[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Disarmo] R: [SPF:fail] Cagliari, sit in martedì 17 fronte Consiglio regionale, discute su militarizzazione S



l'avete già visto?

Esercito Pamphlet 700-48 27 settembre 2002


Questo opuscolo fornisce indicazioni specifiche sul trattamento delle apparecchiature degli Stati Uniti e quelle stranierie che possono essere state contaminate da materiali radioattivi a seguito di munizioni DU / armatura o merci radioattive danneggiate.


http://www.apd.army.mil/jw2/xmldemo/p700_48/main.asp



----Messaggio originale----
Da: caomar at tiscali.it
Data: 16/06/2014 11.10
A: "Mediterranea"<amedit at tiscali.it>, "MI comitato contro la guerra"<comitatocontrolaguerramilano at gmail.com>, "Mosaico di pace 2"<info at mosaicodipace.it>, <noradarcaposanmarco at inventati.org>, "Nosuetotu"<nosuetotu at tiscali.it>, "Odissea A Gaccione"<latoestremo at gmail.com>, "odradek SS"<odradek.ss at tiscali.it>, "Palestina"<sardegnapalestina at libero.it>, "Parco Geominerario Consulta"<consultaassociazionicau at gmail.com>, "PBC Per il Bene Comune Monia"<perilbenecomune at gmail.com>, "Peacelink disarmo"<disarmo at peacelink.it>, "RAS ass Sanità"<san.assessore at regione.sardegna.it>, "RAS ass.ambiente"<amb.assessore at regione.sardegna.it>, "Solidando"<info at solidando.org>
Ogg: [Disarmo] [SPF:fail] Cagliari, sit in martedì 17 fronte Consiglio regionale, discute su militarizzazione S

Si prega di girare la mail e si ricorda: mercoledì 18, Tribunale di LANUSEI udienza (non pubblica) sul caso Salto di Quirra
M Cao

******

SIT IN martedì 17, ore 9,30, fronte Consiglio regionale, via Roma, Cagliari 

per la LIBERAZIONE dall'OPPRESSIONE MILITARE, per il DIRITTO di UGUAGLIANZA tra cittadini e tra Regioni, per L’EQUIPARAZIONE,
per il DIRITTO alla SALUTE e alla VITA, per
FERMARE la STRAGE di STATO

Martedì 17 il Consiglio regionale discute la mozione unitaria che impegna il governatore Pigliaru nella trattativa con lo Stato sul tema della militarizzazione della Sardegna in vista della Conferenza nazionale del 18 a Roma. Il Consiglio e il Governatore hanno finora ignorato le nostre richieste e proposte, pertanto presidieremo il palazzo per ribadire le inderogabili priorità. 

 “RIEQUILIBRIO”, la parola-bandiera oggi sventolata come novità, è un obbligo del ministro della Difesa sancito dalla leggi ed evaso da decenni con la complicità della Regione discriminata. Già nel 1976 la legge ha imposto l’equa ripartizione sul territorio nazionale dei gravami militari, valutati dal legislatore come causa di danni economici e sociali (in quel tempo mancava ancora la consapevolezza del danno ambientale e sanitario), ha messo sullo stesso piano, con pari rilevanza, gli interessi della Difesa e le esigenze della popolazione. Nel 1990 la legge 104 ha ribadito la necessità dell’equiparazione, fondata sul diritto di eguaglianza dei cittadini e delle Regioni sancito dalla Costituzione, ha modificato l’iter inefficiente stabilito nel 1976, ha imposto al ministro della Difesa il dovere di equilibrare  il carico militare tra le Regioni.

La 104/1990 non nasce dalla benevolenza di un governo-amico di turno, è in larga misura frutto dell’azione di Mario Melis e delle forti lotte di popolo degli anni 1987/90.

  Il “riequilibrio” , se non si quantifica e non si pongono parametri di riferimento, è aria fritta o peggio fumo negli occhi per meglio turlupinare il popolo sardo. Tralasciando le immense zone di cielo e mare militarizzate (questa superficie supera quella dell’intera Sardegna) e usando i dati “storici” di  Gettiamo le Basi, un poco più bassi rispetto a quelli di certo più precisi del governatore, risulta che il demanio militare in tutta Italia ammonta a circa 40.000 ettari di cui 24.000 (il 60%) concentrati in Sardegna e i restanti 16.000 sparsi nella penisola. Basta un calcolo elementare (40.000 :  n° Regioni) per chiarire che il ministero della Difesa ha il dovere di restituirci circa 22.000 ettari, grosso modo qual cosina in più delle aree occupate dalle tre bombing test areas  più vaste e a più intenso utilizzo  d’Europa (Capo Frasca 1.416 ha, Teulada 7.200, Salto di Quirra 13.000).

