[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Disarmo] Le forze speciali Usa impiegheranno un superaereo made in Italy per i loro blitz



Le forze speciali statunitensi impiegheranno aerei italiani per compiti di 
trasporto e combattimento. Il comando delle special forces (USSOCOM) sta 
infatti acquisendo 7 velivoli C-27J Spartan di Alenia Aermacchi, gruppo 
Finmeccanica, per incrementare le capacità di trasporto tattico durante le 
operazioni speciali ma prevede anche di impiegarne la versione "multimission", 
nota come MC-27J, armata di un cannone a canne rotanti da 30 millimetri. Lo ha 
reso noto il 28 ottobre la portavoce del Pentagono Ann Stefanek che a ha 
dichiarato che i primi tre velivoli sono già stati presi in carico dallo 
Special operation command sulla base aere di Pope, in North Carolina, mentre 
gli altri 4 verranno assegnati tra dicembre e l'aprile dell'anno prossimo.

Gli Spartan destinati a trasportare Delta Force, Navy Seal e Berretti Verdi 
fanno parte del lotto di 21 velivoli italiani ordinati dalle forze aeree 
statunitensi e poi radiati prima che la commessa venisse completata in seguito 
ai tagli del Pentagono che giustificò la dismissione di velivoli nuovissimi 
citando costi di manutenzione più alti rispetto ai più grandi cargo C-130 
realizzati da Lockheed Martin. Più che da fattori di costo il taglio della 
commessa per gli aerei italiani apparve coerente con la politica del "buy 
american" dell'amministrazione Obama, che ha visto la cancellazione di molti 
programmi di acquisizione di materiali militari importati o di concezione 
europea.

Il cargo tattico C-27J, realizzato da Alenia Aermacchi e integrato negli Stati 
Uniti dalla società L-3, doveva essere acquisito in ben 78 esemplari dalle 
forze statunitensi, poi ridotti a 38 e successivamente a 21 dei quali 14 già 
completati e stoccati nel deserto dell'Arizona, nella base di Davis-Monthan 
utilizzata come gigantesco deposito a cielo aperta per la conservazione di 
velivoli ritirati dal servizio. Il Pentagono sembrava determinato a vendere sul 
mercato dell'usato gli Spartan appena radiati creando una concorrenza indebita 
ad Alenia Aermacchi che cerca di espandere l'export di un velivolo già 
acquisito da 11 Paesi (Italia, USA, Australia, Lituania, Bulgaria, Messico, 
Grecia, Romania, Marocco, Ciad e Slovacchia per un totale di 73 esemplari 
consegnati o in produzione alcuni dei quali già testati in aree operative come 
l'Afghanistan dove operano gli Spartan italiani e sono stati dispiegati quelli 
lituani. Negli ultimi tempi però sia la Guardia Costiera che il Forest Service 
statunitensi hanno mostrato interesse ad utilizzare i restanti 14 bimotori da 
trasporto tattico, in grado di operare da piste in terra battuta e di limitate 
dimensioni.

La decisione del comando forze speciali di acquisire un terzo della flotta di 
Spartan presenti negli Stati Uniti rilancia oltreoceano l'immagine del velivolo 
italiano soprattutto in versioni ad hoc per impieghi specifici. Lo USSOCOM non 
esclude infatti modifiche ai C-27J per meglio adattarli ai compiti delle forze 
speciali o per dotarsi della versione "cannoniera volante" per compiti di 
attacco al suolo con l'imbarco di un cannone a canne rotanti ATK GAU-23 da 30 
millimetri testato nel giugno scorso sulla base di Eglin in Florida.
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-11-10/le-forze-speciali-usa-
impiegheranno-superaereo-italiano-i-loro-blitz-155438.shtml