[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Disarmo] [SPF:fail] Teulada, villaggi per la guerra e ammissione del rischio radioattivo



Comitato sardo Gettiamo le Basi
Tel 3467059885

Villaggi per la guerra a Teulada e ammissione del rischio radioattivo riemergono dalla naftalina.

(Riferimento: “Progettazione definitiva-esecutiva relativa ai lavori di realizzazione del primo villaggio per l’addestramento negli abitati” elaborata dalla 14^ Direzione Genio Militare, datata 29/09/2000, codice di priorità “Alta”) .

Di recente le Forze Armate hanno tolto dalla naftalina e ripresentato il Progetto del 2000 di costruzione del PRIMO villaggio (ma quanti ne prevedono?) in stile balcanico e mussulmano allo scopo di conferire maggiore realismo ai giochi di guerra. Il Progetto annunciava anche “un approfondito studio per ridurre al minimo l’impatto ambientale”, sorprendentemente, tra i fattori da esaminare indicava l’inquinamento radioattivo (pag 23, punto D ). Uno studio su questo aspetto, oggi, 2014,  è del tutto normale, non considerarlo susciterebbe uno scandalo. E’ invece singolare che sia stato previsto nel settembre 2000. L’anacronismo è shoccante. Allora, infatti, le richieste di chiarezza e accertamenti sulla contaminazione radioattiva si contavano sulle  dita di una mano e cadevano nel vuoto totale. In Sardegna le sole voci erano quelle del Comitato Gettiamo le Basi, delle famiglie del caporalmaggiore Salvatore Vacca e del soldato di leva Giuseppe Pintus, uno in servizio nel teatro di guerra bosniaco, l’altro a Capo Teulada, entrambi uccisi dallo stesso tipo di tumore, leucemia linfoblastica acuta. Nella penisola il silenzio era sovrano. Eppure gli estensori del Progetto del 29/09/2000 denotano la consapevolezza “anacronistica” del rischio radioattivo allora ignoto alla quasi totalità della popolazione civile e militare. Inoltre, nei quattordici anni trascorsi, man mano che i sospetti crescevano fino a diventare certezza diffusa, Istituzioni, ministri della Difesa, vertici militari e politici hanno ostinatamente negato e categoricamente escluso l’uso di armamento radioattivo e conseguente contaminazione nei poligoni sardi. I vari  Capi Supremi delle Forze Armate hanno pilatescamente scansato il problema.

 La sola ipotesi plausibile  della “preveggenza” del rischio radioattivo è la svista involontaria e accidentale che fa trapelare il “segreto”  gelosamente custodito e da custodire costi quel che costi. Sarebbe l’ennesima conferma delle menzogne che ci hanno propinato e ci propinano,  della lucida quanto criminale decisione di lasciare esposti alla contaminazione letale militari, popolazione, flora, fauna, terra, aria, acqua e la catena alimentare.

L’involontaria ammissione del problema contaminazione radioattiva potrebbe chiarire anche l’anomalia della veloce ibernazione e riesumazione dopo quattordici anni  del piano di costruzione dei villaggi da war games. Non basta a spiegarla, infatti, il parere negativo (non vincolante) della componente civile del CoMiPa (Comitato Misto Paritetico Stato Regione) anche in considerazione del codice di priorità “Alta” assegnato ai lavori.

 Ripugna lo sperpero di denaro pubblico per costruire case da bombardare (circa 8 milioni di euro, più di 15 miliardi di lire  nel 2000).

 Agghiaccia il silenzio della caterva di politici e pseudo esperti che promettono bonifica e pronto smantellamento del poligono “inutile” di Teulada in cambio del potenziamento del poligono della morte Salto di Quirra a rischio chiusura per intervento della Magistratura

 Rimane una ferita sanguinante lo stupro sistematico della nostra terra e la perdurante strage di Stato per creare paradisi di guerra.

Comitato sardo Gettiamo le Basi
Tel 3467059885

Uranio: antimilitaristi, rischio radioattivo a Teulada
Già uno studio del 2000 sui villaggi addestramento ne parlava
CAGLIARI
(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN


Questa e-mail è priva di virus e malware perché è attiva la protezione avast! Antivirus .