[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

2 ottobre, Giornata Mondiale della Nonviolenza



La lista completa (ma in continuo aumento) delle iniziative per il 2 ottobre si 
può trovare su www.silo.ws

2 ottobre, Giornata Mondiale 
della Nonviolenza.

L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha dichiarato il 2 ottobre, 
giorno della nascita di Gandhi, "Giornata Mondiale della 
Nonviolenza" invitando Stati, personalità ed associazioni a celebrarne 
la ricorrenza. 
Nella crisi globale che sta attraversando l´umanità, la nonviolenza non 
è più soltanto una possibile alternativa, ma è una necessità. Non esiste 
altra via d´uscita per garantire la sopravvivenza e lo sviluppo 
dell´umanità e realizzare un mondo senza violenza.
La nonviolenza è un percorso intenzionale, che richiede un profondo 
cambiamento personale, la riconciliazione con se stessi e con gli altri, 
imparando a trattare gli altri come si vorrebbe essere trattati. A livello 
sociale, implica la ricerca di mezzi nuovi e creativi per risolvere i 
conflitti, nella prospettiva di superare completamente la violenza in 
tutte le sue forme di espressione. 
Il cammino della nonviolenza è stato indicato da due grandi guide, 
Gandhi e Martin Luther King e prosegue oggi con la figura di Silo, 
ispiratore del Nuovo Umanesimo Universalista. 
La Giornata Mondiale per la Nonviolenza può essere unsegnale 
lanciato da tutte le organizzazioni e i singoli individui che hanno a 
cuore il futuro dell´umanità per dare il via ad azioni concrete e non 
puramente formali.
Il 2 ottobre sono previste centinaia di iniziative, realizzate dagli 
umanisti in tutto il mondo insieme ad altre forze e personalità.
In alcuni paesi - Francia, Ungheria, Olanda, Spagna, Repubblica 
Ceca, Russia, Grecia, Italia, Cile, Argentina, Senegal e Costa 
d´Avorio - la Giornata della Nonviolenza sarà celebrata insieme ai 
rappresentanti dell´ambasciata indiana, per rendere omaggio alla 
figura ispiratrice di Gandhi e ai rappresentanti della Bolivia, il cui 
presidente Evo Morales sta facendo del ripudio della violenza la base 
della sua politica.