[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Politica ed economia di guerra



1. Gli anti-casta che tanto piacciono alla vera Casta, per svuotare definitivamente il 
Parlamento, verso una democratura presidenziale di guerra permanente

2. Crisi, ma 23 miliardi per la guerra ci sono: l'Italia all'ottavo 
posto al mondo per spese militari 

-------------------------- 

Gli anti-casta che tanto piacciono alla vera Casta

di Mao Valpiana *

La campagna "moralizzatrice" degli anti-casta ormai dilaga ovunque. Non solo in rete e 
nei 
social network, ma anche sui quotidiani a grande tiratura, ed ora perfino nei 
telegiornali di Rai 
e Mediaset. A questo punto, come vuole la proverbiale locuzione latina, mi sono chiesto: 
cui 
prodest? ("a chi giova?").
Fino a quando a protestare contro indennità, vitalizi e privilegi dei parlamentari erano 
i grillini 
o il popolo viola, tutto mi sembrava regolare e per certi versi coerente. Ma quando hanno 
cominciato ad accodarsi i quotidiani di ogni orientamento, comprese le corazzate di 
Repubblica e del Corriere (che ricevono contributi a fondo perduto dalla Legge per 
l´editoria, 
che si sono guardati bene dall´inserire negli elenchi degli sprechi), allora ho 
incominciato ad 
avere qualche prurito; è divenuta una vera allergia quando anche il paludatissimo TG1 ha 
dato 
voce alla rivolta anti-casta, attaccando il bilancio della Camera come se fosse la causa 
principale della voragine del debito pubblico italiano. E quindi, dopo aver messo alla 
gogna 
non solo i parlamentari, ma anche i consiglieri regionali, provinciali, comunali, quasi 
che 
bisognasse vergognarsi di essere stati eletti e sentirsi accusati di "vivere sulle spalle 
del 
popolo", ecco che iniziano ad arrivare le proposte per porre rimedio a questo sperpero: 
abolire 
le province, ridurre il numero di senatori e deputati, ridurre il numero dei consiglieri 
regionali, 
provinciali, comunali, tagliare tutte le indennità.
L´idea che sta avanzando nel paese è che tutti coloro che ricoprono una carica elettiva 
fanno 
parte della Casta e che la Casta è uno sperpero di denaro pubblico. Non ci vorrà molto, 
dopo 
che tutti si saranno convinti che deputati e senatori sono troppi, a far passare l´idea 
che avere 
due Camere è un lusso che non ci possiamo più permettere, che forse ne basterà una sola, 
magari con poche decine di rappresentanti, e poi sarà un bel risparmio abolire anche 
quella 
(...tanto nel "parlamento" si fanno solo chiacchiere...) e affidare tutto il potere al 
governo, che 
basta e avanza!
La vera Casta (cioè i gruppi economici e finanziari - proprietari anche di quotidiani e 
televisioni -che non hanno bisogno di passare dalla prova elettorale per esercitare il 
proprio 
potere) ha tutto l´interesse a favorire lo tsunami anti-casta: meno deputati significa 
meno 
controllo, e sarà più facile comprare i pochi rimasti che saranno emanazione diretta dei 
partiti 
di governo e non più rappresentanti del popolo eletti nel territorio, come voleva la 
Costituzione. 
L´operazione, pianificata dalla P2 di Licio Gelli, di svuotare il parlamento delle sue 
prerogative di rappresentanza popolare e controllo sull´esecutivo, dopo essere passata 
dalla 
liquidazione del sistema proporzionale al presidenzialismo di fatto, si sta concludendo 
con la 
spallata dell´anti-casta.Si riempiono le pagine di facebook e dei giornali con invettive 
contro 
l´indennità di funzione parlamentare, e si tace (con rare eccezioni nel mondo pacifista, 
nonviolento e cattolico) sulla voragine delle spese militari, dei costi per i 
cacciabombardieri 
F35 e per le missioni di guerra in Afghanistan e Libia. Basterebbe il taglio del 10% di 
queste 
voci per coprire l´intera manovra, ma si preferisce dissertare su quanto costano i viaggi 
aerei 
dei parlamentari che vanno a Roma.
Evidentemente c´è una regia. I direttori dei quotidiani, da Repubblica al Corriere, da 
Libero al 
Giornale (che hanno stipendi più alti dei parlamentari) attaccano la Casta, come se loro 
stessi 
non ne facessero parte, e si guardano bene dallo spiegare ai lettori che vi è un´altra 
Casta - 
quella militare - che pesa veramente sul debito pubblico; non spiegano i costi di 
Finmeccanica 
perchè i loro editori fanno parte della stessa famiglia industriale. E´ molto più facile 
e 
popolare giocare al tiro al piccione-parlamentare che studiare e denunciare il complesso 
militare-industriale. 
Se c´è un motivo serio per condannare il Parlamento è quello di aver violato la 
Costituzione, 
che "ripudia la guerra", con il voto a favore dei bilanci militari e delle missioni 
belliche 
all´estero. Se tutti gli anti-casta concentrassero le loro energie su questo, avremmo 
risolto gran 
parte dei nostri problemi.

