[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Gli attacchi dei droni minacciano 50 anni di diritto internazionale



La politica degli Stati Uniti di usare aerei droni per effettuare uccisioni mirate rappresenta una sfida importante per il sistema di diritto internazionale.

 

Christof Heyns, relatore speciale delle Nazioni Unite sulle esecuzioni extragiudiziali, sommarie o arbitrarie, in una conferenza a Ginevra ha detto che gli attacchi in Pakistan, Yemen e altrove effettuate dalla CIA, incoraggerebbero altri Stati a non rispettare gli standard dei diritti umani ormai consolidati. Alcuni attacchi possono anche costituire "crimini di guerra".

 

Heyns ha ridicolizzato l'idea degli Stati Uniti che gli attacchi mirati UAV su Al-Qaida o gruppi affini, siano una risposta legittima all'11 / 9.

"E'difficile vedere come le uccisioni effettuate nel 2012, possano essere giustificate come risposta agli eventi del 2001. Alcuni stati sembrano voler inventare nuove leggi per giustificare nuove pratiche".

 

"Il target è spesso gestito da agenzie di intelligence che non rientrano nel campo di applicazione della responsabilità.

Heyns ha detto che gli UAV potrebbero essere utilizzati per selezionare gli individui come bersagli. Una causa legale è già stata presentata a Londra sul presunto ruolo del Regno Unito circa la morte non solo di cittadini causata da attacchi droni statunitensi in Pakistan.

http://www.guardian.co.uk/world/2012/jun/21/drone-strikes-international-law-un