[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

informahumus 40



INFORMAHUMUS 40     

                 <http://www.progettohumus.it>www.progettohumus.it : il
maggiore portale italiano su  Chernobyl,  nucleare e solidarietà
(comprendente il "Progetto Kavkas" ovvero Beslan?e dintorni).

1° SETTEMBRE 2005: UN ANNO DOPO BESLAN. NON DIMENTICHIAMOCENE

vedi:
<http://www.progettohumus.it/beslan.php>http://www.progettohumus.it/beslan.php

Nel prossimo numero:

-          le mappe e i dati sulle più recenti rilevazioni della
contaminazione di Chernobyl in Italia

-          il lancio della campagna "Un futuro senza paura" per le scuole
della Bielorussia (vedi anticipazioni  nella sezione "Le novità")

LA RIFLESSIONE DELLA NEWSLETTER

LA MINACCIA DEL TERRORISMO NUCLEARE

Le quattro bombe terroristiche che sono esplose a Londra il 7 luglio hanno
provocato lutti e sofferenze immense. Questo crimine e' stato giustamente
oggetto di condanne pressoché universali. La violenza non risolve alcun
problema, e, al contrario, non fa che aggravarli.

E tuttavia bisogna dire che questa tragedia non fa che adombrare, per il
futuro, l'avvento di catastrofi molto peggiori, se il mondo in cui viviamo
continua nel suo corso attuale.

Le insidie del nuclearismo

Finchè le grandi potenze insistono a mantenere le armi di cui sono in
possesso, pretendendo di averne bisogno per garantire la propria sicurezza,
non possono aspettarsi di impedire ad altri paesi o organizzazioni
terroristiche di procurarsi questo genere di armi, e, un giorno o l'altro,

di farne uso.

La bomba atomica sganciata su Hiroshima ha ucciso più di 200.000 persone.

Le bombe nucleari di oggi sono di gran lunga più potenti di essa. Se anche
un solo ordigno nucleare fosse stato fatto esplodere su un'automobile
parcheggiata o in un battello sul Tamigi, il centro di Londra sarebbe stato
cosparso di rovine fumanti e radioattive, e oltre un milione di persone
avrebbero potuto rimanere uccise sull'istante, e un multiplo di questa
cifra sarebbero destinate a perire lentamente in seguito alle malattie
causate dalle
radiazioni?..<http://www.progettohumus.it/forum/viewtopic.php?t=161>SEGUE

(da un articolo di Dietrich Fischer pubblicato sul notiziario 26.07.05 di
Foudation for Peace and Future Research (sito:
<http://www.transnational.org>www.transnational.org). Traduzione di Renato
Solmi pubblicata in <http://lists.peacelink.it/>http://lists.peacelink.it/)

<http://www.PROGETTOHUMUS.IT>WWW.PROGETTOHUMUS.IT: LE NOVITA'

Daria De Benedetti-Chernobyl, fallout infinito: dal 6 settembre al primo
ottobre a Torino il reportage della fotoreporter freelance. Il lavoro
esposto è una sintesi di quaranta fotografie in bianco e nero (accompagnate
da un filmato con interviste), realizzate dalla fotoreporter romana tra
l'autunno del 2004 e l'inverno del 2005 nell'ambito del Progetto Humus e
con la collaborazione di Massimo Bonfatti (vedi:
<http://www.progettohumus.it/forum/viewtopic.php?t=158>http://www.progettohumus.it/forum/viewtopic.php?t=158)

Tavola rotonda su Chernobyl: Torino, 1° ottobre 2005, presso Photoicon, via
Porporati, 9 con la partecipazione della fotoreporter Daria De Benedetti,
della dr.ssa M. Teresa Fenoglio (Ass. Psicologi per i popoli), del dr.
Giovanni Mathieu (Ass. Senza Confini), di Federico Manassero (Ass.
Arcobaleno), di Massimo Bonfatti (Progetto Humus).

Campagna "Un futuro senza paura": sulla base dell'esperienza didattica
sulla radioprotezione effettuata dal Progetto Humus (vedi:
<http://www.progettohumus.it/azioni.php?name=biblioteca>http://www.progettohumus.it/azioni.php?name=biblioteca;
<http://www.progettohumus.it/azioni.php?name=opuscolo1>http://www.progettohumus.it/azioni.php?name=opuscolo1)
il Ministero della Pubblica Istruzione della Bielorussia in collaborazione
con un istituto di radioprotezione di Gomel ha progettato dei corsi di
formazione sulla radioprotezione per gli insegnanti operanti nelle scuole
delle zone contaminate per l'anno scolastico 2005/2006. I costi per
l'iscrizione degli insegnanti, per loro gravosi, sono decisamente modici
(indicativamente sotto i 500 euro, considerando gli spostamenti, il corso,
il materiale didattico, vitto e alloggio per tutta la durata del corso) per
i nostri parametri occidentali. La campagna è un'ottima occasione, e forse
irripetibile, per formare gli insegnanti dei villaggi in cui molte
associazioni operano e per fornire alle giovani generazioni strumenti
importanti per affrontare il proprio futuro in territorio contaminato. Nel
prossimo Informahumus l'articolazione del corso, la durata, i costi.
Invitiamo a contattarci per le pre adesioni.

