[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Disarmo] La via della pace - Pot miru 22.4. Duino - Devin E INFO ARENA DI PACE - dal FVGiulia



Comitato pace convivenza solidarietà Danilo Dolci - via Valdirivo 30, 34132 Trieste - cell 338 1652364


Convegno "da Sarajevo al Carso" del 22/4 al Collegio del Mondo Unito di Duin

E partecipazione all'"Arena di pace e disarmo" il 25 aprile a Verona

Verso il "Peace Event Sarajevo 2014" del 6/9 giugno


Martedi 22 aprile alle 18 al Collegio del Mondo unito dell'Adriatico di Duino, nel quadro del progetto Kras@event@Carso, si svolgerà la tavola rotonda "La via della Pace: Da Sarajevo al Carso" / "Pot Miru: Od Sarajeva do Krasa" sulla creazione dei Corpi civili di pace europei.
Partecipano Andrea Bellavite del Forum cultura per Gorizia, Igor Komel del Kulturni dom di Gorizia, don Pierluigi Di Piazza del centro Balducci di Zugliano, Maria Carla Biavati e Maurizio Cucci di IPRI - Reta corpi civili di pace da Bologna, Aurelio Juri premio Danilo Dolci 2008 da Koper / Capodistria, Simone Sgarbossa docente responsabile per i progetti del Collegio e Alessandro Capuzzo della Tavola regionale per la pace.
I Corpi civili di pace nascono da un'idea portata per la prima volta all'interno del Parlamento europeo da Alexander Langer - nel mezzo delle guerre infuriate nei Balcani - nel 1995 come proposta della Società civile per la gestione degli interventi di pace. Su questo argomento, uno specifico workshop imternazionale sarà promosso durante l'Evento di pace in programma dal 6 al 9 giugno a Sarajevo.

L'iniziativa segna l'inizio del percorso verso il "Peace Event Sarajevo 2014" sul nostro territorio, che vedrà come prossima tappa la partecipazione all'"Arena di pace e disarmo" a Verona, il 25 aprile giornata della Liberazione. Verso la quale è prevista la partenza di un pullman dal Centro Balducci e un'altro da Pordenone, mentre l'appuntamento triestino è fissato per le 9 in piazza Oberdan.
La caratterizzazione sulla partecipazione delle minoranze Italiana in Slovenia e Slovena in Italia, dona un valore particolare all'apertura del percorso verso il "Peace Event Sarajevo 2014" da queste terre, che hanno visto la contrapposizione etinica, linguistica economica e ideologica, attraversare quasi tutto il novecento.
Non a caso la Regione Friuli Venezia Giulia ha istituito una Legge specifica per ricordare - al di fuori di celebrazioni di maniera - il Centenario della prima guerra mondiale, la "strage inutile" così definita da Benedetto XV. È stata in questo senso apprezzata la presenza all'incontro della vicesindaco di Trieste Fabiana Martini e del presidente di commissione del Consiglio regionale Franco Codega.
È speranza comune quindi di riuscire amche grazie ad occasioni di respiro internazionale come il Peace Event del 6/9 giugno a Sarajevo, ad aprire un capitolo nuovo nei rapporti tra le componenti sociali e nazionali di queste terre, e i Paesi circostanti.

La segreteria del Comitato pace convivenza solidarietà Danilo DolciIn
allegato il volantino / invito per il convegno "Da Sarajevo al Carso"