[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: SOLIDARIETA' A FRANCO TURIGLIATTO



Esatto:  ci vuole il compromesso, la trattativa, la mediazione.... NON 
LA PRESA PER IL CULO.

Se un partito di governo non vuole avere pacifisti tra le palle eviti 
di candidarli o di mettere arcobaleni nel simbolino elettorale....

Per la prossima volta occorre ricordare a "mr genius" che se si sa di 
non avere i numeri è meglio evitare frasi tipo "se andiamo sotto tutti 
a casa"


Alberto

----Messaggio originale----
Da: danidane at tele2.it
Data: 22/02/2007 8.31
A: <disarmo at peacelink.it>
Ogg: Re: SOLIDARIETA&#39; A FRANCO TURIGLIATTO

Il senatore, doveva rifiutarsi di farsi eleggere in un partito di 
governo, 
se voleva essere coerente.
Facendo così, DOPO AVERE ACCETTATO DI ENTRARE in un governo con 
Mastella e 
la margherita, si è conportato come una quinta colonna, non a favore 
della 
sinistra, MA DELLA DESTRA.
Se volete fare i puristi, state a fare i circoli fuori dal parlamento, 
ma 
non cercate di entrare al governo.
Da quando esiste la politica, per governare e andare incontro alla 
maggioranza, occorre una cosa : IL COMPROMESSO. Se volete invece 
imporre le 
idee pacifiste alla maggioranza, c'è una sola alternativa: un governo 
dittatoriale.
Vi andrebbe bene?
daniele

----- Original Message ----- 
From: "Doriana Goracci" <doriana at inventati.org>
To: <pace at peacelink.it>
Cc: <disarmo at peacelink.it>
Sent: Thursday, February 22, 2007 1:51 AM
Subject: SOLIDARIETA' A FRANCO TURIGLIATTO


