[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: Der Kommissar Monti



Franco sono pienamente d'accordo con te, io credo che la rivoluzione debba essere prima 
di tutto umana-interna all'individuo che risveglia la sua coscienza rieducandosi al 
valore che può creare come essere umano , di conseguenza .... io nel mio ho fatto e sto 
facendo il lumacuore . abbraccio la filosofia di Nichiren Daishonin che insegna :la pace 
non è assenza di guerra ma è attiva, c'è un sacco di roba da fare e ci siamo adoperati 
per creare un cambiamento attraverso l'educazione e la cultura con le attività della Soka 
Gakkai . adesso è in corso una mostra intitolata senzatomica che comprende conferenze ed 
interventi nelle scuole e tanto altro.
se vuoi dare un'occhiata: http://www.sgi-italia.org/
il fondatore Mkiguchi era un educatore, preside di una scuola elementare, è morto in 
carcere per essersi opposto al militarismo in Giappone e i suoi successori hanno portato 
avanti questo movimento meraviglioso, lento ma costante e... in crescita!
buona giornata.
laura

Il giorno 17/nov/2011, alle ore 06.10, farabir.fb ha scritto:

> ...molto fuori tema e anche fuori testa.
> Allora chiedo, se non andava bene Berlusconi e non va bene Monti che alternativa 
> proponete ? Noi  siamo, volenti o nolenti, invischiati nei mercati finanziari 
> internazionalei. Come uscirne ? Facciamo la rivoluzione nelle piazze ? Con o senza armi 
> ? Con quali prospettive ?
> Parlare di golpe della BCE mi sembra fantascienza.
> Direi che la vera rivoluzione è o dovrebbe essere culturale. Diamo cultura ai giovani 
> nel senso  esplicitato da Don MIlani: creare cultura, fare cultura, condividere 
> cultura.  E' facendo crescere le coscienze che potremo cambiare la situazione.  Nel 
> tempo, perchè in fretta non si può fare nulla.
> Intanto  chiediamo a Monti di tagliare le spese militari e razionalizzare l' esercito 
> nel quale sono più gli ufficiali e sottoufficiali che  soldati o marinai. Senza 
> dimenticare che molti militari vestono la divisa perchè altrimenti sarebbero senza 
> lavoro e non saprebbero di cosa campare. Quindi c' è a monte un problema di giustizia 
> sociale e di  sviluppo industriale che crei dei posti di lavoro. Chi ha un buon lavoro 
> non pensa di  entrare nelle forze armate.
> 
> Franco
> -----------------------------------------
> Franco BORGHI
> Via Frescobaldi 13 - 44042 CENTO
> Tel.051.6836715 -Fax 051.18895462
> Cell.348.3802633
> Skype: consultfb
> Reply to: xenos at iii.it
> 
> ----- Original Message ----- From: <glry at ngi.it>
> To: "disarmo" <disarmo at peacelink.it>
> Sent: Wednesday, November 16, 2011 10:59 PM
> Subject: Der Kommissar Monti
> 
> 
>> 
>> Poco fuori tema, ma pocopoco...
>> 
>> G. Ellero
>> 
>> ------- Segue messaggio inoltrato -------
>> 
>>   Date: Tue, 15 Nov 2011 15:23:21 +0100
>>   From: ProletariaVox <ottobre18 at email.it>
>>   Subject: Der Kommissar
>>   Bcc: ProletariaVox
>> 
>>   Il mio nemico non ha divisa, ama le armi ma non le usa, nella fondina
>>   tiene le carte Visa, e quando uccide non chiede scusa.
>>   D. Silvestri
>> 
>>   Care colleghe, cari colleghi,
>>   infine l'evento si è compiuto: Berlusconi è caduto. Ne gioiamo, ma non
>>   brindiamo.
>>    Cerchiamo, anzi, di restare sobri e quanto mai lucidi. Il ducetto di Arcore
>>   non è caduto per effetto di una normale prassi democratica, nétanto meno per
>>   una lotta di liberazione popolare.
>>   E' caduto da destra, e per mano di killer molto più spietati e potenti di lui.
>> 
>>   25 Luglio, altro che Liberazione! E senza nemmeno l'8 Settembre, ahinoi!
>>   Appena diffusasi la notizia, la folla ubriaca (è proprio il caso di dirlo!) di
>>   gioia si è recata sotto il Quirinale inneggiando a Monti (da ora in poi Berge, in
>>   omaggio al suo collaborazionismo teutonico) e a Napolitano. Sui cartelli, somma
>>   scemenza, avevano persino scritto che sabato scorso era il 25 Aprile, giorno
>>   della Liberazione e c'è chi ha persino cantato Bella Ciao!
