[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Le bombe di Monti sull'Afghanistan (Fwd) [JUGOINFO]



------- Segue messaggio inoltrato -------
 

http://www.antimperialista.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2117:le-
bombe-di-monti-sullafghanistan&catid=80:afghanistan 

Le bombe di Monti sull'Afghanistan

la Redazione -Domenica 15 Luglio 2012 13:14

La Jugoslavia l'aveva già dimostrato: i «democratici», americani o italiani che siano, 
amano i 
bombardamenti a tappeto 

IlManifesto di oggi, 15 luglio, dedica giustamente un grande spazio alle notizie 
provenienti 
dall'Afghanistan. Cosa ci dicono queste notizie? Che gli aerei italiani schierati ad 
Herat stanno 
prendendo parte a veri e propri bombardamenti a tappeto del suolo afghano. La notizia può 
stupire 
solo i pacifinti alla Flavio Lotti (Tavola della pace), specializzati nel credere alle 
menzogne di politici e 
generali. In realtà l'Italia ha sempre partecipato a pieno alla guerra di occupazione 
dell'Afghanistan. 
Tuttavia le notizie odierne meritano qualche commento. 
Ricordate i cosiddetti «caveat» che avrebbero dovuto limitare l'uso dei militari e delle 
armi italiane in 
azioni di guerra? Questi limiti altro non erano che un trucchetto per far accettare la 
partecipazione del 
nostro paese al conflitto, cercando (peraltro inutilmente) di salvare la faccia degli 
allora parlamentari 
(2006-2008) di Prc, Pdci e Verdi impegnati nei vari voti di rifinanziamento della 
«missione».

Che quei limiti non vi fossero è stata sempre cosa nota, ed oltretutto confermata dalle 
tante 
testimonianze sul campo. Ora, però, siamo all'ufficializzazione. Il perché è presto 
detto. Il 28 gennaio 
scorso, il ministro Di Paola - un ammiraglio alla Difesa, come si conviene ad un governo 
golpista -, 
così si esprime in parlamento: «Intendo far sì che i nostri militari e tutti i loro mezzi 
schierati in teatro 
siano forniti delle dotazioni e capacità necessarie a garantire la massima sicurezza 
possibile del nostro 
personale e dei nostri amici afgani e alleati». Ovviamente nessun cenno aicaveat, visto 
che questo 
governo non ne ha bisogno.

Questo passaggio viene silenziato dai media e accettato dal Pd. Eppure non si può dire 
che Di Paola 
sia stato reticente, vista la seguente precisazione: «Tutti i mezzi che abbiamo verranno 
utilizzati sulla 
base di tutte le loro capacità». Dunque, se si schierano dei bombardieri sarà ovviamente 
per 
bombardare. Più chiaro di così. Eppure, in questo strano paese la cosa non ha destato 
alcuna 
reazione degna di nota. Interessante, in particolare, il silenzio-assenso del Pd.

Questi «democratici», al pari dei loro omonimi a stelle e strisce (ieri Clinton, oggi il 
nobel Obama), 
amano i bombardamenti, meglio se a tappeto. Fu così anche per la Jugoslavia, quando l'ex 
comunista, allora diessino, oggi «democratico» D'Alema invio i caccia italiani a 
bombardare il paese 
balcanico, dicendo che i suoi aerei non sganciavano bombe, ma partecipavano semplicemente 
a non 
meglio precisate operazioni di «difesa integrata». Una presa in giro pari solo alla 
faccia tosta 
dell'allora primo ministro. Alla fine delle operazioni aeree saranno gli stessi alleati a 
riconoscere che 
l'Italia era stata solo seconda - dopo gli Usa, ma prima della Francia e della Gran 
Bretagna - per 
numero di raid sulla Jugoslavia.

Una situazione analoga si è determinata anche nel 2011 con l'aggressione alla Libia, con 
una 
partecipazione italiana alla guerra voluta in primo luogo da Napolitano, cioè da un altro 
esponente 
«democratico», oggi non casualmente insediato dalle oligarchie euro-atlantiche al 
Quirinale, in barba 
all'art. 11 della Costituzione e a tutto ciò che dovrebbe conseguirne.

La partecipazione degli Amx italiani ai ripetuti bombardamenti nella provincia di Farah, 
nell'Afghanistan sud-occidentale, di cui ha già parlato ilSole 24 Orenei giorni scorsi, 
non può dunque 
stupire. Solo gli ipocriti amano le ipocrisie. Ce lo ricorda il generale Mini: 
«Bombardiamo con gli Amx? 
Se è per quello, gli elicotteri Mangusta possono fare ancora più male. Hanno fatto almeno 
300 
missioni. Proprio qualche settimana fa un collega mi ha parlato di un'operazione con 60 
insorti uccisi. 
Non erano Amx ma elicotteri». (il manifesto, 15 luglio 2012)

La realtà della criminale guerra d'occupazione dell'Afghanistan è davanti a noi. Così 
pure il pieno 
coinvolgimento in essa dell'Italia. E' una guerra che non domerà la coraggiosa resistenza 
afghana, 
alla quale va tutto il nostro sostegno. Ma questa occupazione, che dura da 11 anni, è 
anche qualcosa 
di più, specie per un paese come l'Italia: è il segno dell'accettazione della «normalità» 
della guerra. 
Un altro segnale di un imbarbarimento crescente. Se così non fosse non potremmo avere i 
Monti, le 
Fornero, i Di Paola al governo.


