[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Disarmo] Putin a Usa e UE: ‘Ricordatevi della lezione che abbiamo dato a Hitler’



Ricevo e giro da Coordinamento Jugoslavia www.cnj.it

jure ellero


-------- ---

Oggetto: [JUGOINFO] Putin: ‘Ricordatevi della lezione che abbiamo dato a Hitler’
Data:   Sat, 20 Dec 2014
Mittente:       Coord. Naz. per la Jugoslavia jugocoord at tiscali.it


(english / deutsch / srpskohrvatski / italiano)

*Putin: ‘Ricordatevi della lezione che abbiamo dato a Hitler’*


*1) Putin’s State of Nation address*
/Sintesi in lingua italiana (audio/video) / ‘Remember lessons we taught
Hitler’: Top 10 quotes/

*2) Il Congresso USA ha dichiarato guerra alla Russia *
/La Risoluzione 758/2014 contro la Federazione Russa ha le stesse
finalità della Legge 101/513 del 1990 contro la Jugoslavia: distruggere
il paese sul medio termine//

*3) Prezzi del petrolio e sabotaggio di South Stream*
/South Stream, Usa e getta (Manlio Dinucci)/

*4) Conferenza stampa di fine anno di Vladimir Putin*


Leggi anche:

Putin e l’orgoglio. Contro la Russia trama ‘jugoslava’ (di Ennio
Remondino, 5/12/2014)
/Svalutazione del rublo, calo del prezzo del petrolio. Le sanzioni
economiche per la crisi Ucraina 'uno stimolo'…/
http://www.remocontro.it/2014/12/05/putin-e-lorgoglio-contro-la-russia-trama-jugoslava/

Putin: in Russia nessuna persecuzione delle minoranze sessuali (5/12/2014)
/La Russia sceglie la famiglia tradizionale e una nazione sana, ma ciò
non significa che le persone con diverso orientamento sessuale abbiano
limitati i diritti…/
http://italian.ruvr.ru/news/2014_12_05/Putin-in-Russia-nessuna-persecuzione-delle-minoranze-sessuali-6580/

L’unica bugia di Putin (di Marco Bordoni, 4/12/2014)
/La questione delle nazionalità, come molte altre, trova oggi la propria
sintesi nella persona di Putin. Putin che redistribuisce. Putin che
incarna un ideale unificatore. Putin che è ancora indispensabile. Ma che
lavora alacremente per non esserlo più in un futuro ragionevolmente
prossimo…/
http://www.vineyardsaker.it/sfera-di-civilta-russa/lunica-bugia-di-putin/

Come Vladimir Putin ha ribaltato la strategia della NATO (di Thierry
Meyssan, 6 dicembre 2014)
/Come una volta contro la Francia o la Germania, la sconfitta iniziale
della Russia potrebbe essere la garanzia della sua vittoria finale…/
http://www.voltairenet.org/article186159.html
http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display?ID=113192&typeb=0

'Un'altra guerra in Europa? Non in nostro nome!' (di Pino Cabras, 8
dicembre 2014)
/In Germania ex presidenti, politici, artisti, industriali lanciano un
potente appello per la distensione in Europa. I loro colleghi italiani
tacciono…/
http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display?ID=113212&typeb=0

Periods of Upheaval (West has little success in inducing other nations
to join sanctions against Russia)
/2014/12/10 - The EU and the USA are having little success in inducing
friendly nations to join their sanctions against Russia. Following a
visit by the EU's Foreign Policy Representative, Federica Mogherini,
Ankara announced, Monday, Turkey will not support these measures, but
rather continue its cooperation with Moscow. In India, as well, one
hears in the lead-up to Russian President Vladimir Putin's visit - which
begins today - that cooperation will be continued, because of common
interests, for example to defuse Cold War-like tensions. India, along
with other countries previously particularly close to the West - such as
South Africa and Brazil - have a differentiated view of the Ukrainian
conflict, a view, which does not exclude the West's role. For
example, in the Indian debate, "the argument that Russia had re-drawn
internationally recognized borders in Europe," is not taken seriously -
after all, the West had done the same in destroying Yugoslavia,
according to a report by the CDU-affiliated Konrad Adenauer Foundation.
A Norwegian think tank notes that Brazilian foreign policy makers are no
longer inclined to remain silent on western countries' human rights
violations, while loudly criticizing those of others. Observers find
that the world "order" under western domination is beginning to crumble…
/http://www.german-foreign-policy.com/en/fulltext/58811
Umbruchszeiten (EU und USA drängen Partnerländer erfolglos zu
Russland-Sanktionen)
http://www.german-foreign-policy.com/de/fulltext/59016