Mostra "26 Aprile": sono pervenute molte dichiarazioni di intenti per
eventuali prenotazioni. ñ necessario, però, definirle al più presto,
soprattutto in previsione del ventennale di Chernobyl. (vedi:
<http://www.progettohumus.it/forum/viewtopic.php?t=11>http://www.progettohumus.it/forum/viewtopic.php?t=11).
La mostra parteciperà al prossimo festival nazionale "Lilliput 2005" (vedi
programma:
<http://www.emilianet.it/database/emilianet/emilianet2.nsf/0/6314da76cc0fb743c12570690036d893/$FILE/Programma_Festival_di_Lilliput_2005-1.doc>http://www.emilianet.it/database/emilianet/emilianet2.nsf/0/6314da76cc0fb743c12570690036d893/$FILE/Programma_Festival_di_Lilliput_2005-1.doc)
e, in collaborazione all'associazione "Insieme a Casalbarbato per
Chernobyl", sarà esposta a Fontanellato (Pr) dal 11 al 18 settembre 2005,
in concomitanza alla rappresentazione teatrale "Reportage Chernobyl" di
Roberta Biagiarelli.

Viaggio a Beslan: sono in corso gli ultimi preparativi per la missione di
fine ottobre. Sul sito è stata aperta una nuova sezione:
<http://www.progettohumus.it/beslan.php?name=caucaso>http://www.progettohumus.it/beslan.php?name=caucaso
che presto si avvarrà della preziosa collaborazione della dr.ssa Alessandra
Rognoni, una delle maggiori esperte del conflitto inguscio/osseto.

Marina di Grosseto, Beach Party per Beslan: si svolgerà il 7 e l'8
settembre, dalle ore 21,30 alle ore 4,00, un Beach Party a favore del
Progetto Kavkas. Il party si svolgerà in zona spiaggia sud presso i bagni
"Kursaal" di Marina di Grosseto. L'evento è organizzato dal "Villa Gaia"
Garden in collaborazione con altri sponsor locali, con l'associazione
"Cittadini senza frontiere" e con l'Amministrazione di Grosseto.

Accoglienza minori da Beslan e dintorni: sono già pervenute le prime
adesioni alla campagna 2006. Per maggiori informazioni:
<http://www.progettohumus.it/forum/viewtopic.php?t=114>http://www.progettohumus.it/forum/viewtopic.php?t=114

Aggiornamenti: consulta, nel forum, le sezioni "News dalla redazione",
"News dall'Est Europeo", "Chernobyl e il nucleare". "Progetto Kavkas" per
essere aggiornato costantemente e in tempo reale.

LA SEGNALAZIONE DELLA NEWSLETTER


scienziate e scienziati contro la guerra

<http://www.iac.rm.cnr.it/~spweb/informazioni.html>http://www.iac.rm.cnr.it/~spweb/informazioni.html



Grazie per l'attenzione!

Massimo Bonfatti



Controlla con periodicità gli aggiornamenti sul sito
<http://www.progettohumus.it>www.progettohumus.it, segnalalo e diffondi le
informazioni. Invia questa e-mail ad amici o conoscenti che ritieni possano
essere interessati. Critiche, commenti, informazioni, collaborazioni sono
graditi. Grazie!

Numero destinatari seguente newsletter: 9.829  Inizio invio:h.10,40 del
28.08.05

Per nuovi inserimenti nella mailing list, inviare una e mail a
<mailto:bonfatti at mail.karmanet.it>bonfatti at mail.karmanet.it semplicemente
con oggetto "iscrizione mailing list".

Per notizie tecniche o per reciproci link contattare il webmaster:
<mailto:slimdany at hotmail.com>slimdany at hotmail.com



Informativa ai sensi del D. Lgs. n° 196/2003. L'utilizzo degli indirizzi e
mail presenti nell'archivio del progetto Humus sono autorizzati dai
possessori o legittimati dall'appartenenza a elenchi pubblici su
internet (fra cui gli indirizzi "in chiaro" provenienti alla redazione del
sito) o da registrazioni a sevizi gratuiti di comunity di Progettohumus.it,
atti o documenti conoscibili da chiunque.In tutti questi casi viene
accertata l'assenza di restrizione da parte del possessore.Gli indirizzi e
mail verranno utilizzati esclusivamente per i servizi informativi del
progetto Humus e non verranno assolutamente resi visibili nelle liste di
distribuzione, nè tantomeno saranno utilizzati e diffusi presso terzi. In
conformità all'art. 3 l'utilizzo dei dati personali da parte del progetto
Humus non si configura come trattamento dei dati personali in quanto
vengono utilizzati anonimamente o con modalità che non ne permettano
l'identificazione. Ai sensi dell'art. 7 ogni destinatario ha il diritto di
conoscere, aggiornare, rettificare o cancellare i propri dati od opporsi
all'utilizzo degli stessi, se trattati (o ritenuti trattati) in violazione
della legge. Il ricevimento , per la prima volta, del notiziario (sulla
base  delle legittimazioni precedentemente elencate) corrisponde a
preventiva informazione per l'utente, che, sulla sua base, potrà indicare
la propria volontà. Le informazioni ricevute sono ad uso esclusivo del
destinatario. Per cancellarsi (qualora l'indirizzo fosse stato usato
erroneamente o qualora si desiderasse non più ricevere e mail) inviare una
e mail con oggetto <mailto:bonfatti at mail.karmanet.it>"rimuovi"   USANDO LO
STESSO NOME E LA STESSA E MAIL. In caso contrario, ritenendosi implicito il
consenso, viene legittimata la prosecuzione del servizio. Per queste
ragioni e per il fatto di non contenere pubblicità commerciale, questo
messaggio non può essere considerato spam (posta elettronica non richiesta).
Nell'eventualità di variazioni di indirizzo o di necessità di invio  ad uno
nuovo, preghiamo di segnalarcelo con un messaggio. Segnalateci pure, e
scusateci per il disguido,  eventuali duplici invii di e mail. Titolare del
trattamento è <mailto:bonfatti at mail.karmanet.it>bonfatti at mail.karmanet.it .