>>    Un lavaggio di cervello così di massa nemmeno Orwell lo poteva
>>   immaginare...
>>   Il golpe della BCE, con l'acclamazione dell'attuale "opposizione"
>>   parlamentare, a noi ricorda piuttosto il 25 Luglio, giorno dell'arresto di Mussolini
>>   e della consegna del governo al Maresciallo Badoglio. Di questo abbiamo già
>>   detto, proprio questa estate, e vi invitiamo ad una rilettura dell'intervento
>>   riportato sul blog, all'indirizzo
>>   http://blog.libero.it/VoceProletaria/10805741.html .
>>   La differenza, tragicissima, è che a differenza del 1943 non si intravede un
>>   possibile 8 Settembre (la fuga del Re e la contestuale nascita "ufficiale" della
>>   Resistenza). Il riscatto possibile tramite la lotta non sembra all'ordine del giorno,
>>   nemmeno tra le principali forze di sinistra, ancora impantanate a supplicare
>>   alleanze elettorali al PD in nome di un parlamentarismo, anche quando il
>>   Parlamento è stato defraudato di ogni potere...!
>>   Anzi, con l'evolversi della crisi e con l'osannata soluzione "tecnica" - Guten
>>   Tag, ich bin Mario Berge, der Kommissar des BCEs - è più probabile che a
>>   risorgere e a rafforzarsi siano forze squisitamente reazionarie ma capaci di
>>   attrarre le simpatie popolari, la Lega Nord in primis, ma anche i populisti alla
>>   Beppe Grillo, come "oppositori" piùcredibili.
>> 
>>   La Costituzione? Oggi è quella scritta nei 39 punti dettati dalla BCE!
>>   Fatta carta straccia della Costituzione - l'ultimo insulto l'inserimento del
>>   "pareggio di Bilancio" nell'art. 81! -, stracciato lo Statuto dei Lavoratori - 
>> l'altra
>>   Costituzione "materiale" italiana -, non ci resta ora che il programma degli
>>   Inspektoren des BCEs in 39 punti, quelli in cui sono elencati i tagli della
>>   macelleria sociale che Mario Berge compirà. Sono quei 39 punti i nuovi "articoli
>>   costituzionali"!
>>   E, visto che Mario Berge assomma a sé anche i mandati di USA e
>>   Vaticano, quei 39 punti valgono ora come e più del Vangelo.
>> 
>>   Anyone, but Berlusconi.
>>   In nome di una strategia di "chiunque, ma non Berlusconi", si è attuato un
>>   vero e proprio golpe. Con la chiusura della Seconda Repubblica, e con l'incipit
>>   di un Presidenzialismo che già si proietta a cornice della Terza, Napolitano si è
>>   reso protagonista dell'estremo vassallaggio nei confronti di un'aristocrazia
>>   finanziaria mondiale che non vuole e non può conoscere o tollerare regole
>>   democratiche. Il caso dell'annunciato e poi ritirato referendum in Grecia, e la
>>   conseguente caduta del suo governo, la dicono lunga sul carattere autoritario
>>   che pervade il nuovo esecutivo.
>> 
>>   Das ist der Zeitgeist im neuen Zeitalter...
>>    Eppure le colpe paiono oggi virtù...
>>   Le responsabilità della dittaura reale del Capitale sembrano oggi, agli occhi
>>   di un popolo assuefatto ed "educato" a 18 anni di berlusconismo e anti
>>   berlusconismo, le virtù dei salvatori e così vengono spacciate dai media del
>>   regime tecnocratico. Eugenio Scalfari, l'anima grigia del quotidiano Repubblica,
>>   si è spinto a santificare il Mario Berge come "padre costituente della Patria"
>>   (sic!).
>>    Assisteremo dunque in questo periodo a tanti ed interessati peana nei
>>   confronti del governo dei bocconiani, e saremo subissati di messaggi
>>   rassicuranti in cui ci diranno che tutto adesso va per il verso giusto.
>>   Ci diranno, il TG3, la Repubblica, il Fatto Quotidiano e tutti gli altri organi
>>   d'informazione collegati al pensiero unico liberista, che le privatizzazioni, le
>>   liberalizzazioni, le riduzioni salariali, i licenziamenti, le ulteriori spese 
>> militari per
>>   le guerre imperialiste, il calpestamento dei diritti democratici e della volontà
>>   popolare - l'annullamento dello straordinario referendum sull'acqua e sui
>>   beni comuni! -, tutto ciò è fatto in nome dell'interesse dell'Italia!
