[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Radioattività nell'arcipelago: i dati del Cisam la escludono



dalal  nuova   gallura del  29\5\2005

La relazione sui prelievi eseguiti a febbraio è stata esaminata dal chimico Fastame



LA MADDALENA. Sono arrivati i dati relativi alla rete di monitoraggio della radioattività ambientale del Centro interforze studi e applicazioni Militari Cisam di Pisa (ex Camen). «I dati vengono resi noti per la prima volta - spiega il radiochimico Giancarlo Fastame - grazie alla disponibilità dell'ammiraglio Francesco Andreucetti, responsabile del Cisam, che ha accolto le mie numerose richieste». Quali le novità? «Il Cisam ha i dati dal 1972 a oggi, quindi è l'unico archivio storico completo. Ha installato da alcuni mesi una nuova apparecchiatura di controllo sul molo di attracco dei sottomarini per i rilasci in mare. Questi dati sono di gran lunga più significativi di quelli del Pmp Asl 1, relativi a punti di prelievo più distanti (1.500 metri circa) e quindi sono inficiati dalla diluizione corrispondente. I dati trasmessi dal Cisam, che si riferiscono alle ultime rilevazioni effettuate nel febbraio 2005, sono nella norma. Il Cisam effettua campagne semestrali di prelievo di campioni ambientali. I dati rilevati - prosegue Fastame - non si discostano da quelli del passato e non sono pertanto evidenziabili fenomeni di accumulo attribuibili alla presenza di unità navali a propulsione nucleare: i punti di prelievo di acqua di mare, sedimenti e alghe sono chiaramente indicati e i singoli dati sono tutti nella norma. Non vengono, purtroppo, effettuati prelievi di indicatori biometrici e la relazione indica che il prelievo della Pinna nobilis (gnacchera) è sospeso in quanto specie protetta. Inoltre non vengono prelevati mitili in quanto inesistenti nei punti di campionamento. Qui c'è molto da discutere: non è possibile - spiega Fastame - come dichiarato nella seduta del 16 Dicembre 2004 in Senato, accettare che le reste di mitili posizionate intorno alla base vengano rubate». I grafici dei rilievi della Pinna nobilis dal 1972 al 1990 mostrano presenza di Cobalto-60, radioisotopo assolutamente artificiale. Anche l'Enea negli anni tra il 1974 e il 1979 ne aveva rilevato la presenza. (a.n.)


......................
http://www.censurati.it
http://cdv.splinder.com
328 6849962  fax  079  634198
............................