> APPELLO DI SOLIDARIETA'  (adesioni: con-turigliatto at libero.it)
>
> La segreteria del Prc ha dichiarato incompatibile con il partito il
> senatore Franco Turigliatto, a seguito della sua non partecipazione 
al
> voto sulla politica estera del governo.
> Ci sembra una scelta sbagliata e grave.Innanzitutto perché l'atto
> parlamentare non solo è in piena coerenza con il programma storico 
di
> Rifondazione comunista ma anche perché in sintonia con le istanze di
> pace dei movimenti degli ultimi anni...
>
> Pensare che un governo di centrosinistra possa imporre ai suoi
> sostenitori missioni di guerra come l'Afghanistan o il raddoppio di 
una
> base come quella di Vicenza ci sembra una miopia e la causa prima 
della
> crisi attuale.
> Ma il comportamento di Turigliatto è stato anche accompagnato da un 
gesto
> di serietà e correttezza che non può essere sottovalutato: in una
> politica in cui il seggio o la "poltrona" rappresentano un valore a
> prescindere, aver presentato le dimissioni al Senato, dopo 
quarant'anni
> di militanza politica passata a fianco degli operai e dopo aver
> costruito dalle fondamenta il Prc, in particolare a Torino, ci 
sembra un
> fatto di grande novità e di grande moralità per quanto noi pensiamo 
che
> queste dimissioni siano da ritirare.
> Nel nostro Parlamento c'è bisogno di rappresentanza delle ragioni 
della
> pace, del pacifismo "senza se e senza ma": ce n'è bisogno alla
> vigilia della campagna di primavera in Afghanistan e ce n'è bisogno
> rispetto alle sudditanze che si profilano rispetto agli Usa.
> C'è bisogno di atti come questo per quanto difficili e delicati ma 
che
> servono anche per colmare la distanza tra politica e società.
> Tutta la nostra solidarietà a Franco Turigliatto e tutta la nostra
> disponibilità a costruire con convinzione un movimento per la pace
> "senza se e senza ma".
> la mail su cui raccogliere le adesioni è :
>
> con-turigliatto at libero.it
>
>
>
> La nostra solidarietà a Franco Turigliatto. Al Senato una manovra
> centrista. Per batterla, il governo cambi politica.
>
> comunicato dell'associazione sinistra critica
>
> Esprimiamo la più totale solidarietà umana, morale e politica al 
senatore
> Franco Turigliatto che al Senato ha compiuto l'unica scelta 
possibile
> per una sinistra pacifista e alternativa. Turigliatto, ben al di là 
di
> operazioni politiche di piccolo cabotaggio ha voluto confermare il
> vincolo morale che lo lega al movimento pacifista e al programma 
storico
> di Rifondazione comunista. Il gesto esemplare delle dimissioni 
dimostra
> questa correttezza di fondo e la sostanza morale del suo 
comportamento.
> Per questo lo ringraziamo.
>
> Del resto, la manovra neocentrista che è andata in onda oggi al 
Senato e
> che ha visto tra i protagonisti, niente meno che Andreotti, si è
> incuneata proprio nell'incapacità del governo di cogliere 
l'importanza
> del tema della guerra sia nel caso di Vicenza che nel caso
> dell'Afghanistan.
>
> Il governo è andato sotto perché vittima delle proprie 
contraddizioni e
> del distacco dallo "spirito originario" che ne ha consentito la
> vittoria il 9 aprile. Spirito originario in cui il No alla guerra 
era
> componente fondamentale come si è visto nella magnifica giornata del 
17
> febbraio a Vicenza.
>
> Per tutta risposta, il governo non solo ha chiuso qualsiasi 
comunicazione
> con quella mobilitazione ma nei suoi primi nove mesi di vita ha
> perseguito una politica centrista fatta di aumento delle spese 
militari,
> di avallo delle missioni all'estero, di regali alle imprese e di
> sacrifici in nome di Maastricht. Tutto questo ha contribuito a 
ridurne
> il consenso e a indebolirne le radici. E' qui che è arrivata la
> "mossa" centrista dell'Udc, di Follini e di Andreotti. Di tutto
> questo bisogna essene consapevoli: a inseguire il neocentrismo è 
questo
> che alla fine prevale.
>
> Quanto all'immediato, certamente non siamo felici per l'esito di 
oggi
> ma l'unico modo per rimediare a una situazione eccessivamente
> enfatizzata e drammatizzata ad arte per ricattare la sinistra
> alternativa è ritornare allo spirito di pace e di solidarietà 
sociale
> che ha animato la sconfitta delle destre.
>
> Cambiare politica è dunque l'unica strada che il governo ha davanti 
a sé
> per recuperare fiducia e darsi una prospettiva
>
> _________________________________________________________________
>
> Aderisco al comunicato di Sinistra Critica.
>
>
> Non sono più iscritta al Prc dal 2006, diedi le dimissioni dalla
> segreteria provinciale di Viterbo, dove il mio ruolo sarebbe dovuto
> essere quello di sostenere i temi della Pace Donne Movimenti.
> Con orgoglio ricordo ai compagni di Sinistra Critica che votai per 
la
> sudetta mozione all'ultimo congresso.
> Eravamo pochissimi, non per questo meno determinati.
> Conosco i disagi e le sofferenze di quanti hanno deciso di rimanere 
nel
> partito nell'ultimo anno.
> Turigliatto ha dimostrato tutta la sua coerenza ed il rispetto per 
sè
> stesso e per quanti lo avevano delegato.
> Così come la direzione del Prc dimostra tutto il non rispetto per i 
suoi
> iscritti e per quanti hanno delegato con il loro voto il partito.
> Tutta la mia solidarietà ad una *persona* onesta e rappresentativa 
della
> sua base.
>
> Doriana Goracci
>
> --
> Mailing list Disarmo dell'associazione PeaceLink.
> Per ISCRIZIONI/CANCELLAZIONI: http://www.peacelink.it/mailing_admin.
html
> Archivio messaggi: http://www.peacelink.it/webgate/disarmo/maillist.
html
> Area tematica collegata: http://italy.peacelink.org/disarmo/index.
html
> Si sottintende l'accettazione della Policy Generale:
> http://www.peacelink.it/associazione/html/policy_generale.html
>
>
>
> -- 
> No virus found in this incoming message.
> Checked by AVG Free Edition.
> Version: 7.5.430 / Virus Database: 268.18.1/690 - Release Date: 
16/02/2007 
> 14.25
>
> 

--
Mailing list Disarmo dell'associazione PeaceLink.
Per ISCRIZIONI/CANCELLAZIONI: http://www.peacelink.it/mailing_admin.
html
Archivio messaggi: http://www.peacelink.it/webgate/disarmo/maillist.
html
Area tematica collegata: http://italy.peacelink.org/disarmo/index.html
Si sottintende l'accettazione della Policy Generale:
http://www.peacelink.it/associazione/html/policy_generale.html





Naviga e telefona senza limiti con Tiscali     
Scopri le promozioni Tiscali adsl: navighi e telefoni senza canone Telecom

http://abbonati.tiscali.it/adsl/