[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

I bambini di fallujah



Nel novembre del 2004 rainews24 manda in onda una inchiesta agghiacciante circa il bombardamento americano su Fallujah.
Cosa ne è oggi dei bambini di Fallujah?

http://videolive.rai.it:8080/asxgen/ran24/fallujah_ITA.asf

IRAQ: I bambini vittime delle “armi speciali”
Ali al-Fadhily e Dahr Jamail*

FALLUJAH, 13 giugno 2008 (IPS) - I bimbi nati a Fallujah presentano malattie e malformazioni di una gravità senza precedenti.

I nuovi casi, e il numero di morti tra i bambini, sono aumentati dopo l’utilizzo delle “armi speciali” in due massicci bombardamenti contro Fallujah nel 2004.

Dopo averlo inizialmente negato, nel novembre 2005 il Pentagono ha ammesso che l’anno prima a Fallujah era stato effettivamente utilizzato fosforo bianco, un’arma incendiaria il cui uso è vietato dalla Convenzione di Ginevra.

E sempre a Fallujah è stato fatto anche ampio uso di munizioni all’uranio impoverito (DU), che contengono scorie a basso livello di radioattività. Il Pentagono ha ammesso di aver impiegato 1.200 tonnellate di DU in Iraq fino ad oggi.

Molti medici ritengono che il DU sia la causa di un grave aumento nell’incidenza di cancro in Iraq, e anche tra i veterani Usa che hanno prestato servizio nella guerra del Golfo del 1991 e nella recente occupazione.

”Abbiamo visto tutti i colori dell’arcobaleno sprigionati dall’esplosione delle granate e dei missili americani”, ha raccontato all’IPS Ali Sarhan, un insegnante di 50 anni che ha vissuto entrambi gli assedi Usa del 2004. “Ho visto i corpi diventare ossa e carbonizzarsi all’istante, subito dopo l’esposizione alle bombe che poi abbiamo scoperto essere al fosforo”.

”La cosa più preoccupante è che molte delle nostre donne hanno perso i loro figli appena nati, e molti bambini presentavano malformazioni alla nascita”.

”Avevo due figli con danni al cervello dalla nascita”, ha detto all’IPS Hayfa' Shukur, 28 anni. “Mio marito è stato preso dagli americani a novembre 2004, e così ho dovuto occuparmi dei figli da sola, portandoli in ospedali e cliniche private. Poi sono morti. Ho speso tutti i nostri risparmi e ho chiesto in prestito notevoli somme di denaro”.

Shuku racconta che secondo i medici è stato l’uso di armi vietate ad aver provocato i danni cerebrali dei suoi e poi la loro morte, “ma nessuno di loro ha avuto il coraggio di metterlo per iscritto”.

”Molti bambini sono nati con malformazioni congenite”, ha spiegato all’IPS un pediatra che ha preferito restare anonimo.”Può trattarsi di difetti al cuore, labbro leporino (cheiloschisi), palato spaccato (palatoschisi), sindrome di down, e difetti agli arti”.

Inoltre, ha aggiunto, “Posso dire che dopo il massacro del novembre 2004 a Fallujah si sono presentati problemi di ogni tipo legati all’inquinamento tossico”.

Molti medici riferiscono di casi e di esempi analoghi, ma le indicazioni sono incerte, in mancanza di uno studio o di un qualsiasi dato ufficiale disponibile.

L’amministrazione del Policlinico di Fallujah non ha voluto fornire statistiche sui bambini malformi, ma un medico si è offerto di parlare in condizioni di anonimato - per timori di ritorsioni in caso di critiche verso l’amministrazione.

”L’esposizione della madre a sostanze tossiche o a materiale radioattivo può portare all’aborto spontaneo o all’aborto dopo il quinto mese, e a malformazioni congenite”, ha spiegato il medico all’IPS. Ci sono stati molti di questi casi, e il governo “non fa niente per contenere il danno, o per offrire una qualsiasi assistenza all’ospedale”.

“Questi episodi richiedono un forte impegno internazionale per fornire le più alte e le più recenti tecnologie che noi non potremo avere per i prossimi cento anni”, ha aggiunto.

Il 31 marzo scorso, il Comitato internazionale della Croce Rossa (ICRC) ha espresso preoccupazione per la mancanza di attrezzature mediche negli ospedali di Baghdad e Basra.

“Gli ospedali hanno impiegato le loro scorte mediche vitali, ma servono ulteriori forniture per fronteggiare l’afflusso dei feriti. L’accesso all’acqua resta problematico in alcune aree”, si legge in una dichiarazione dell’ICRC.

Lo scorso febbraio, un funzionario del ministero della salute iracheno avrebbe dichiarato che il settore della sanità è sottoposto a “forti pressioni”, con dozzine di medici uccisi, un esodo del personale medico, scarse infrastrutture, e carenza di medicinali.

“Siamo in una situazione in cui ci manca praticamente di tutto”, ha detto il funzionario; “non abbiamo sufficienti dottori né medicine, e quasi tutte le nostre attrezzature mediche sono obsolete”.

”Abbiamo avuto molti casi di lesioni alla spina dorsale e alla testa, ma non abbiamo potuto fare nulla, perché mancavano gli specialisti e i farmaci”, ha aggiunto. “Il fluido endovenoso, che è una cosa basilare, non è sempre disponibile”. È dal 1986 che non si costruiscono nuovi ospedali, ha segnalato il funzionario.

Il ministro della salute iracheno Salih al-Hassnawi ha sottolineato la grave carenza di medicine in una conferenza stampa ad Arbil, nella regione del Kurdistan, il 22 febbraio scorso. “Il ministero della sanità iracheno soffre di una grave carenza di medicinali… Abbiamo deciso di importarli immediatamente per rispondere ai bisogni impellenti”.

Secondo Al-Hassnawi, il budget di quest'anno per la salute prevede che la spesa totale per medicine, attrezzature mediche e ambulanze ammonterebbe in media a 22 dollari per ogni cittadino.

Ma per il numero indefinito di neonati e di famiglie che hanno già subito le conseguenze della prima devastazione è troppo tardi. Ed è troppo poco per soddisfare i bisogni specifici dei neonati sopravvissuti con malformazioni. (FINE/2008)

http://www.ipsnotizie.it/nota.php?idnews=1219

://www.ipsnotizie.it/nota.php?idnews=1219