[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re: Re: La «riforma» dell’Articolo 11




E vero,il movimento contro la guerra e morto con l'intervento in Libia,la demolizione della costituzione come dice Rossana va ben oltre l'art.11,viene assunto il modello sociale USA,dove l'economia e le imprese(art.41 l'iniziativa privata non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o recare danno alla sicurezza,alla libertà,alla dignità umana)non sono più il mezzo per l'emancipazione,ma il fine,e il lavoro ne diventa la variabile dipendente.La maggiore responsabilità di questo processo eversivo la porta il presidente della rep.in qualità non solo di mancato garante della costituzione,ma per il ruolo straordinariamente attivo che ha assunto,credo che si debbano concentrare le accuse,su questa figura.
----- Original Message -----
Sent: Thursday, April 12, 2012 6:26 PM
Subject: R: Re: La «riforma» dell’Articolo 11

detto in poche parole: il movimento contro la guerra non esiste più.

Vi sono qui e là azioni su questo (F-35) o quel tema (spese militari) che però non intaccano alcunchè.

La situazione in generale è dramatica. La riforma del lavoro, scritta sulla pelle dei precari e dei lavoratori, non bada alle lotte che si moltiplicano sui territori, tace sui suicidi che si susseguono.

Qualcuno di noi pensa che questo governo assuma la democrazia come forma della propria governance? I partiti mirano semplicemente alla loro sopravvivenza.

Monti quando va in giro per il mondo veste il ruolo di piazzista d'armi, e certo non si vendono armi pensando all'ar.11.

E' tutto da ripensare.







----Messaggio originale----
Da: elbano9 at yahoo.it
Data: 11/04/2012 8.22
A: "disarmo at peacelink.it"<disarmo at peacelink.it>
Ogg: Re: La «riforma» dell’Articolo 11

Si, anch' io penso che una iniziativa colletiva su questa riforma potremmo farla, magari una lettera al ministro mandata da ognuno di noi. potremmo fornire gli indirizzi e un testo per chi ha meno tempo o meno voglia di scrivere due righe..
 
Ci sono molte questioni importanti aperte in questo momento, pero' con la crisi che si aggrava 
 
piu' soldi per le armi (perche' di questo si tratta) e meno lavoro, dovrebbe suscitare qualche protesta.
 
Anche la campagna contro il programma degli F-35 e' stata fatta , secondo me, con il freno a mano tirato per non disturbare troppo il governo Monti.
 
Perche' se e' vero che Di Paola fa come gli pare, qualcuno ha dato e sta dando all' Ammiraglio tutto questo potere. 

Da: farabir.fb <farabir at iii.it>
A: disarmo at peacelink.it
Inviato: Mercoledì 11 Aprile 2012 6:54
Oggetto: Re: La «riforma» dell’Articolo 11


Grazie, Rossana.
 
questo è un tema sul quale dobbiamo batterci giorno per giorno. Intanto faccio girare il tuo messaggio tra gli amici e ne mando copia - con mio commento -  al Ministro Di Paola, per posta, così sarà protocollata. Spero che anche altri lo facciano.
Ma i grandi e famosi costituzionalisti che fanno, dormono ?
 
Buona giornata, Franco
 
-----------------------------------------
Franco BORGHI
Via Frescobaldi 13 - 44042 CENTO
Tel.051.6836715 -Fax 051.18895462
Skype: fbfarabir
Cell.348.3802633
Reply to: xenos at iii.it - farabir at iii.it
----- Original Message -----
Sent: Tuesday, April 10, 2012 6:06 PM
Subject: La «riforma» dell’Articolo 11

di Manlio Dinucci da il Manifesto

Una «riforma strutturale profonda»: così il ministro Di Paola definisce la revisione dello strumento militare, presentata dal governo Monti su sua proposta. Che sia profonda non c’è dubbio. Da oltre vent’anni talpe bipartisan stanno scavando sotto l’Art. 11 della Costituzione, che «ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali».

I lavori in galleria iniziano nel 1991, dopo che la Repubblica italiana ha combattuto la sua prima guerra, quella lanciata dagli Usa in Iraq. Sotto dettatura del Pentagono, il governo Andreotti redige il «nuovo modello di difesa» che stabilisce, quale compito delle forze armate, non solo la difesa della patria (art. 52), ma la «tutela degli interessi nazionali ovunque sia necessario».


Nel 1993 – mentre l’Italia partecipa all’operazione militare lanciata dagli Usa in Somalia, e al governo Amato subentra quello Ciampi – si dichiara che «occorre essere pronti a proiettarsi a lungo raggio» al fine di «garantire il benessere nazionale mantenendo la disponibilità delle fonti e vie di rifornimento dei prodotti energetici e strategici».

Nel 1995, durante il governo Dini, si afferma che «la funzione delle forze armate trascende lo stretto ambito militare per assurgere a misura dello status del paese nel contesto internazionale». Nel 1996, durante il governo Prodi, si sostiene che quello militare deve essere «uno strumento della politica estera».

Nel 1999 – dopo che il governo D’Alema ha fatto partecipare l’Italia, sotto comando Usa, alla guerra contro la Jugoslavia – si enuncia «la necessità di trasformare lo strumento militare dalla sua configurazione statica ad una più dinamica di proiezione esterna», compito per cui è adatto «il modello interamente volontario». ossia l’esercito di professionisti della guerra. Che si rivela prezioso per gli interventi militari in Afghanistan e Iraq, sotto il governo Berlusconi.

Qui si innesta il concetto strategico pentagoniano enunciato nel 2005 da Di Paola, in veste di capo di stato maggiore. Di fronte alla «minaccia globale del terrorismo», occorre «sviluppare capacità di intervento efficace e tempestivo anche a grande distanza dalla madrepatria». Le forze armate italiane devono operare nelle zone di «interesse strategico» che comprendono i Balcani, l’Europa orientale, il Caucaso, l’Africa settentrionale, il Corno d’Africa, il vicino e medio Oriente e il Golfo persico.

La guerra contro la Libia, di cui Di Paola è nel 2011 uno degli artefici quale presidente del comitato militare Nato, conferma la necessità che l’Italia costruisca uno «strumento proiettabile», con spiccata capacità «expeditionary», attraverso una organica pianificazione. Quella che Di Paola vuole ora istituzionalizzare con il decreto legge, per creare forze armate più piccole ma più efficienti, con mezzi tecnologicamente più avanzati (tra cui l’F-35) e più risorse per l’operatività.

Ciò è dovuto non alla «necessità di contenere i costi» a causa della crisi finanziaria, ma, come per l’Art. 18, alla necessità delle oligarchie economiche e finanziarie, artefici della crisi, di rafforzare i loro strumenti di dominio. Con l’aggravante che si vuole smantellare, insieme a uno dei cardini dello Statuto dei lavoratori, uno dei principi fondamentali della Costituzione.





Nessun virus nel messaggio.
Controllato da AVG - www.avg.com
Versione: 2012.0.1913 / Database dei virus: 2411/4934 - Data di rilascio: 13/04/2012