* Presidente del Movimento Nonviolento
Verona, 21 luglio 2011

Mao Valpiana
mao at nonviolenti.org

---------------- 


23 miliardi per la guerra 

L'Italia spende 23 miliardi per la guerra ma non lo dice 
Fabio Sebastiani - Liberazione  22.7.2011

All'ottavo posto al mondo per spese militari, nel 2010 l'Italia 
spende oltre 20 miliardi di euro per la difesa. Mentre la spesa 
complessiva per le strutture e il personale ha subito ritocchi, 
anche per "far posto" agli oneri del modello dell'esercito 
professionale, quella specifica per gli armamenti si avvicina sempre 
di più ad incrementi a due cifre. Luca Galassi ha fatto i conti in 
tasca alla difesa dalle colonne di "PeaceReporter": a lievitare sono 
i fondi destinati agli "acquisti" per i nuovi armamenti, un 
incremento dell'8,4%, (mentre l'incremento complessivo è almeno un 
terzo di questa percentuale) pari a quasi tre miliardi e mezzo, 
ovvero 266 milioni in più rispetto al 2010. L'Italia spende mezzo 
miliardo di euro all'anno per la campagna in Afghanistan, ed ha 
messo in cantiere una operazione da 16 miliardi  per  acquistare  
131  bombardieri  invisibili  F-35,  aerei  "stealth"  di  ultima  
generazione,  attrezzato  per trasportare Nh-90testate nucleari 
(471,8 milioni di euro l'uno). Altri 309 milioni saranno destinati 
all'acquisto degli elicotteri Nh-90 della AgustaWestland, mentre la 
lista della spesa militare 2011 contempla anche due sottomarini U-
212, del costo di 164,3 milioni, e di altri elicotteri Ch-47 F 
Chinhook (per 137 milioni), oltre all'ammodernamento dei caccia 
multiruolo Tornado (178,3 milioni). Per il caccia Eurofighter 
Typhoon, il jet Aermacchi M-346 da addestramento, le modernissime 
fregate Fremm e i veicoli corazzati da combattimento Freccia 
verranno reperite risorse dal ministero dello Sviluppo economico, 
«chiamato a contribuire con poco meno di un miliardo di euro». E' 
proprio tenendo conto della "partecipazione" del ministero dello 
Sviluppo economico che la spesa complessiva lievita di ben tre 
miliardi. Alla luce dei vincoli finanziari, e secondo i documenti 
ufficiali, il volume finanziario complessivo a disposizione del 
ministero della difesa è pari a 20 miliardi e 494,6 milioni di euro, 
nel 2011, a 21 miliardi e 16 milioni di euro, nel 2012, e a 21 
miliardi e a 368 milioni di euro, nel 2013. Quindi, nonostante la 
crescita in valore assoluto della spesa rispetto al 2010, si 
registra tuttavia una diminuzione del rapporto percentuale della 
spesa rispetto al Pil che passa dall'1,31 per cento del 2010 
all'1,28 per cento del Pil del 2011. Non è così se si tiene conto 
delle cifre che il ministero dello Sviluppo economico destina alle 
imprese degli armamenti. Secondo quanto riportano Massimo Paolicelli 
e Francesco Vignarca nel loro libro «Il caro armato. Spese, affari e 
sprechi delle Forze Armate italiane» nel 2010 il nostro Paese ha 
previsto di spendere in spese militari qualcosa come 23 miliardi di 
euro. La struttura delle nostre Forze Armate, secondo quanto prevede 
il cosiddetto Nuovo Modello di Difesa, è profondamente cambiata 
rispetto agli anni passati. Tra le righe, scopriamo che gli arsenali 
non conoscono crisi. Per non parlare poi delle vicende controverse 
legate alle servitù militari e il destino degli immobili della 
Difesa. A quanto ammontino i "fondi-stampella" dello Sviluppo 
economico le carte ufficiali però non lo dicono: sono circa 900 
milioni per il 2011, rispetto ad almeno 1.200 milioni degli anni 
precedenti, secondo una stima che circola tra esperti della difesa. 
Il governo non ha pubblicato un quadro trasparente di tutta la 
spesa. A questi vanno aggiunti il miliardo e mezzo di tutte le 
missioni. E quindi ecco spiegati i tre miliardi in più. Dal punto di 
vista dell'attività produttiva in Italia, il settore è in piena 
espansione: con un fatturato record da 3,7 miliardi, alla fine del 
2008, come si è appreso lo scorso anno, l'Italia ha superato la 
Russia, divenendo il secondo esportatore mondiale di armamenti, dopo 
gli Stati Uniti. Tra i "gioielli" dell'industria militare nostrana, 
il veicolo tattico multiruolo Lince e l'elicottero d'attacco A-129 
Mangusta, ma far lievitare il made in Italy sono anche armamenti 
meno "prestigiosi", come le bombe a grappolo messe al bando da 
recenti convenzioni internazionali, non ancora ratificate nella loro 
piena applicazione. Tra gli ultimi arrivi, i nuovi impianti radar 
per potenziare la rete operativa dell'Aeronautica militare italiana 
ed integrarla ancora di più nella catena di comando, controllo, 
comunicazione ed intelligence dell'Alleanza atlantica. Dodici 
sistemi Fixed Air Defence Radar (Fadr) Rat31-Dl sono stati 
commissionati alla Selex Sistemi Integrati, società del gruppo 
Finmeccanica, e sono in via d'installazione in altrettanti siti 
dell'Ami sparsi in tutta Italia. Ad essi si aggiungeranno anche due 
sistemi configurati nella versione mobile Dadr (Deployable Air 
Defence Radar) che saranno consegnati entro il 2013.


------------ FINE 


.  
---  from : jure ellero <glry at ngi.it> 
----------------------------------------------
per comunicazioni: <glry at ngi.it> 
NOTIZIE LIBIA: http://news.stcom.net 
Redazione "L'Unità dei Comunisti F.V.G.": 
<redazione.cufvg at yahoo.it> 
Indirizzo Comunisti Uniti Friuli-V.G.: 
<comunistiunitifvg at yahoo.it> 
Sito nazionale Comunisti Uniti: 
http://www.comunistiuniti.it 
----------------------------------------------