[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: Parliamo di tagli alle spese



fra ha scritto:
quindi un taglio di 1.4 miliardi di euro fino al 2011
notevole rispetto agli 8 miliardi sottratti alla scuola in tre anni.

anche perchè a quei tagli alla difesa non crederei molto.
In alcuni casi possono esserci solo rinvii, in altri la spesa può essere spostata sotto altri dicasteri (innovazione, sviluppo, ecc), quanto al costo del personale, mi pare ovvio che a perderci saranno solo i livelli più bassi della scala gerarchica:

dichiarazione di La Russa:

Nel mondo militare militare la percentuale di assenza dal lavoro è dello 0,5% e, quindi, il ministro Brunetta non troverebbe fannulloni". Queste le parole del Ministro della Difesa, Ignazio La Russa, che è tornato sulle polemiche dei mesi scorsi contro le inefficienze nella pubblica amministrazione. "C'è comunque l'esigenza di razionalizzare le spese, anche se il corpo è sano e non ci sono sprechi - ha spiegato La Russa di ritorno da una visita ufficiale negli Stati Uniti".

I tagli operati dal governo al bilancio della Difesa "ci sono stati perchè il governo ha deciso di far costare meno lo Stato e di allineare il peso sostenuto dai cittadini a quello degli altri paesi europei - ha detto La Russa. Il Parlamento, però, sta votando la specificità ed ha votato l'integrazione della spesa per le missioni all'estero. Alla fine anche i militari devono fare uno sforzo, perchè anche in un comparto virtuoso come quello della Difesa c'è un'enorme possibilità di razionalizzare le spese".

Per il ministro La Russa bisogna riconfigurare la struttura delle forze armate, perchè ancora oggi si registra "un surplus di sottufficiali". Possibile per i prossimi anni l'idea di una "mini-naja" per i giovani volontari con sgravi fiscali per le aziende che contribuiscono come sponsor.