[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

4 novembre festa delle Forze Armate



Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, ha spiegato che le celebrazioni non graveranno sul bilancio della Difesa perché saranno finanziate con un apposito fondo e costeranno poco più di 750mila euro per gli appuntamenti in programma tra il 4 e il 9 novembre in 20 città italiane (300mila solo per la grande serata conclusiva presentata da Rita Dalla Chiesa e Fabrizio Frizzi a Roma con il concerto di Andrea Bocelli a Piazza del Popolo), cifra a cui bisogna aggiungere 200mila euro di spese per la comunicazione istituzionale. "Non ho sottratto neanche un centesimo dal bilancio della Difesa - ha spiegato La Russa. Ho fatto in modo di attingere solo dai fondi già stanziati per le celebrazioni del novantesimo anniversario della Prima guerra mondiale. E' stato attivato un fondo speciale di massimo 3 milioni di euro, al quale attingeremo soltanto in parte". Sul costo complessivo delle celebrazioni incideranno, poi, le spese per l'occupazione dello spazio, il suolo pubblico e altre voci, quantificabili secondo La Russa in "12.500 euro in media per ogni città, per un totale di 250.000 euro". Infine, ci saranno da pagare l'indennità e lo straordinario dei militari, che come tutte le altri voci saranno licenziati attraverso il fondo creato ad hoc e non graveranno sul bilancio della Difesa.

Note del generale Luigi Cadorna:

“Per attacco brillante si calcola quanti uomini la mitragliatrice può abbattere e si lancia all’attacco un numero di uomini superiore: qualcuno giungerà alla mitragliatrice […].

"Le sole munizioni che non mi mancano sono gli uomini”.

"Il superiore ha il sacro potere di passare immediatamente per le armi i recalcitranti ed i vigliacchi".

"Chi tenti ignominiosamente di arrendersi e di retrocedere, sarà raggiunto prima che si infami dalla giustizia sommaria del piombo delle linee retrostanti e da quella dei carabinieri incaricati di vigilare alle spalle delle truppe, sempre quando non sia freddato da quello dell’ufficiale".

Lettere dal fronte*

*"Vi sono truppe allo scoperto, sotto il tiro del cannone nemico, con 15° sotto zero, e si vuole che avanzino. Muoiono gelati a centinaia e ciò è ignorato dal paese. Gli ufficiali più arditi hanno crisi di pianto di fronte alla vanità degli sforzi, davanti all'impossibile. Sull'Isonzo si muore a torrenti umani e nulla finora si è raggiunto."

Lettera di un generale dissidente a Giolitti, 1915

"Non si creda agli atti di valore dei soldati, non si dia retta alle altre fandonie del giornale, sono menzogne. Non combattono, no, con orgoglio, né con ardore; essi vanno al macello perché sono guidati e perché temono la fucilazione. Se avessi per le mani il capo del governo, o meglio dei briganti, lo strozzerei".

(B.N. anni 25, soldato; condannato a 4 anni di reclusione per lettera denigratoria,1916)

"Sono ritornato dalla più dura prova che abbia mai sopportato: quattro giorni e quattro notti, 96 ore, le ultime due immerso nel fango ghiacciato, sotto un terribile bombardamento, senza altro riparo che la strettezza della trincea, che sembrava persino troppo ampia. I tedeschi non attaccavano, naturalmente, sarebbe stato troppo stupido. Era molto più conveniente effettuare una bella esercitazione a fuoco su di noi; risultato: sono arrivato là con 175 uomini, sono ritornato con 34, parecchi quasi impazziti".

Dal fronte occidentale, 1916

"Ma ancora un fatto le voglio raccontare: un giorno ci hanno messo tutti in riga perché hanno detto che ci facevano la decimazione, per via che molti erano disfattisti... "Soldati - ha gridato il colonnello - sarete fucilati uno ogni dieci, se non dite i nomi di quei vigliacchi che fanno i disfattisti, mettendo in grave pericolo la patria" e subito hanno incominciato a contare, fuori uno ogni dieci. Però, neanche un soldato ha fatto la spia e, alla fine, non hanno fucilato nessuno, avevano fatto solo per dare un avvertimento; ma, a guardare, disfattisti eravamo tutti, perché in trincea si sentivano solo lamentele, bestemmie contro il governo e contro i comandi, ostie continue contro la guerra e quelli che l'avevano voluta.."

1/12/915: …Fino che eravamo al masatorio in prima linea, in rischio di farci macelare ogni minuto, ci trattavano (i superiori) un po' meglio, perché avevano paura di noi e quando si fa per avanzare cridavano avanti, avanti altrimenti vi sparo...".