[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: EX-JUGOSLAVIA: 189 CASI TUMORE TRA MILITARI ITALIANI DAL ‘96



guarda che questi ragazzi li trovo sull'autobus.
per alcuni vuol dire andare in missione, ad esempio uno andato in bosnia, per poi comprarsi moto e macchina.
abita con mamma e papà e no dà una lira, ora lavora in fabbrica.

ne ho piene le palle del pietismo.

anche la guerra è illegale, tanto quanto il commercio di droga e armi operata da Cia.

Davide Bertok ha scritto:
Io credo che questi militari lo sappiano benissimo cosa vadano a fare, ma con questo non significa che condividano quello che stanno facendo. C'è tanta disoccupazione in giro per l'Italia e specialmente al sud, e in certi casi arrivi al punto che accetti qualunque cosa pur di mantenerti da vivere, e magari non solo te ma anche la tua famiglia. E' facile giudicare quando magari il modello che si ha di solito davanti è del figlio mantenuto o che va avanti con lavori precari continuando a stare dai genitori, e che comunque non ha figli perché non se li potrebbe permettere. Magari intervistiamo questi ragazzi che vanno a fare il militare di carriera e poi ne riparliamo. Senza sapere di cosa stiamo parlando facciamo solo supposizioni. Per rispondere anche ad Antonio Bontempi: spacciare droga è un attività illegale, questo significa che culturalmente (per la cultura della nostra società) fare il militare è un lavoro considerato più "pulito" e non vieni perseguito se scegli di fare quel tipo di lavoro.
Per questi motivi alla fine uno sceglie la via di far denaro "legale".