[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Alenia Foggia, 150 dipendenti in Cig fino al 31 dicembre



Alenia Foggia, 150 dipendenti in Cig fino al 31 dicembre

Faranno ricorso alla cassa integrazione guadagni ordinaria 150 dipendenti dell'Alenia Aeronautica di Foggia. L'accordo è stato raggiunto l'8 settembre scorso tra azienda e Fim, Fiom e Uilm ed è stato presentato oggi alle assemblee dei lavoratori. Lo riferisce con un comunicato il segretario provinciale della Fim Cisl di Foggia, Claudio Pazienza il quale spiega che il ricorso alla Cigo si è reso necessario per un calo di commesse di componenti relativi ai modelli Boeing 767 e 777 e agli aerei Atr, e per i ritardi registrati nel lancio del nuovo aereo di linea Boeing 787. Al provvedimento saranno interessati, a rotazione, al massimo 150 lavoratori sui 936 impiegati nello stabilimento dauno, per un totale di 8 settimane, fino al 31 dicembre, con un massimo di due settimane per ogni lavoratore. 'Una modalità quella concordata tra azienda e sindacati - è scritto nel comunicato - che consente di limitare al minimo l'impatto della cassa integrazione sul salario, sui premi di produzione e sulle ferie'. L'intesa prevede, inoltre, un contributo di 8 euro giornalieri per la frequenza di corsi aziendali riservati agli operai in cassa integrazione. Restano esclusi dalla Cigo, così come richiesto dai sindacati, gli apprendisti. A luglio Alenia comunicò ai sindacati la necessità di mettere in Cigo, dal 1 agosto e per 13 settimane, 150 lavoratori, richiesta poi ribadita nel corso di un esame congiunto con Fim, Fiom e Uilm tenutosi lo scorso 26 agosto. Dopo le insistenti richieste dei sindacati di escludere gli apprendisti e distribuire equamente il sacrificio su tutti i lavoratori, si è arrivati all'accordo siglato lo scorso 8 settembre. La richiesta di due serie di componenti per il Boeing 787 ha permesso, infine, di ridurre le settimane di cassa integrazione dalle iniziali 13 a 8. Per il segretario della Fim foggiana 'il ricorso alla Cigo è un boccone amaro che abbiamo dovuto ingoiare obtorto collo, ma siamo riusciti almeno a ridurre il danno, facendo in modo che l'onere della cassa integrazione, che vuol dire perdita di salario, non gravasse sempre sugli stessi operai, ma fosse distribuito in modo da incidere meno pesantemente sul reddito dei lavoratori'. 'Ora l'auspicio - conclude Pazienza - è che Alenia lavori per una rapida ripresa della produzione e che il ricorso agli ammortizzatori sociali sia solo il passaggio necessario, ma temporaneo, per affrontare un calo congiunturale della produzione'.

redazione Teleradioerre

Calo commesse Boeing, cassa integrazione all' Alenia di Foggia

Cassa integrazione ordinaria per 150 dipendenti dell´Alenia Aeronautica di Foggia. Lo riferisce un comunicato del segretario provinciale della FIM CISL di Foggia, Claudio Pazienza. L´accordo è stato raggiunto l´8 settembre scorso tra azienda e FIM, FIOM e UILM ed è stato presentato alle assemblee dei lavoratori. Il ricorso all’ ammortizzatore sociale si è reso necessario per un calo di commesse di componenti relativi ai modelli Boeing 767 e 777 e agli aerei ATR, e per i ritardi registrati nel programma Boeing 787. Interessati, a rotazione, al massimo 150 lavoratori sui 936 impiegati nello stabilimento, per un totale di 8 settimane, fino al 31 dicembre, con un massimo di due settimane per ogni lavoratore. Il comunicato aggiunge che la richiesta di due serie di componenti per il Boeing 787 ha permesso di ridurre le settimane di cassa integrazione dalle iniziali 13 a 8. «E’ un boccone amaro - ha commentato Pazienza -che abbiamo dovuto ingoiare obtorto collo, ma siamo riusciti almeno a ridurre il danno, facendo in modo che l´onere della cassa integrazione, che vuol dire perdita di salario, non gravasse sempre sugli stessi operai, ma fosse distribuito in modo da incidere meno pesantemente sul reddito dei lavoratori. Ora l´auspicio è che Alenia lavori per una rapida ripresa della produzione e che il ricorso agli ammortizzatori sociali sia solo il passaggio necessario, ma temporaneo, per affrontare un calo congiunturale della produzione»
invia l'articolo per posta elettronica