari 2005



--- FAI CIRCOLARE QUESTO MESSAGGIO: GRAZIE! ---

Ciao a tutti,
anche quest'anno PeaceLink ospita la Campagna di obiezione di coscienza alle spese militari e per la Difesa Popolare Nonviolenta (DPN).

Il volantone e i materiali informativi possono essere scaricati da:

http://ospiti.peacelink.it/cnosm

In Italia, in particolare, la DPN ha già importanti basi giuridiche:
· la sentenza della Corte Costituzionale 164/85 che equiparò difesa armata e difesa non armata, ai fini di adempiere l?obbligo di difesa della patria (art.52); · la Legge 230/98 che riformando il servizio civile ne riconobbe il carattere ?alternativo? (e non più solo sostitutivo) al servizio militare, introdusse l?obiezione di coscienza come diritto (e non più concessione), la possibilità di svolgimento all?estero e definì, tra i compiti dell?Ufficio Nazionale per il Servizio Civile (UNSC) la predisposizione di forme di ricerca e di sperimentazione di difesa civile non armata e nonviolenta · 3 successivi ordini del giorno, collegati alla Legge 230/98 e approvati il 14.04.?98, che impegnavano l?allora governo Prodi in materia di formazione alla difesa nonviolenta, di riconoscimento del diritto all?opzione fiscale e di formazione di un contingente di Caschi Bianchi · la Legge 64/2001 istitutiva del servizio civile nazionale che viene definito espressamente ?finalizzato a concorrere, in alternativa al servizio militare obbligatorio, alla difesa della Patria con mezzi e attività non militari? e che prevede (art.9) la possibilità di svolgere servizio civile all?estero ?in strutture per interventi di pacificazione e cooperazione fra i popoli? · il D.P.C.M. 18.02.2004 che ha disposto l?insediamento del Comitato di Consulenza per la difesa civile non armata e nonviolenta presso l?UNSC, con una propria dotazione finanziaria (oggi pari a 400mila euro), con funzioni di ricerca, formazione e informazione sulla DPN · la sentenza della Corte Costituzionale 228/2004 del 16.07.2004 secondo cui anche il nuovo Servizio Civile Volontario è parte integrante del dovere di difesa della patria (art.52).

Alessandro Marescotti
www.peacelink.it