[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

problemi cinesi...



«Quel soldino buttato là distrattamente nella mano dello strillone, è un proiettile 
consegnato 
al giornale borghese che lo scaglierà poi, al momento opportuno, contro la massa 
operaia». 
Antonio Gramsci

Conoscendo questo pensierino gramsciano, vediamo cosa scrive il nostro avversario di 
classe...

Jure

------- 

Da 'La Stampa'

08/12/2011 - L´ASIA CONTESA FRASUPERPOTENZE

La Cina sfida gli Usa
"Pronti alla guerra"

Hu Jintao: la Marina
deve rafforzarsi e modernizzarsi

PAOLO MASTROLILLI

INVIATO A NEW YORK

La Marina militare cinese deve fare «estesi preparativi per la guerra». Non è un giornale 
o 
un propagandista qualsiasi che parla, ma il presidente Hu Jintao in persona. La risposta 
più 
brusca che potesse dare alla decisione di Obama di schierare i Marines in Australia, 
confermando quanto sia grave la minaccia alla stabilità dell´intera regione del Pacifico, 
provocata dagli interessi economici e dalle mire espansionistiche di Pechino.
Hu ha parlato martedì alla Commissione militare centrale della Repubblica popolare. 
Secondo la traduzione dei media ufficiali cinesi, ha detto che «il nostro lavoro deve 
concentrarsi strettamente sul tema della difesa nazionale e della costruzione delle 
capacità 
militari». Quindi ha aggiunto che la Marina «deve accelerare la sua trasformazione e la 
modernizzazione in maniera robusta, e fare estesi preparativi per la guerra, per offrire 
un 
contributo più grande alla salvaguardia della sicurezza nazionale».
Il Pentagono, a caldo, ha ridimensionato la portata delle dichiarazioni di Hu. «Loro - ha 
commentato il portavoce George Little - hanno il diritto di sviluppare le capacità 
militari e 
fare piani, come noi. Ciò che abbiamo chiesto ripetutamente alle nostre controparti 
cinesi è 
la trasparenza, e questo è parte del rapporto che continuiamo a costruire con i militari 
cinesi». L´ammiraglio John Kirby ha usato lo stesso tono, aggiungendo però un 
avvertimento: «Qui nessuno sta cercando la rissa. Certamente non staremo ad invidiare o 
lesinare ad alcuna nazione l´opportunità, il diritto di sviluppare le forze navali 
affinché siano 
pronte. La nostra Marina è pronta, e resterà pronta». Anche il dipartimento di Stato, per 
bocca di Mark Toner, si è limitato a sottolineare che «vorremmo avere rapporti tra 
militari 
più forti con la Cina, e maggiore trasparenza. Ciò aiuterebbe a rispondere alle domande 
che 
potremmo avere sulle loro intenzioni».
La verità è che nella regione è in corso un vero braccio di ferro, in prima battuta tra 
la Cina 
e i Paesi vicini, e in seconda tra Pechino e Washington. La Repubblica popolare mira alle 
riserve di petrolio e gas del Mar Cinese Meridionale, dove si trovano anche zone molto 
pescose e rotte mercantili trafficatissime. Secondo le sue pretese, le acque territoriali 
che le 
appartengono sono raccolte dentro una U gigante, che si estende fino a mille chilometri 
dalle proprie coste. Una posizione che la mette in diretto contrasto non solo con i paesi 
più 
vicini, come Vietnam, Filippine, Malaysia e Brunei, ma anche con la potenza regionale 
indiana e la superpotenza americana. Pechino, ad esempio, ha criticato apertamente i 
piani 
di Nuova Delhi per fare esplorazioni petrolifere nella regione, così come i progetti 
della 
Exxon-Mobil davanti alle coste vietnamite.
Finora le forze armate cinesi, che sono le più numerose al mondo, hanno avuto una 
caratteristica prevalentemente terrena. Da qualche anno, però, queste ambizioni marittime 
di Pechino hanno accelerato gli investimenti nella Marina. L´esempio più lampante è la 
portaerei ex sovietica, che la Repubblica popolare ha acquistato e ristrutturato. Ora 
arriva 
l´incitamento di Hu preparare la guerra.
Gli Stati Uniti sono ancora la potenza navale dominante del Pacifico, ma forse negli 
ultimi 
tempi i cinesi hanno letto le difficoltà economiche di Washington come l´inizio di una 
progressiva ritirata. A modificare questa percezione e rincuorare gli alleati giapponesi 
e 
coreani ci ha pensato il presidente Obama, con il recente viaggio in cui ha annunciato 
l´arrivo dei Marines in Australia, ma anche il capo del Pentagono Panetta, quando ha 
dichiarato che «gli Usa sono e resteranno una presenza nel Pacifico. Semmai, ci 
rafforzeremo». Il segretario di Stato Clinton ha scritto su Foreign Policy che questo 
sarà 
«l´America´s Pacific Century», il secolo del Pacifico americano, e il suo recente viaggio 
a 
Myanmar ha confermato l´intenzione di Washington di contrastare le mire cinesi. Martedì 
Pechino ha risposto.