Од грађана се крије да је Америка на путу у трећи светски рат (Мајкл
Чосудовски, 17 децембар 2014)
http://srbin.info/2014/12/16/od-gradana-se-krije-da-je-amerika-na-putu-u-treci-svetski-rat/

ili
http://www.beoforum.rs/forum-prenosi-beogradski-forum-za-svet-ravnopravnih/641-amerika-na-putu-u-3-svetski-rat.html

Quel che Putin non ci sta dicendo (di P. Escobar, 19 dicembre 2014)
/La tempesta perfetta è su due fronti; guerra economica palese
-sanzioni- e un attacco ombra rivolto al cuore dell'economia russa.
Putin sa altre mosse../
http://megachip.globalist.it/Secure/Detail_News_Display?ID=113723&typeb=0

PTV News 19 dicembre 2014 – Bruxelles Casino Royale
/Secondo giorno del vertice di Bruxelles. L’Europa non ha più soldi per
l’Ucraina. Raggiunti i limiti  di bilancio. La marcia indietro dell’UE:
lo stop delle sanzioni alla Russia trova d’accordo anche la Merkel e
Hollande, che vuole vendere le sue portaelicotteri a Putin. Ma da
Bruxelles nuove sanzioni: contro la Crimea.  Obama firma provvedimenti
contro la Russia. Prodi a Mosca in visita da Putin: che si saranno detti?/
http://www.pandoratv.it/?p=2458
VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=aZnZ2y_fwGM

---

Dichiarazioni di Putin e Lavrov
https://it.groups.yahoo.com/neo/groups/crj-mailinglist/conversations/messages/8180

Elementi per un profilo di Vladimir Putin
https://it.groups.yahoo.com/neo/groups/crj-mailinglist/conversations/messages/8161

Putin: "Obamin pristup Rusiji je neprijateljski" / L'intervista di Putin
a "Politika"
https://it.groups.yahoo.com/neo/groups/crj-mailinglist/conversations/messages/8125
http://aurorasito.wordpress.com/2014/10/17/putin-il-vaccino-al-virus-nazista-perde-efficacia-in-europa/
http://www.politika.rs/rubrike/Svet/Obamin-pristup-Rusiji-je-neprijateljski.sr.html
http://rt.com/politics/official-word/196284-ukraine-putin-nazi-europe/


*=== 1 ===*

Una sintesi in lingua italiana:
PTV NEWS 5 dicembre 2014 - *Putin parla alla nazione Russia*
VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=4n69zTW6xi0

---

http://rt.com/news/211411-putin-state-address-top10/

*‘Remember lessons we taught Hitler’: Top 10 quotes from Putin’s State
of Nation address
*
Published time: December 04, 2014

In his yearly address to parliamentarians and dignitaries, Vladimir
Putin gave a reminder of Russia's strength as the country that
Hitler failed to defeat, while also comparing Crimea's significance to
that of the Temple Mount to Jews.

"Hitler wanted to destroy Russia - everyone needs to remember how that
ended"

In a warning to the West about further encroachment towards Russia’s
borders, President Putin reminded how many previous military powers have
tried, but ultimately failed, to corner Russia and then invade the
largest country on Earth.

"They wanted to disintegrate Russia like they did with Yugoslavia. They
failed. We stopped them"

In the 1990s a weak Russia under Boris Yeltsin looked helplessly on as
the US and the EU carved up Yugoslavia for their own personal gains.
Almost two decades on, Putin says a repeat on Russian soil, despite the
West’s desires, is unthinkable.

"They would have gladly applied the Yugoslav scenario of dismemberment
and disintegration for Russia. They failed. We did not allow them to do
that."

"The Russian army is polite, but menacing. Impossible to defeat her."

Russia has one of the largest armies in the world; however, Putin is
adamant he does not want the country to be drawn into a wider conflict.
The president did admit that if forced, the Russian bear is prepared to
bare its claws with devastating consequences for those opposing it.

"Crimea as sacred to Russia as Temple Mount to Islam and Judaism"

For centuries Crimea was part of Russia. The peninsula is ethnically
Russian, not just Russian-speaking. However, in 1954 it
was ‘transferred’ to Ukraine by Nikita Khrushchev, who believed national
boundaries were irrelevant given that they all came under the banner of
the Soviet Union. However, following the collapse of the USSR, the
Crimean question surfaced once again.

