[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Disarmo] I: 19 ottobre 2013 non è che l'inizio




>----Messaggio originale----
>Da: laltralombardia at laltralombardia.it
>Data: 21/10/2013 11.34
>A: <mariel.m at libero.it>
>Ogg: I: 19 ottobre 2013 non è che l&#39;inizio
>
>
>In 200.000 a Roma abbiamo assediato i centri di potere politico ed economico. 
Abbiamo affermato la volontà e la determinazione di continuare la lotta e la 
mobilitazione per il diritto alla casa, per la difesa del territorio... e 
dell'ambiente contro le opere inutili e dannose, per il rilancio del recupero 
del potere d'acquisto dei salari aggrediti e ridotti da 10 anni di contenimenti 
salariali accettati e subiti dai sindacati confederali( CGIL, CISL, UIL ), per 
lo sblocco dei contratti e dei salari del Pubblico Impiego, per l'abolizione 
del precariato e per il diritto ad una vita migliore e libera dalla schiavitù 
salariale. Insomma una giornata di lotta contro il sistema capitalistico e le 
sue ingiustizie e violenze che l'apparato repressivo dello stato borghese non è 
riuscito a fermare, nonostante una presenza provocatoria delle forze repressive
( c'erano persino corpi speciali della guardia forestale!!).
>La capacità di resistenza e la tenuta del corteo, nonostante le aggressioni 
delle forze poliziesche e le provocazione dei fascisti di casa Pound, sono 
state possibili grazie alla determinazione militante di molti compagni e alla 
maturità politica della massa dei partecipanti. Una giornata che ha sancito e 
sottolineato l'indipendenza del movimento da partiti, sindacati, partitini e 
sindacatini che non sono riusciti a mettere il cappello su questa mobilitazione.
Per la prima volta dopo tanti anni, nel corteo c'erano foltissime 
rappresentanze di reali movimenti di lotta e un clima di unità.
>Le iniziative, le occupazioni e lo sciopero degli scorsi giorni non avevano 
come obiettivo primario il riconoscimento istituzionale delle loro 
rivendicazioni. L'incontro che è previsto per martedì prossimo con il governo 
Letta con una parte del movimento non va letto come una conquista, ma 
semplicemente come un tentativo del governo di svuotare di contenuti il 
significato di questa mobilitazione. Comunque si tratta di un segno di 
debolezza del governo Letta-Alfano. Occorre dare seguito agli insegnamenti che 
provengono da queste giornate di lotta e trasformare la rabbia diffusa in 
Organizzazione. L
>a lotta non è che all'inizio. Costruire CONTROPOTERE!!!
>Battere le chiusure corporativiste e chi continua a difendere il suo piccolo 
orticello identitario e chi sfrutta questi movimenti per le sue mire 
elettoralistiche( vedi le scadenze elettorali della prossima primavera : 
elezioni europee ed amministrative in gran parte d'italia).
>Non è che l'inizio!!!
>Milano 20 ottobre 2013
>
>SU LA TESTA l'altra Lombardia
>laltralombardia at laltralombardia.it
>http://www.laltralombardia.it
>