Esteri
08/12/2011 - retroscena

Lotta senza esclusione di colpi lungo le rotte del petrolio

Fra 30 anni Pechino importerà più degli Usa: il fronte si sposta dal Golfo al Pacifico

MICHAEL T. KLARE
Per quanto riguarda la politica verso la Cina, l´Amministrazione Obama rischia di passare 
dalla padella nella brace. Nel tentativo di voltare pagina dopo le guerre disastrose nel 
Grande Medio Oriente, l´America potrebbe lanciare una nuova Guerra Fredda in Asia, 
guardando ancora una volta al petrolio come chiave della supremazia mondiale. Secondo 
quanto detto dal Presidente Usa nel suo viaggio in Australia, d´ora in avanti gli Stati 
Uniti 
concentreranno la loro potenza in Asia e nel Pacifico.
L´Amministrazione ha deciso una serie di mosse per rafforzare la potenza americana in 
Asia, e a mettere la Cina sulla difensiva. Come la decisione di schierare 250 marines, 
che 
potranno diventare 2500, nella base aerea di Darwin in Australia, o la «Dichiarazione di 
Manila» sui nuovi legami militari con le Filippine. Nel contempo la Casa Bianca ha 
annunciato la vendita di 24 cacciabombardieri F-16 a Taiwan e Hillary Clinton ha visitato 
la 
Birmania, stretto alleato di Pechino, prima visita di un segretario di Stato dopo 56 anni.
Queste mosse hanno lo scopo di massimizzare i vantaggi per l´America nel quadro 
diplomatico e militare attuale, mentre la Cina domina quello economico. In un articolo su 
«Foreign Policy», la Clinton ha argomentato che un´America indebolita economicamente 
non può dominare in più regioni del mondo contemporaneamente. Deve scegliere con cura i 
campi di battaglia e dispiegare le sue forze limitate in modo da ottenere il massimo 
vantaggio. «Nel prossimo decennio - scrive la Clinton - dovremo essere accurati e 
sistematici sul dove investire tempo ed energie... uno dei compiti più importanti... sarà 
nella 
regione dell´Asia-Pacifico».
Il rafforzamento militare statunitense e la probabile, potente, controffensiva cinese 
sono già 
stati oggetto di discussione sulla stampa dei due Paesi. Una dimensione cruciale di 
questo 
scontro imminente, però, non ha ricevuto alcuna attenzione: l´ i m p o r t a n z a che ha 
avuto nelle decisioni di Washington una nuova analisi dell´equazione energetica globale, 
che ha rivelato crescenti punti vulnerabili sul lato cinese.
Per decenni gli Stati Uniti sono stati pesantemente dipendenti dal petrolio importato, 
mentre 
la Cina era largamente autosufficiente. Nel 2001 gli Stati Uniti consumavano 19,6 milioni 
di 
barili al giorno e ne producevano 9. La dipendenza dai produttori stranieri per 10,6 
milioni di 
barili al giorno era una della maggiori preoccupazioni strategiche di Washington. La 
risposta 
è stata il rafforzamento, la militarizzazione, dei legami con il Medio Oriente.
Nel 2001, invece, la Cina consumava soltanto 5 milioni di barili al giorno e, con una 
produzione domestica di 3,3 milioni, ne importava 1,7. Ora le tabelle sono molto 
cambiate. 
La Cina in pieno boom sta girando al ritmo di 7,8 milioni di barili al giorno e arriverà 
a 13,6 
nel 2020 e a 16,9 nel 2035, secondo le proiezioni del Dipartimento dell´energia Usa. La 
produzione nazionale invece crescerà dai 4 milioni attuali a 5,3 nel 2035, anno nel quale 
Pechino importerà 11,6 milioni di barili al giorno, più degli Stati Uniti.
Nel frattempo l´America può guardare una situazione energetica in via di miglioramento. 
Grazie alla maggior produzione di «petrolio difficile» nel Mar Artico, nelle acque 
profonde 
del Golfo del Messico, nelle rocce scistose in Montana, North Dakota e Texas, le 
importazioni sono previste in diminuzione. E più petrolio sarà disponibile in tutto 
l´Occidente: la produzione di Usa, Canada e Brasile crescerà di 10,6 milioni di barili al 
giorno fra il 2009 e il 2035.
Significa che Washington potrà contemplare un graduale allentamento dei suoi legami 
militari e politici con gli Stati petroliferi del Medio Oriente che hanno dominato la sua 
politica 
estera per così tanto tempo. Per la Cina, tutto ciò comporta uno sbilanciamento 
strategico. 
Sebbene parte del greggio importato in Cina viaggerà su vie terrestri, da Kazakhstan e 
dalla 
Russia, la gran parte arriverà ancora con le petroliere da Medio Oriente, Africa e 
America 
Latina, lungo rotte pattugliate dalla Marina Usa. Non c´è dubbio che la leadership 
cinese, in 
risposta, farà passi per proteggere la sicurezza delle linee vitali di 
approvvigionamento. 
Molti di questi passi saranno economici e diplomatici, come, per esempio corteggiare 
potenze regionali, a partire da Vietnam e Indonesia. Ma molti passi saranno di natura 
militare. Un significativo rafforzamento della Marina cinese è inevitabile.
Washington potrebbe ora accendere in Asia la miccia di una corsa agli armamenti in stile 
Guerra Fredda, che nessuno dei due contendenti può, sul lungo periodo, permettersi. E un 
maggior affidamento sul petrolio ricavato dalle sabbie bituminose canadesi, la più 
inquinante di tutte le fonti energetiche, comporterà maggiori emissioni di gas serra e 
altri 
rischi ambientali, come pure l´estrazione di petrolio in acque profonde. Tutto ciò 
significa 
che dal punto di vista ambientale, militare ed economico, ci troveremo tutti in un mondo 
più, 
e non meno, pericoloso. 

----------- end


.  
---  from : jure ellero <glry at ngi.it> 
----------------------------------------------
per comunicazioni: <glry at ngi.it> 
NOTIZIE LIBIA: http://news.stcom.net 
Redazione "L'Unità dei Comunisti F.V.G.": 
<redazione.cufvg at yahoo.it> 
Indirizzo Comunisti Uniti Friuli-V.G.: 
<comunistiunitifvg at yahoo.it> 
Sito nazionale Comunisti Uniti: 
http://www.comunistiuniti.it 
----------------------------------------------