"Sanctions are unpleasant, but mostly for those who introduce them"

The US and the EU have tried to play-up the effect sanctions imposed on
Russia are having a detrimental effect on the country’s economy, when in
fact the low price of oil is the real reason for the ruble’s slide.
Putin says Russia is looking for new partners in the east for trade and
believes the West’s aim to hurt Russia’s economy will be detrimental in
the long run.

"The US would have found ways to curb Russia's growth even without the
Crimea pretext"

A resurgent Russia is a threat to the US, with Washington unwilling to
let any nation challenge it as the world’s only super power. For almost
a decade, the US has been looking at ways to diminish Russia’s role in
world affairs both globally and politically. Putin was adamant that
Crimea was just the excuse Obama was looking for to slap Moscow on the
wrist.

"I propose a full amnesty for capital returning to Russia. Let's do it
once, but right"

The Russian Finance Ministry estimates that $130 billion will leave
Russia by the end of 2014 due to heightened geopolitical tensions and
the mass sell-off the ruble throughout the year. However, now Putin’s
going to try and keep Russian money in Russia.

"Being isolationist or xenophobic is weak. We are strong and believe in
ourselves"

Vladimir Putin is adamant Russia will not be backed into a corner
following the economic sanctions introduced by the US and the EU. On
many occasions the Russian president has said that Moscow wants good
relations with all countries, including the ones that are set on
hindering its economic growth.

"Sometimes it's unclear whether to speak to a country's govt or their US
patrons"

Since the break-up of the Soviet Union, the US’s tentacles, often under
the pretext of NATO have encroached closer and closer to Russia’s
borders and meddling in the affairs of foreign countries.

“Our US friends, whether directly or from behind the scenes always
affect our relations with our neighbors. Sometimes it’s unclear whether
to talk to the authorities of the country, or to their US patrons.”

"True sovereignty is an absolute necessity for Russia's existence"

Vladimir Putin said that countries are losing sight of their own
national interests to suit the foreign policy of other countries.
However, he said such a thing would not be happening in Russia.

“If for many European countries, sovereignty and national pride are
forgotten concepts and a luxury, then for Russia, true sovereignty is an
absolutely necessary condition of our existence.”


*=== 2 ===*

Vedi anche:

*H. Res. 758: Reckless Congress ‘Declares War’ on Russia* (By Rep. Ron
Paul – Global Research, December 06, 2014)
/On December 4, the US House passed what I consider to be one of the
worst pieces of legislation ever. H. Res. 758 was billed as a
resolution “strongly condemning the actions of the Russian Federation,
under President Vladimir Putin, which has carried out a policy of
aggression against neighboring countries aimed at political and economic
domination.” In fact, the bill was 16 pages of war propaganda that
should have made even neocons blush, if they were capable of such a thing…/
http://www.globalresearch.ca/reckless-congress-declares-war-on-russia/5418287

*Usa, la nuova risoluzione porta alla guerra contro la Russia?
(di Giulietto Chiesa, 7 dicembre 2014)*
/Il 4 dicembre 2014 potrà a buon diritto essere incluso nell'elenco
delle date che avranno anticipato, o preparato, la terza guerra mondiale… /
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/12/07/usa-la-nuova-risoluzione-porta-alla-guerra-contro-la-russia/1255455/
oppure
http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display?ID=113198&typeb=0&Usa-la-nuova-risoluzione-porta-alla-guerra-contro-la-Russia-
oppure http://www.marx21.it/internazionale/pace-e-guerra/24862-usa-la-nuova-risoluzione-porta-alla-guerra-contro-la-russia.html

Fonte: pagina FB "Premio Goebbels per la disinformazione", 6/12/2014
– https://www.facebook.com/premiogoebbels/posts/1577308685835978
Gli Usa si stanno preparando allo scontro totale con la Russia. Mentre
la polizia razzista di Obama sta reprimendo nel sangue la rivolta dei
neri e riempiendo le carceri di attivisti, il Congresso non trova di
meglio da fare che condannare quasi all'unanimità (massimo rispetto per
i pochi parlamentari che hanno avuto il coraggio di opporsi) la
"politica aggressiva di Putin contro i vicini"... Ecco il testo completo
di questa ennesima
provocazione: http://thomas.loc.gov/cgi-bin/bdquery/z?d113%3AHE00758%3A%40%40%40D&summ2=m
*H.Res. 758: Strongly condemning the actions of the Russian Federation,
under President Vladimir Putin, which has carried out a policy …*
https://www.govtrack.us/congress/votes/113-2014/h548