 Il Governatore non si umili e non umili il popolo sardo supplicando alcune briciole, mendicando e predicando la “mitigazione” del servaggio.

 
“SMILITARIZZAZIONE di Teulada e Capo Frasca
, sacrosanta, nostro obiettivo da sempre,  però per come è adombrata da Pigliaru è miseramente insufficiente, eticamente inaccettabile.  La Regione chiederebbe solo la restituzione, “non per l’immediato”,  di appena un terzo del dovuto e abbuonerebbe allo Stato circa due terzi del maltolto Si configura come merce da riscuotere, in un imprecisato e lontano futuro, pagata con la rinuncia, adesso e subito, sia del  diritto di uguaglianza con le altre Regioni e  i cittadini della penisola, sia della sovranità e del controllo democratico nell’area martoriata del Salto di Quirra. La Regione offrirebbe il suo consenso al potenziamento del poligono della morte in cambio di una promessa-miraggio, utile a sedare l’insofferenza di popolo, far dimenticare e incrementare stragi e devastazioni in corso.

Il diritto all’uguaglianza, alla non discriminazione non è merce  di baratto. La Regione ha i mezzi per far valere i diritti del popolo sardo (ad es. ricorso ai tribunali internazionali contro l’Italia per i danni inferti all’isola, per i crimini contro l'ambiente e contro l'umanità, per la violazione dei diritti umani con l’aggravante di averli perpetrati contro una minoranza etnica)

 
 
“SARDEGNA AZIONISTA di MAGGIORANZA” del turpe business della guerra è la trovata che nobilita e valorizza l’uso tradizionale dell’isola come paradiso-pattumiera di guerra e conferisce al “riequilibrio” significato e contenuti nuovi e sinistri. Vorremo fugare al più presto l’orribile sospetto che il governatore economista intenda equilibrare il tot di basi di guerra accollandoci anche un tot equivalente d’installazioni per esperimenti, fabbricazione, collaudi di ordigni bellici di sterminio.

 L’inquietante “nuovo corso” - propagandato come “Riqualificazione Salto di Quirra” (analizzato da Gettiamo le Basi nelle varie fasi di messa a punto), llustrato nella mozione del Senato ossessivamente riproposta da Pigliaru,  perseguito con costanza da circa un decennio dal suo partito. il PD -  è  già deciso a livello governativo, è affidato a una società per azioni, la Difesa spa. Oltre al “regalo” dei droni robot assassini, spunta il “regalo” delle energie alternative e con queste ricompare lo spettro del nucleare scacciato nel 2003 e nel 2011 dalla grandiosa lotta spontanea di popolo. I criteri di scelta della Sogin del luogo del sarcofago di scorie indicano esplicitamente il demanio militare per esigenze di controllo  e sicurezza dell’impianto e, soprattutto,  zero ingerenze  delle Autorità civili.


Noi non cessiamo di esigere che il Governo assuma le sue responsabilità, osservi l’obbligo prioritario di porre fine alla strage di Stato provocata dalle devastanti attività militari, adotti con urgenza i sei improrogabili interventi che formano l’acronimo SERRAI (CHIUDERE)

     S     Sospensione delle attività dei poligoni dove si sono registrate le patologie di guerra;

     E     Evacuazione dei militari esposti alla contaminazione dei poligoni di Quirra, Teulada, Decimo-Capo Frasca 

    R     Ripristino ambientale, bonifica seria e credibile delle aree contaminate a terra e a mare;

     R     Risarcimento alle famiglie degli uccisi, ai malati, agli esposti, Risarcimento al popolo sardo del danno inferto all’isola.

    A     Annichilimento, ripudio della guerra e delle sue basi illegalmente concentrate in Sardegna in misura iniqua;

    I       Impiego delle risorse a fini di Pace   


Comitato sardo Gettiamo le Basi, tel 3467059885; Comitato Amparu (Teulada) 3497851259;

Famiglie militari uccisi da tumore, tel 3341421838; Comitato Su Sentidu (Decimomannu)



Questa e-mail è priva di virus e malware perché è attiva la protezione avast! Antivirus .