[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

«Occidente ipocrita sulle armi chimiche»



Frank Barat, il manifesto | 14 Settembre 2013

INTERVISTA A NOAM CHOMSKY «È una frode la 'responsabilità di proteggere' di 
cui parla Obama»
«Israele non ha mai ratificato quei trattati internazionali e gli Usa li hanno 
ignorati assistendo Saddam Hussein che gasava con il sostegno 
dell'Amministrazione Reagan»

La versione integrale di questa intervista sulla Siria a Noam Chomsky - uno 
dei più noti dissidenti politici statunitensi, linguista filosofo e teorico 
della cominicazione, professore emerito al MIT di Boston - è apparsa sul 
magazine on line Counterpunch (www.counterpunch.org). Frank Barat è il 
coordinatore del Tribunale Russell sulla Palestina.
Professor Chomsky qual è secondo lei la posta in gioco in Siria in questo 
momento? E cosa significa più in generale per tutto il Medio oriente?
La Siria sta precipitando rapidamente verso la propria autodistruzione. È una 
storia terrificante che sta diventando via via sempre più drammatica. E non 
vedo nessuna speranza all'orizzonte. Se questa situazione continua, molto 
probabilmente la Siria verrà divisa in tre parti, con la regione kurda - che è 
già in via di formazione - che potrebbe separarsi diventando parte della 
semiautonoma regione del Kurdistan iracheno, forse con qualche tipo di accordo 
con la Turchia. Il resto del paese verrà diviso in due: da una parte una 
regione dominata dal regime brutale e terrificante di Assad, dall'altra un'area 
controllata dalle varie fazioni armate, che vanno da quelle più estremiste e 
violente fino a quelle laiche e democratiche. Nel frattempo Israele sta a 
guardare e si gode lo spettacolo degli arabi che si massacrano tra loro.
E gli Stati uniti?
E agli Stati uniti va bene così perché, in realtà, non auspicano un'altra 
soluzione. Infatti se gli Stati uniti e Israele avessero voluto sostenere i 
ribelli contro Assad - cosa che non hanno voluto - avrebbero potuto farlo anche 
senza ricorrere all'intervento militare. Per esempio se Israele mobilitasse il 
suo esercito nelle alture del Golan (che sono siriane), Assad sarebbe costretto 
a trasferire al Sud più truppe, indebolendo i fronti con i ribelli. Ma non 
accade nulla di tutto questo. Gli Stati uniti non stanno fornendo neppure tutti 
gli aiuti umanitari necessari all'enorme massa di rifugiati siriani che stanno 
pagando le conseguenze di questa tragica situazione. Né si adoperano a 
effettuare le cose più semplici per alleviare le condizioni della popolazione 
civile. (...) Questo ci dimostra che Stati uniti e Israele vogliono che accada 
esattamente quanto sta avvenendo sotto i nostri occhi. Tutto il resto è 
finzione.
Ritiene che gli Stati uniti prima o poi interverranno con un bombardamento in 
Siria?
Il dibattito che si è scatenato a questo proposito è molto interessante. 
L'estrema destra e gli ultra-reazionari del partito repubblicano si oppongono 
all'intervento militare. E non per ragioni che condivido, come per esempio 
quelle umanitarie. La loro tesi è: «Perché mai dobbiamo dedicarci a risolvere i 
problemi degli altri e sprecare così le nostre risorse? Chi resterà a 
difenderci quando noi saremo attaccati?». Sono queste le loro argomentazioni 
contro la guerra. Poi c'è una destra «moderata», rappresentata per esempio 
dalle posizioni di David Brooks, commentatore conservatore del New York Times. 
Secondo lui il l'intervento degli Stati nella regione mediorientale, Iraq in 
primo luogo, ha e ha avuto un effetto «calmante» o «deterrente» e dunque senza 
truppe la situazione non può migliorare. Questa è la tesi standard, prevalente 
sia nella destra moderata che in alcuni settori liberal democratici. Tutti si 
chiedono se dovremmo esercitare la nostra «responsabilità di proteggere», per 
esempio, dall'uso delle armi chimiche. Ma se guardiamo a cosa ha portato 
davvero nella storia la «responsabilità di proteggere» degli Stati uniti, il 
fatto che queste parole possano anche solo essere accostate tra loro dimostra 
tutta l'ipocrisia della cultura morale e intellettuale dell'Occidente.
Tutto questo senza considerare che intervenire sarebbe un'enorme violazione 
delle leggi internazionali. L'ultima tesi di Obama è quella di non essere stato 
lui ad aver stabilito una «linea rossa» oltre la quale bisogna intervenire 
militarmente, ma lo ha fatto l'umanità approvando il bando universale delle 
armi chimiche. Beh, se parliamo dei trattati internazionali, Israele non li ha 
proprio firmati. E gli Usa per esempio li hanno bellamente ignorati quando 
assistevano Saddam Hussein che le armi chimiche nel suo paese le ha usate 
davvero, con il sostegno dell'amministrazione Reagan. Salvo poi prendere a 
pretesto pochi anni dopo l'uso di quelle stesse armi per l'invasione dell'Iraq. 
E poi, naturalmente, queste convenzioni non hanno meccanismi che impongono il 
rispetto dall'esterno.
Dunque secondo lei questa «responsabilità di proteggere» non esiste.
È una frode perpetrata alla cultura occidentale. L'unica evidenza di questa 
idea è in una risoluzione dell'assemblea generale dell'Onu che parla sì di 
«responsabilità di proteggere» dalle armi chimiche ma non autorizza in nessun 
modo gli stati membri a intervenire con la forza fuori dallo statuto delle 
Nazioni unite. Esiste poi un'altra motivazione, adottata solo dall'Occidente, 
cioè dagli Usa e dai loro alleati, che è unilaterale e sostiene che «un 
intervento militare delle organizzazioni regionali nelle aree di loro 
competenza è possibile anche senza l'autorizzazione del consiglio di sicurezza 
dell'Onu». Tradotto: gli Stati uniti e la Nato possono intervenire militarmente 
quando vogliono. Se non fosse tragico sarebbe una farsa.