Fonte: pagina FB "Premio Goebbels per la disinformazione", 16/12/2014
– https://www.facebook.com/premiogoebbels/posts/1581621425404704
Entrambi i rami del Congresso USA hanno adottato la risoluzione
"'Ukranian Freedom Support Act 2014" che prevede l'invio e l'assistenza
di forniture letali all'esercito dell'Ucraina, con inoltre
l'applicazione di ulteriori sanzioni verso il settore energetico russo.
Al di là quindi delle dichiarazioni di facciata, gli Stati Uniti hanno
ormai la chiara intenzione di alimentare sempre più il conflitto
ucraino, fornendo armi e consiglieri militari all'Ucraina, e di colpire
la Russia in ogni modo possibile.
Di seguito il testo licenziato dalle Camere statunitensi, che entrerà in
vigore solo dopo la firma del Presidente Obama, ma questo ovviamente
è solo un dettaglio....
*Ukraine Freedom Support Act of 2014 -- S.2828 — 113th Congress (2013-2014)*
https://www.congress.gov/bill/113th-congress/senate-bill/2828

*America on a War Footing: Three Members of Congress Just Reignited the
Cold War While No One Was Looking* (By Dennis Kucinich, December 16, 2014)
http://www.globalresearch.ca/america-on-a-war-footing-three-members-of-congress-just-reignited-the-cold-war-while-no-one-was-looking/5420146

---

http://megachip.globalist.it/Secure/Detail_News_Display?ID=113170&typeb=0

*Il Congresso USA ha dichiarato guerra alla Russia *

di Pepe Escobar, 6 dicembre 2014
Traduzione per Megachip a cura di Pino Cabras

Washington: 410 sì, 10 no. Grande consenso bipartisan prima che il
disegno di legge vada al Senato. Carta bianca per la Casa Bianca contro
Mosca …

Non riuscirò a sottolineare abbastanza quanto terrificante - e stupido -
sia tutto questo.
E adesso è ufficiale.
La risoluzione n. 758 della Camera dei Rappresentanti è stata approvata
ieri segnando un risultato travolgente e bipartisan (411 voti contro
appena 10 contrari) presso il Congresso USA.
I particolari della ripartizione della votazione si possono leggere qui
[ https://www.govtrack.us/congress/votes/113-2014/h548 ].
Questa risoluzione, giunta in tutta fretta fino al voto appena due
settimane dopo essere stata presentata, descrive la Russia come
una "Nazione Aggreditrice" che ha invaso l'Ucraina e che stava dietro
l'abbattimento del MH17.
La risoluzione fa praticamente appello a far guerra alla Russia.
Date un'occhiata davvero attenta al linguaggio adoperato.
Il Presidente degli Stati Uniti, in consultazione con il Congresso USA,
deve:

/«Condurre una revisione del posizionamento, della prontezza e delle
responsabilità delle forze armate degli Stati Uniti nonché delle forze
degli altri membri della NATO per determinare se i contributi e le
azioni di ciascuno siano sufficienti a soddisfare gli obblighi della
difesa collettiva ai sensi dell'articolo 5 del Trattato del Nord
Atlantico e specificare le misure necessarie per porre rimedio a
eventuali carenze»./

Traduzione:
Il Congresso USA pretende che l'Impero del Caos usi la *dottrina della
sicurezza collettiva della NATO* ai sensi dell'articolo 5 (un attacco a
un paese membro è un attacco a tutti i membri), per portare una guerra
alla Russia, sebbene l'Ucraina non sia un membro (ma presto diventerà un
grande alleato non-NATO).
La risoluzione passa ora al Senato.
Se diventa legge, la risoluzione consente al Presidente degli Stati
Uniti di dichiarare guerra alla Russia aggirando il permesso
formale parlamentare del Campidoglio.
L'anatra zoppa non avrebbe le palle. Ma l'*Hillarator* le avrà.


*=== 3 ===*

Vedi anche:

Il prezzo del petrolio, il dollaro e lo scontro tra Russia e Usa (di
Demostenes Floros, 4/11/2014)
Le recenti variazioni nel mercato petrolifero e in quello cambiario
possono essere interpretate alla luce della crisi tra Washington e Mosca…
http://temi.repubblica.it/limes/il-prezzo-del-petrolio-il-dollaro-e-lo-scontro-tra-russia-e-usa/67455

