[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Disarmo] R: Re: ARMI CHIMICHE/ L'esperto: a Gioia Tauro nessun pericolo, ecco perché



La distruzione può avvenire tramite: incenerimento, idrolisi chimica, degradazione microbica e ossidazione.


Wired scrive: Arriva la notizia, riferisce il NewScientist, di una nuova tecnologia messa punto dagli Usa per distruggere le armi chimiche in terra straniera. A quanto pare, infatti, lo scorso febbraio la Defense Threat Reduction Agency avrebbe avviato la costruzione di un impianto mobile per la distruzione di armi chimiche, che doveva essere pronto nel giro di 20 settimane. E così è stato. La Edgewood Chemical Biological Center (Maryland) ha consegnato il lavoro per tempo al The Joint Program Executive Office, presentando il Field Deployable Hydrolysis System (Fdhs), un laboratorio portatile per la neutralizzazione delle armi chimiche.

Fulcro dell'impianto è una tanica di titanio di oltre 8000 litri di capienza, in cui vengono pompati agenti come sarin e iprite, mescolati quindi con acqua, idrossido di sodio e candeggina, per esesre poi riscaldati. Questo processo favorisce l'idrolisi dei composti, che sono scissi in frammenti più piccoli. I prodotti di questa idrolisi possono quindi essere smaltiti presso impianti commerciali per il trattamento di rifiuti pericolosi.

L'efficienza del Fdhs è piuttosto alta, riuscendo a distruggere il 99,9% di un singolo carico di agente chimico nel giro di tre ore, mentre la capacità di lavoro invece varia da sostanza a sostanza, così che in un solo giorno possono essere neutralizzate dalle 5 alle 25 tonnellate di materiale.

Il laboratorio mobile (trasportabile tramite dei container e operato da circa 15 persone) conta anche apparati di gas-cromatografia e spettrometria di massa per identificare sia l'agente chimico da decontaminare che per controllare che i prodotti di scarto siano conformi alle richieste di sicurezza. Il Field Deployable Hydrolysis System però può operare su armi chimiche stoccate all'interno di contenitori e non su munizioni, dove sono più difficili da estrarre.