[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

gli F35 non vanno bene neanche se ce li regalano



oggetto: gli F35 non vanno bene nemmeno se ce li regalano: sono integrati nel sistema nucleare e quindi incostituzionali!

 

Cittadine e cittadini eletti al Senato della Repubblica,

state per votare, dopo i vostri colleghi della Camera (che, per la verità, ci pare abbiano deciso di non decidere), sugli F35 ed in particolare, per quello che abbiamo capito dalla stampa, vi pronunciate su una mozione, primo firmatario Felice Casson, che chiede di sospendere immediatamente il programma del loro onerosissimo acquisto.

Ma noi non vogliamo parlarvi di soldi, che pure è argomento che deve interessare (soprattutto quando la crisi li fa scarseggiare), bensì di più importanti questioni di principio.

Gli F35 - è l'invito che vi rivolgiamo - non dovremmo accettarli neanche se ce li regalassero e funzionassero senza problemi!

Il punto centrale è il seguente: vi sono sistemi d'arma che fanno irrimediabilmente a pugni con la nostra Carta costituzionale e gli F35 rientrano sicuramente tra questi.

Abbiamo tutti capito che questi cacciabombardieri, per i quali saranno aggiornate le atomiche B61 di Aviano e Ghedi (vedi quanto riportato nel file allegato), entreranno a fare parte della cd "condivisione nucleare" NATO e quindi - aggiungiamo noi - saranno preparati per il "first strike" ma soprattutto per il "first use".

Conoscete la differenza tra questi due concetti di tecnica militare attinenti alle dottrine ufficiali di impiego delle armi atomiche? Molti di voi, afflitti incolpevolmente dalla stessa disinformazione in cui viene tenuta la gente comune, probabilmente no.

Ma vi assicuriamo che la realtà a cui si riferiscono non è niente affatto rassicurante e meno che mai ragionevole.

Ragion di più per incamminarsi verso un modello di "difesa difensiva" separato da ogni organizzazione militare internazionale concepita, di fatto, in termini offensivi.

Ci sembra che la "mozione Casson" (chiamamola così per comodità) dia spazio a questa prospettiva quando propone, in alternativa agli F35, "una visione strategica della politica di difesa" a livello europeo, e di destinare, in Italia, "le somme risparmiate a investimenti pubblici riguardanti la tutela del territorio nazionale dal rischio idrogeologico, la tutela dei posti di lavoro e la sicurezza dei lavoratori".

L'"obbligo di difesa della Patria", a nostro avviso, può essere garantito da un "sistema" che:

- si limiti alla difesa dei confini nazionali (in attesa di una integrazione europea che adotti il "ripudio della guerra");

- comprenda una significativa componente non armata e nonviolenta;

- rifiuti le armi nucleari, ma anche tutti i sistemi di armi concepiti per attacchi in profondità "out of area" (come si dice nel gergo NATO);

- sia complementare con una politica estera non militarmente interventista ma ispirata alla sicurezza comune, al disarmo (a partire da quello euromediterraneo), alla cooperazione tra i popoli per il benessere ed i diritti umani.

Gli obiettori di coscienza alle spese nucleari e militari, insieme alle organizzazioni nonviolente "storiche" e a moltissimi gruppi pacifisti, lavorano e riflettono ormai da decenni su queste scelte di difesa alternativa: hanno contribuito a concretizzarle con le leggi e la pratica del servizio civile; e con le esperienze di gruppi di resistenza nonviolenti, ambasciate di pace e corpi civili di pace.

Il nostro Paese ha impegnato e continua ad impegnare soldati combattenti qua e la, in teatri di guerra, fingendo che stiano lì per accompagnare bambine e bambini a scuola. Riteniamo sia il caso di togliere le tende (specialmente dall’Afghanistan) per non gettare benzina sul fuoco dei conflitti. Cominciamo a costruirci, in collaborazione, se possibile, con la UE e con l’ONU, una funzione di Grande Arbitro: l’Italia dovrebbe essere vista in tutte le zone "calde" come un attore terzo, una "potenza di pace", considerata neutrale da tutti gli attori contendenti in modo da poter favorire mediazioni e riconciliazioni.

La nostra voce è bene che sia almeno ascoltata in audizioni parlamentari, così come normalmente fate con gli esponenti del complesso militare industriale.

Milano 28 giugno 2013

Alfonso Navarra – portavoce "Fermiamo chi scherza col fuoco atomico", della Campagna di obiezione di coscienza alle spese militari per la difesa popolare nonviolenta (www.osmdpn.it)

Il telefono dell'ufficio della Campagna OSM-DPN – sede in via Mario Pichi 1 – 20149 Milano -è lo 02-5810.1226 (chiamare i pomeriggi, escluso sabato e domenica, dalle 15.00 alle 19.00).

Rispondono Massimo Aliprandini e Beppe Marazzi




Allegato Rimosso