Le ragioni geopolitiche del crollo dei prezzi del petrolio (di
Demostenes Floros, 5/12/2014)
Il trend ribassista del greggio non si spiega solo con l'aumento
dell'offerta e il rallentamento della domanda. Pesano le scelte
strategiche delle principali potenze mediorientali e mondiali…
http://temi.repubblica.it/limes/le-ragioni-geopolitiche-del-crollo-dei-prezzi-del-petrolio/67529

Petrolio e Russia a TgCom24
Intervista Tabarelli - presidente Nomisma - e Floros - saggista LiMes
VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=IWQRwDxRxcs

La Russia dal 1° gennaio introduce il pagamento del gas e petrolio verso
l'Europa esclusivamente in rubli ? (7/12/2014)
http://comunicati.russia.it/sanzioni-europee-la-russia-dal-1-gennaio-introduce-il-pagamento-del-gas-e-petrolio-verso-l-europa-esclusivamente-in-rubli.html

Newsletter 2014/12/12 - EU's Contradictions (Pipeline Projects)
/BERLIN (Own report) - Since the Russian government's decision to scrap
the "South Stream" pipeline project, Berlin and Brussels have been
searching for an alternative supply of natural gas. In answer to the EU,
Alexei Miller, Gazprom's chief executive, announced last Tuesday, that
his company was no longer pursuing South Stream and would instead
construct a pipeline to Turkey. Ukraine's role as transit country for
supplying gas to the EU "will be reduced to zero." To meet the
increasing demand of EU countries, the EU Commission is now seeking
alternative supplies via the "Southern Corridor" - a route leading from
Azerbaijan via the Southern Caucasus and Turkey to the EU. The EU's
promised supply from Azerbaijan's natural gas reserves is but a drop in
the bucket. The West's policies of war and sanctions hamper additional
deliveries from Iraq or Iran via the "Southern Corridor." Only by 2016
will the USA export large quantities of shale gas, however, mainly to
Asia where it can sell at a better price than in Europe. German
politicians and experts are pleading to convince Moscow to continue the
natural gas cooperation…
/http://www.german-foreign-policy.com/en/fulltext/58812
Die Widersprüche der EU (Probleme mit Erdgasversorgung nach South
Stream-Stopp)
http://www.german-foreign-policy.com/de/fulltext/59018



---

South Stream, Usa e getta

Manlio Dinucci


«La Russia per il momento è costretta a ritirarsi dal progetto South
Stream, a causa della mancanza di volontà della Ue di sostenerlo e del
fatto che a tutt’oggi non ha ancora ricevuto il permesso della
Bulgaria a far passare il gasdotto sul proprio territorio»: così il
presidente russo Vladimir Putin ha annunciato la cancellazione del
progetto South Stream, il gasdotto che avrebbe dovuto portare il gas
russo nell’Unione europea attraverso un corridoio energetico
meridionale, senza passare dall'Ucraina.

In tal modo, scrive l’Ansa, Mosca «schiaffeggia l'Europa». In realtà è
Washington che dà un altro forte schiaffo all’Europa, bloccando un
progetto da 16 miliardi di euro che avrebbe potuto essere di grande
importanza economica per i paesi della Ue, a partire dall’Italia dove
avrebbe dovuto essere costruito il terminale del gasdotto.

Per capire che cosa è avvenuto, occorre ripercorrere la storia del
South Stream. Il progetto nasce dall’accordo di partenariato
strategico, stipulato dalla compagnia statale russa Gazprom e
dall’italiana Eni nel novembre 2006, durante il governo Prodi II. Nel
giugno 2007 il ministro per lo sviluppo economico, Pierluigi Bersani,
firma con il ministro russo dell’industria e dell’energia il
memorandum d’intesa per la realizzazione del South Stream. Il progetto
prevede che il gasdotto sarà composto da un tratto sottomarino di 930
km attraverso il Mar Nero (in acque territoriali russe, bulgare e
turche) e da uno su terra attraverso Bulgaria, Serbia, Ungheria,
Slovenia e Italia fino a Tarvisio (Udine).

Nel 2012 entrano a far parte della società per azioni che finanzia la
realizzazione del tratto sottomarino anche la tedesca Wintershall e la
francese Edf con il 15% ciascuna, mentre l’Eni (che ha ceduto il 30%)
detiene il 20% e la Gazprom il 50%.  La costruzione del gasdotto
inizia nel dicembre 2012, con l’obiettivo di avviare la fornitura di
gas entro il 2015. Nel marzo 2014 la Saipem (Eni) si aggiudica un
contratto da 2 miliardi di euro per la costruzione della prima linea
del gasdotto sottomarino.