>>   Ma l'Italia di chi...? La domanda è destinata a restare appesa finché non
>>   si avvertiranno i primi forti morsi nella carne. Fino ad allora - ed è questione di
>>   poco tempo - lo spirito imperante, ovvero lo spirito del tempo nella nuova era, è
>>   l'ottimismo degli ebeti.
>>   Studiare la Storia, ancor prima dell'Economia.
>>   ...tanto più se ad insegnare l'Economia sono i professori della Bocconi!
>>   Nella Storia del secolo appena scorso, proprio nei periodi di maggior crisi
>>   del Capitale, si sono prodotte le condizioni per le due guerre mondiali. Le
>>   "soluzioni" che anche allora si sono scelte erano la consegna dei governi a
>>   regimi autoritari e paladini del libero mercato. Mussolini prima, Hitler poco dopo,
>>   avevano intercettato la crescente domanda di "stabilità" assumendo con
>>   autoritàla guida dei loro due paesi europei. Lo avevano fatto, si badi bene, con
>>   un ampio sostegno popolare. Lo spirito del loro tempo, il loro Zeitgeist , lo
>>   avevano interpretato e piegato a loro vantaggio meglio di tanti altri
>>   contemporanei. Ne fecero tragedia.
>>   Il Capitalismo, come sistema sociale e di produzione, è ormai giunto al suo
>>   capolinea. La crisi che attraversa, dopo un rinvio durato oltre trent'anni di
>>   "finanziarizzazione", non è un episodio congiunturale. E' LA crisi dell'intero
>>   sistema.
>>   Per cercare di salvarsi, la ristretta elite mondiale di super ricchi non sa fare
>>   altro che dichiarare guerra al 99% della popolazione mondiale.
>>   Le soluzioni autoritarie sono poi destinate a trovare un unico possibile
>>   sbocco: la guerra bellica. E' questa, in definitiva e da sempre, l'unica
>>   "soluzione" che il Capitale conosce.
>> 
>>   Nostro compito immediato e urgente
>>   Costruire Coscienza! Costruire
>>   Resistenza!
>> 
>>   ...Ma di questo ed altro si parla anche nei report pubblicati sul blog, a cui
>>   volentieri vi indirizziamo.
>> 
>>   Un saluto.Proletaria Vox
>> 
>> 
>>   A seguire sul blog http://blog.libero.it/VoceProletaria
>> 
>>   Sindacalismo di classe.
>>   Voci critiche in USB. Di iscritti USB di Parma.
>>   http://blog.libero.it/VoceProletaria/10790478.html
>>   Sciopero contro la manovraccia antipopolare.Di Confederazione Cobas.
>>   http://blog.libero.it/VoceProletaria/10805804.html
>>   Fermiamo il licenziamento di Antonini.Di Autoconvocati Nazionali.
>>   http://blog.libero.it/VoceProletaria/10790458.html
>> 
>>   Politica di classe.
>>   Il golpe della BCE. Di Comunisti Uniti.
>>   http://blog.libero.it/VoceProletaria/10805875.html
>>   Bocconi amari. Di Giorgio Cremaschi.
>>   http://blog.libero.it/VoceProletaria/10805848.html
>> 
>>   Segnalazioni.
>>   Condannato Renzi, il sindaco di Firenze.Di Confederazione Cobas.
>>   http://blog.libero.it/VoceProletaria/10805794.html
>> 
>> 
>> 
>> avast! Antivirus: In arrivo messaggio pulito.
>> Virus Database (VPS): 111116-0, 16/11/2011
>> Controllato il: 16/11/2011 19.39.16
>> avast! - copyright (c) 1988-2011 AVAST Software.
>> 
>> 
>> 
>> ------- Fine del messaggio inoltrato -------
>> 
>> --
>> Mailing list Disarmo dell'associazione PeaceLink.
>> Per ISCRIZIONI/CANCELLAZIONI: http://www.peacelink.it/mailing_admin.html
>> Archivio messaggi: http://lists.peacelink.it/disarmo
>> Area tematica collegata: http://www.peacelink.it/disarmo/index.html
>> Si sottintende l'accettazione della Policy Generale:
>> http://web.peacelink.it/policy.html
>> 
> 
> --
> Mailing list Disarmo dell'associazione PeaceLink.
> Per ISCRIZIONI/CANCELLAZIONI: http://www.peacelink.it/mailing_admin.html
> Archivio messaggi: http://lists.peacelink.it/disarmo
> Area tematica collegata: http://www.peacelink.it/disarmo/index.html
> Si sottintende l'accettazione della Policy Generale:
> http://web.peacelink.it/policy.html
>