--------------------- 


Inizio messaggio inoltrato:

    Da: "Coord. Naz. per la Jugoslavia"
    Data: 16 luglio 2012 22.14.16 GMT+02.00
    Oggetto: [JUGOINFO] Gli italiani bombardano anche in piena estate

http://www.marx21.it/internazionale/pace-e-guerra/2196-escalation-militare-italiana-in-
afghanistan-ma-chi-ne-parla.html 

Escalation militare italiana in Afghanistan: ma 
chi ne parla?


16 Luglio 2012

diFausto Sorini, segreteria nazionale, responsabile esteri PdCI

"Dunque la guerra non va in vacanza, nemmeno per gli italiani - scrive Tommaso Di 
Francesco sul 
Manifesto di domenica 15 luglio. Ora è ufficiale: i nostri quattro cacciabombardieri Amx 
del 51esimo 
stormo dispiegati a Herat stanno bombardando a tappeto il nemico talebano".

La conferma ufficiale dell'escalation militare italiana in Afghanistan viene dalle 
dichiarazioni del 
generale Luigi Chiapperini, comandante del nostro contingente. 

"Chi ha autorizzato l´entrata nella guerra aerea dell´Italia in Afghanistan? È stato il 
governo «tecnico», 
sostenuto da Pdl, Udc e Pd. E in particolare il ministro della Difesa Giampaolo Di Paola, 
il ministro che 
più tecnico non si può: è ammiraglio ed è stato comandante delle forze Nato. Lo stesso 
che in questi 
giorni muove lobby militar-industriali e schieramenti politici connessi per ottenere 
l´approvazione di 
ben 90 cacciabombardieri F-35, che ci costeranno 10 miliardi, nella finanziaria 
rivisitata dalla spending 
review, che taglia spese sociali, welfare e pensioni. Altro che conflitto d´interessi. È 
stato lui il 28 
gennaio scorso, nel silenzio generale, a informare la Commissione difesa del parlamento 
della 
decisione di usare sul campo afghano «ogni possibilità degli assetti presenti in teatro, 
senza 
limitazione» armando gli Amx che fino a quel momento volavano senza bombe".

Così dal 27 giugno i tremila soldati italiani impegnati a terra sono supportati dal cielo 
anche dagli Amx 
con armamento micidiale e sistemi sofisticati di precisione. 

Ancora una volta è chiaro che l´Italia è in guerra, ma chi ne parla? Il Parlamento tace, 
non una sola 
voce critica si è levata. E all'Ammiraglio Di Paola è riuscito oggi, nel silenzio-assenso 
pressochè 
generale, quello che ieri non era riuscito al ministro Ignazio La Russa: che nel novembre 
del 2010 aveva 
proposto di armare gli aerei italiani in Afganistan, suscitando - all'epoca - una levata 
di scudi generale. 
Adesso nulla.

"I pantani di guerra in corso e quelli nuovi che si annunciano - scrive ancora De 
Francesco - aiutano le 
leadership occidentali a sostenere il «percorso di guerra» - parola di Monti - dentro la 
crisi del 
capitalismo globale, del loro modello di sviluppo. Perché sostengono la spesa militare e 
le caste 
collegate, stabiliscono gerarchie e irrobustiscono alleanze militari come la Nato, 
rendendole l´unico 
vero strumento attivo, criminale e «democratico», di intervento nella realtà".

Ora dal conflitto afghano tutti dichiarano di voler uscire (mentre si prepara la guerra 
alla Siria..), ma 
intanto l´obiettivo immediato delle forze NATO, Italia compresa, resta quello di vincere 
militarmente 
sul campo. Qualcuno dica che è ora di farla finita, qualcuno prenda la parola per le 
migliaia di civili 
straziati dalle bombe dei raid aerei ora anche «nostri». 

Il PdCI denuncia l'escalation del coinvolgimento militare italiano nella guerra afghana, 
chiede il ritiro 
delle nostre truppe, invita tutte le forze di pace e fedeli al dettato costituzionale, 
dentro e fuori il 
Parlamento, a fare la loro parte e a non rendersi complici di questa ennesima barbarie ad 
utilizzare le 
risorse risparmiate per fronteggiare i problemi sociali più acuti, provocati dalla crisi 
capitalistica e da 
una politica governativa e dell'Unione europea che scarica il peso della crisi sulle 
spalle dei ceti 
popolari.

------------- fine