Nel frattempo, però, scoppia la crisi ucraina e gli Stati uniti
premono sugli alleati europei perché riducano le importazioni di gas e
petrolio russo. Primo obiettivo statunitense è impedire la
realizzazione del South Stream. A tale scopo Washington esercita una
crescente pressione sul governo bulgaro perché blocchi i lavori del
gasdotto. Prima lo critica per aver affidato la costruzione del tratto
bulgaro a un consorzio di cui fa parte la società russaStroytransgaz,
soggetta a sanzioni statunitensi. Quindi l’ambasciatrice Usa a Sofia,
Marcie Ries, avverte gli uomini d’affari bulgari di evitare di
lavorare con società soggette a sanzioni da parte degli Usa. Da’ una
valida mano a Washington il presidente della Commissione europea, Josè
Manuel Barroso, che annuncia l'apertura di una procedura Ue contro la
Bulgaria per presunte irregolarità negli appalti del South Stream.

Il momento decisivo è quando lo scorso giugno arriva a Sofia il
senatore Usa John McCain, che incontra il premier bulgaro Plamen
Oresharski trasmettendogli gli ordini di Washington. Subito dopo
Oresharski annuncia il blocco dei lavori del South Stream, in cui la
Gazprom ha già investito 4,5 miliardi di dollari.

Contemporaneamente la compagnia statunitense Chevron inizia le
perforazioni in Polonia, Romania e Ucraina per ricavare gas da scisti
bituminosi, attraverso la tecnica  della fratturazione idraulica che
si attua immettendo negli strati rocciosi profondi getti d’acqua e
solventi chimici ad alta pressione. Una tecnica estremamente dannosa
per l’ambiente e la salute, soprattutto a causa dell’inquinamento
delle acque sotterranee. Il progetto di Washington di sostituire al
gas naturale russo,  importato dalla Ue, quello ricavato da scisti
bituminosi in Europa e negli Stati uniti, è un vero e proprio bluff,
sia per gli alti costi che per i danni ambientali e sanitari di tale
tecnica di estrazione. E già in Polonia e in Romania diverse  comunità
locali si ribellano.

In seguito al blocco del South Stream, ha annunciato Putin, la Russia
è costretta a «riorientare le forniture di gas». Aumenteranno quelle
alla Turchia attraverso il gasdotto Blue Stream. Aumenteranno
soprattutto quelle verso la Cina. La Gazprom le fornirà, entro il
2018, 38 miliardi di metri cubi di gas all’anno, ossia circa un quarto
di quello che fornisce oggi all’Europa. Avvalendosi anche di
investimenti cinesi previsti in 20 miliardi di dollari, Mosca progetta
di potenziare l’oleodotto tra la Siberia orientale e il Pacifico,
affiancandolo con un gasdotto di 4000 km per rifornire la Cina.
Pechino è interessata a effettuare investimenti anche in Crimea, in
particolare per la produzione ed esportazione di gas naturale liquefatto.

A perdere sono i paesi della Ue: solo la Bulgaria dovrà rinunciare a
diritti di transito nell’ordine di 500 milioni di dollari annui.

La Saipem dell’Eni crolla in Borsa


Appena è stata annunciata la cancellazione del progetto South Stream,
il titolo Saipem in Borsa ha subìto, in seguito alle vendite, un
continuo calo, scendendo al più basso livello degli ultimi sei anni.
Con il blocco di South Stream, Saipem (Gruppo Eni) perde  il
 contratto per la costruzione della prima linea del gasdotto
sottomarino e un altro contratto per i lavori di supporto della
seconda linea, per un valore complessivo di 2,4 miliardi di euro, cui
si sarebbero aggiunti altri contratti se il progetto fosse andato avanti.

Si prevedono pesanti ripercussioni per l’occupazione. L’azienda,
appartenente per il 43% all’Eni e per il 57% ad altri azionisti, opera
a livello internazionale nel campo dell’estrazione e della ricerca di
idrocarburi. Ha oltre 50mila dipendenti di 132 nazionalità, il 14% dei
quali in Italia.

In seguito alla cancellazione del progetto South Stream saranno
annullate o drasticamente ridimensionate le nuove assunzioni che la
Saipem prevedeva per accrescere il proprio organico in Italia. Non si
esclude neppure un taglio dell’attuale organico.

La cancellazione del progetto South Stream assesta quindi un duro
colpo non solo alla Saipem ma ad altri settori dell’industria e dei
servizi, nel momento critico in cui cala la produzione e, di
conseguenza, l’occupazione.

