[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: RICEVO & PUBBLICO



Ho pubblicato su PeaceLink (lista disarmo) il messaggio ricevuto da www.lamaddalena.com

In relazione al messaggio scrivo una breve risposta.

At 01.03 24/05/05, you wrote:
Gent.mo Sig. Marescotti, sia tanto gentile da aggiungere anche questi interventi del Fisico Nucleare Dott. Franco Pinna.
<http://lists.peacelink.it/disarmo/msg01559.html>http://lists.peacelink.it/disarmo/msg01559.html

"Si leggono tante stupidaggini in giro!

E' evidentemente un nuovo sport quello di inventare teorie, anche se strampalate.
Posso dirti una cosa a riguardo delle presunte malformazioni:
non sono state rivelate neanche sulla popolazioni giapponesi bombardate nella seconda guerra mondiale! Penso che quei poveretti abbiano subito esposizioni a radiazioni piuttosto consistenti...

Dire che non vi sia un nesso fra radiazioni e malformazioni significa, passatemi il verbo, dover "riscrivere" le enciclopedie. Apprendere che le radiazioni non possano causare malformazioni, è cosa che lascia stupefatti. Le radiazioni hanno infatti effetto TERATOGENO, ossia sono in grado di alterare il normale sviluppo dell'embrione e causare malformazioni nel nascituro. Possono avere effetto teratogeno alcune sostanze chimiche, farmaci, agenti virali e batterici e... le radiazioni. Si legga ad esempio il sito sulle malformazioni congenite http://www.asmac.it/malformazioni_congenite.html

Si legga inoltre:

"Effetti biologici delle radiazioni"

http://www.odv.bo.it/2002-1/saggio-01.php#titino3
e anche
<http://www.google.it/url?sa=U&start=26&q=http://www.dmsa.unipd.it/%7Emazzia/lavori/seminario.pdf&e=10313>"Modelli matematici applicati al lago più contaminato del pianeta" (Karachai)
http://ww.dmsa.unipd.it/~mazzia/lavori/seminario.pdf

In ogni caso io ho presentato una tesi di Specializzazione in Fisica Sanitaria sulla situazione nel nord Sardegna, relativamente al contenuto di radioattività.

A La Maddalena non c'è niente di diverso dal territorio circostante.

Tralascio il resto, dato che chi fa premesse tanto minimizzanti rispetto agli effetti teratogeni della radioattività non potrà che andarsi a cercare ciò che è coerente con le sue premesse.

Comunque continuate a porre male la questione. Vi ho già detto che ogni discussione sui dati rilevati può essere - oltre che ragione di un lunghissimo dibattito - totalmente deviante rispetto alla questione centrale: l'esistenza di un rischio nucleare a La Maddalena. Questo rischio ESISTE. Perché esistono i sottomarini a propulsione nucleare USA. Esiste pertanto un piano di emergenza nucleare che prevede l'evacuazione dell'isola.
Per voi di www.lamaddalenaonline.com questo rischio è accettabile?
Sono accettabili le sue conseguenze?
E tenetevelo, allora, il rischio!

Lasciate - a chi non lo vuole correre - la legittima possibilità di non accettarlo.
In democrazia è la volontà generale che conta.

Saluti

Prof. Alessandro Marescotti
Presidente di PeaceLink
www.peacelink.it