Basti pensare che  il terminale del gasdotto a Tarvisio, previsto nel
progetto originario, avrebbe potuto essere l’hub di smistamento del
gas russo in altri paesi europei e quindi fonte di forti introiti e
incremento di posti di lavoro. Tutto questo ora viene vanificato.
Mentre traggono vantaggio dalla cancellazione del South Stream le
compagnie statunitensi, come la Crevron, impegnate a rimpiazzare il
gas russo fornito alla Ue.  Non resta che ringraziare «l’amico
americano».

(il manifesto, 3 dicembre 2014)



=== 4 ===

PTV News 18 dicembre 2014 - Putin: "Vogliono metterci in ginocchio"
Il crollo del rublo e la crisi ucraina al centro della conferenza stampa
di fine anno tenuta da Vladimir Putin oggi a Mosca…
VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=o6IhoC_Lsqo

---

http://italian.ruvr.ru/news/2014_12_18/Grande-conferenza-stampa-del-Presidente-russo-Vladimir-Putin-0489/

*Grande conferenza stampa del Presidente russo Vladimir Putin
*

18 dicembre 2014


    Il Presidente russo Vladimir Putin ha aperto la sua conferenza
    stampa annuale con una panorama degli indici economici del Paese di
    quest'anno.

Secondo il leader russo, la crescita del prodotto interno lordo per i 10
mesi di quest'anno può raggiungere lo 0,7-0,6%. Putin ha riferito che il
saldo della bilancia commerciale della Russia è aumentato di 13,3
miliardi di dollari e ha raggiunto 148,4 miliardi di dollari.

Alla Russia, nel peggiore dei casi, saranno necessari due anni per
superare la crisi, ha detto il Presidente Vladimir Putin durante la sua
una grande conferenza stampa.
Se la situazione nell'economia russa peggiorerà, occorrerà correggere i
piani, ha detto Putin. Allo stesso tempo, il capo di Stato è sicuro che
l'uscita della crisi è certa.
Il Presidente ha anche espresso la speranza che continuerà la tendenza
al ribasso dei tassi di cambio delle valute estere e il rafforzamento
del rublo. Secondo Putin, ilo governo prevede di applicare le misure che
sono state utilizzate con successo nel 2008.

La Russia esorta l'Occidente a cessare la costruzione dei muri di
separazione.
Il Presidente russo Vladimir Putin ha definito giusta la posizione dura
di Mosca sulle varie crisi internazionali, tra cui l'ucraina.
La posizione della Russia, ha detto Putin, deve far capire ai partner
stranieri che è necessario costruire uno comune spazio umanitario di
sicurezza.
Così il Presidente russo ha commentato le parole di uno dei giornalisti
sul fatto che quest'anno per alcune settimane è stato creato un muro di
diffidenza, sospetto e alienazione tra la Russia e molti altri Stati.
Putin ritiene che il problema principale delle relazioni internazionali
riguardi i partner che non si sono fermati nella costruzione dei muri e
si sentono imperialisti. "L’estensione della NATO ad est, lo scudo
antimissile non sono un muro?" ha detto Putin.

Il Presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato la disponibilità della
Russia a svolgere il ruolo di mediatore per avviare un dialogo in
Ucraina tra le parti in conflitto. La crisi in Ucraina dovrebbe essere
risolta con mezzi politici il più veloce possibile, ritiene Putin.
Parlando alla sua conferenza stampa annuale, il Presidente ha osservato
che il blocco economico del Donbass è una strada dannosa per la
statualità dell’Ucraina. Ha evidenziato che è una via senza prospettive
e porterà solo danni al popolo ucraino.
Il Presidente ha sottolineato che la Russia continuerà a fornire
assistenza umanitaria al Donbass. E se Kiev vuole ristabilire la pace,
deve rispettare gli interessi degli abitanti di questa regione.

Nel prossimo futuro l’Europa non troverà fornitore più conveniente e più
affidabile della Russia, ha dichiarato Vladimir Putin.
Secondo il leader russo, la possibilità di creare un hub europeo del gas
al confine tra Turchia e Grecia dipenderà dalla volontà dell'Unione
Europea. La Russia, a sua volta, è pronta a lavorare in questa
direzione, ha posto l’accento Putin.
Ha anche parlato delle forniture del gas russo alla Cina. Il Presidente
ha dichiarato che il contratto con la Cina non è svantaggioso per
nessuna delle due parti nonostante le reciproche agevolazioni.
Gazprom e la cinese CNPC a maggio hanno firmato un contratto trentennale
che prevede la fornitura dalla Russia alla Cina di 38 miliardi di metri
cubi di gas annuali attraverso la via orientale.

Il Presidente russo Vladimir Putin ritiene che la situazione attuale
nell'economia del Paese è peggiorata solo per un quarto a causa delle
sanzioni occidentali.
Secondo il leader russo, le sanzioni non sono il prezzo per l'adesione
della Crimea. "Questo è il costo per il nostro desiderio naturale di
mantenerci come Stato", ha detto Putin. Il Presidente ha ricordato che
dopo il crollo dell'Unione Sovietica la Russia si è aperta ai partner
occidentali e in cambio ha ricevuto un "sostegno diretto e completo del
terrorismo nel Caucaso del Nord".
Putin ha ricordato l’entusiasmo della Russia nei preparativi delle
Olimpiadi di Sochi per regalare una festa sportiva a tutto il mondo e i
tentativi senza precedenti di impedire la realizzazione dell’evento da
parte di alcuni politici in diversi Paesi.

Le autorità russe non si occupano di aizzare le persone che si oppongono
alle loro politiche, ha detto il Presidente russo Vladimir Putin.
Il capo di Stato ritiene che la linea tra l'opposizione e la "quinta
colonna" è molto sottile. Secondo il Presidente, l'oppositore anche se è
molto duro, alla fine lotta per gli interessi della sua patria, ma la
"quinta colonna" è composta da persone che eseguono ciò che viene
dettato loro a favore degli interessi di un altro Stato.

La verità della situazione con il conflitto ucraino è dalla parte della
Russia e non dell'Occidente, ha detto Putin. Se l'Occidente avesse
invitato tempestivamente gli organizzatori del colpo di stato in Ucraina
a mantenere l'ordine, ora non ci sarebbe la guerra civile nel Paese.
Putin ha aggiunto che la posizione della Russia fina dall’inizio è stata
retta e oggettiva.
Inoltre, il Presidente ritiene che la Russia difende con fermezza i
propri interessi nazionali e proprio questo fatto provoca la reazione
negativa dei partner occidentali. Putin ha sottolineato che la Russia è
pronta a sviluppare relazioni normali con l'Occidente nel settore della
sicurezza, della lotta al terrorismo, della non proliferazione delle
armi nucleari e contro la droga.

Gli Stati Uniti creano una minaccia per la Russia, schierando lo scudo
antimissile in Europa orientale, ha dichiarato il Presidente Vladimir Putin.
Ha ricordato che gli Stati Uniti hanno schierato gli elementi dello
scudo antimissile non solo in Alaska, ma anche in Europa: in Romania e
in Polonia. "Proprio accanto a noi", ha detto il Presidente russo.
Putin ha riferito che il bilancio del Ministero della Difesa russo
aumenterà l’anno prossimo per 50 miliardi di dollari. Tuttavia, ha
sottolineato che il bilancio del Pentagono è di 575 miliardi di dollari.
Il Presidente ha dichiarato che la Russia non svolge nessuna politica
aggressiva. La Federazione Russa ha solo due basi militari all'estero
nelle zone più pericolose a causa della minaccia terroristica: in
Kirghizistan e in Tagikistan.
Putin ha ricordato che i voli dei bombardieri strategici
dell’Aeronautica militare russa sono iniziati solo qualche anno fa,
mentre gli aerei americani non hanno mai smesso di pattugliare.

La risoluzione del problema nucleare iraniano è molta vicina, la
leadership di Teheran dimostra una maggiore flessibilità, ha dichiarato
durante la sua grande conferenza stampa annuale il Presidente russo
Vladimir Putin.
"Non riesco a capire il motivo per cui non è stato ancora firmato
l'accordo definitivo sul programma nucleare iraniano. Spero che questo
accadrà presto", - ha detto Putin.
Il Presidente ha aggiunto che la Russia si sta sforzando di aumentare
gli scambi commerciali con l'Iran e di migliorare le sue strutture.
Per saperne di più:
http://italian.ruvr.ru/news/2014_12_18/Grande-conferenza-stampa-del-Presidente-russo-Vladimir-Putin-0489/


__._,_.___

------------------------------------------------------------------------
Inviato da: Coord. Naz. per la Jugoslavia <jugocoord at tiscali.it>
------------------------------------------------------------------------



--------------------------------------------------------

                 DOSSIER UCRAINA
                 Link, foto e video sulla escalation della crisi ucraina,
                 tragico replay dei crimini già commessi contro la
Jugoslavia
http://www.cnj.it/documentazione/ucraina.htm

--------------------------------------------------------


=============== FINE