[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Disarmo] Un generale russo ed uno americano ci evitano la guerra nucleare per errore



Ecco un articolo di un generale americano e un generale russo, pubblicato ieri (20 aprile 2015) sull’International New York Times, che si propongono insieme di "evitare la guerra nucleare" in vista della riunione di New York del Trattato di Non Proliferazione.

Stanno parlando della possibilità dell'Apocalisse non in termini generici, ma proprio del fatto che si tratta di "to prevent an inadvertent nuclear war", di prevenire una guerra nucleare per errore, non intenzionale.

Come fare per ridurre il rischio, secondo Cartwright e Dvorkin? Abolendo l’opzione strategica del "launch-on-warning", dello sparare i missili appena si è individuato un presunto attacco avversario.

Che oggi come oggi - veniamo a sapere dal loro articolo - può essere scelta dai russi con dieci minuti in meno rispetto agli americani: il loro sistema di pronto allarme (per monitorare, appunto, eventuali attacchi missilistici) si basa solo sui radar, non hanno più satelliti funzionanti in rete!

Veniamo anche a sapere che una commissione russo-americana che stava studiando le misure da prendere in proposito è stata sospesa dopo la crisi Ucraina.

Possiamo ora dormire sonni tranquilli sapendo che i signori militari si stanno preoccupando del problema (e che i "politici" stanno impedendo persino che si parlino tra loro)!

O no?

Leggete sotto. Trovate l'articolo prima nell'inglese originale e poi nella mia approssimata traduzione.

Per si e per no, andate comunque alla URL delle due petizioni da sottoscrivere:

www.petizioni24/dirittoaldisarmonucleare

www.petizioni24/esigiamo

International New York Times – Monday, april 20, 2015, Opinion Page 9

 

How to avert a nuclear war

 

James E. Cartwright and Vladimir Dvorkin

 

We find ourselves in an increasingly risky strategic environment. The Ukrainian crisis has

threatened the stability of relations between Russia and the West, including the nuclear

dimension — as became apparent last month when it was reported that Russian defense officials

had advised President Vladimir V. Putin to consider placing Russia’s nuclear arsenal on alert

during last year’s crisis in Crimea.

 

Diplomatic efforts have done little to ease the new nuclear tension. This makes it all the more

critical for Russia and the United States to talk, to relieve the pressures to “use or lose”

nuclear forces during a crisis and minimize the risk of a mistaken launch.

 

The fact is that we are still living with the nuclear-strike doctrine of the Cold War, which

dictated three strategic options: first strike, launch on warning and post-attack retaliation.

There is no reason to believe that Russia and the United States have discarded these options, as

long as the architecture of “mutually assured destruction” remains intact.

 

For either side, the decision to launch on warning — in an attempt to fire one’s nuclear

missiles before they are destroyed — would be made on the basis of information from early-

warning satellites and ground radar. Given the 15- to 30-minute flight times of strategic

missiles, a decision to launch after an alert of an apparent attack must be made in minutes.

 

This is therefore the riskiest scenario, since provocations or malfunctions can trigger a global

catastrophe. Since computer-based information systems have been in place, the likelihood of such

errors has been minimized. But the emergence of cyberwarfare threats has increased the potential

for false alerts in early-warning systems. The possibility of an error cannot be ruled out.

American officials have usually played down the launch-on-warning option. They have argued

instead for the advantages of post-attack retaliation, which would allow more time to analyze

the situation and make an intelligent decision. Neither the Soviet Union nor Russia ever stated

explicitly that it would pursue a similar strategy, but an emphasis on mobile missile launchers

and strategic submarines continues to imply a similar reliance on an ability to absorb an attack

and carry out retaliatory strikes.

 

Today, however, Russia’s early warning system is compromised. The last of the satellites that

would have detected missile launches from American territory and submarines in the past stopped

functioning last fall. This has raised questions about Russia’s very ability to carry out

launch-on-warning attacks.

Partly to compensate for the loss of its space-based system, Russia has deployed prefabricated

radar units that can be set up quickly along its borders. Some of these are already operational;

some are still being tested. Unlike satellite networks, radar can provide accurate information

about the scale and targeting of a missile attack — but only once a missile has entered its

vicinity, which would most likely be 10 to 15 minutes after launch.

 

The upside of radar reporting is more information. The downside of having to wait is that it

cuts the time for deciding whether to launch on warning. That in turn increases the likelihood

of mistaken retaliation. For a submarine missile fired from the Norwegian Sea, Russia’s radar

network would give its nuclear decision makers just 10 minutes to respond. America’s early

warning systems can be expected to provide about twice as much time.

Clearly, for either side, these timelines are very compressed and the opportunities for ill-

considered decisions very real. Launch-on-warning puts enormous strain on the nuclear chains of

command in both countries.

 

In theory, no sensible head of state would authorize a launch-on-warning strike after receiving

information that just one missile, or a small number of missiles, were inbound, on the

assumption that this was not an intentional, full-scale attack. But the launch-on-warning

doctrine still rules in both Russia and the United States — in which case the risk, however

small, of cataclysmic error remains.

 

This risk should motivate the presidents of Russia and the United States to decide in tandem to

eliminate the launch-on-warning concept from their nuclear strategies. They should reinstitute

military-to-military talks, which were suspended over the Ukraine crisis, to pursue this stand-

down as an urgent priority. (A joint decision on this would not destabilize nuclear deterrence:

Both countries still have nuclear forces designed to withstand a first-strike attack,

guaranteeing retaliatory strikes.)

To reinforce this accord, both countries should refrain from conducting military exercises that

involve practicing missile launches based on information from early warning systems. Even if

this restraint cannot yet be fully verified, it would be a valuable contribution to strategic

stability — and, of course, to preventing an inadvertent nuclear war. This would be a positive

step ahead of the Non-Proliferation Treaty Review Conference that the United Nations will host

later this month.

 

Detailed verification measures can come later, once better Russian-American relations are

restored. The technical implementation of a decision to abandon the launch-on-warning concept

would fall within the framework of the New Start treaty. A phased reduction of the combat

readiness of the strategic nuclear forces would provide a safer time buffer for nuclear decision

making.

In periods of heightened tensions and reduced decision times, the likelihood of human and

technical error in control systems increases. Launch-on-warning is a relic of Cold War strategy

whose risk today far exceeds its value. Our leaders urgently need to talk and, we hope, agree to

scrap this obsolete protocol before a devastating error occurs.

 

 

 

James E. Cartwright, a former Marine Corps general, vice chairman of the Joint Chiefs of Staff 

and commander of the United States Strategic Command, is the Chaiman of the Global Zero

Commission on Nuclear Risk Reduction, of which Vladimir Dvorkin, a retired major general who

headed the research Institute of Russia's Strategic Rocket Forces, is a member

 

 

International New York Times – 20 aprile 2015

 

Come evitare una guerra nucleare

 

James E. Cartwright e Vladimir Dvorkin

 

Ci troviamo in un contesto strategico sempre più rischioso. La crisi ucraina ha minacciato la stabilità delle relazioni tra la Russia e l'Occidente, comprendendo in esse anche la dimensione nucleare - come emerso il mese scorso, quando è stato riferito che i funzionari della difesa russi avevano consigliato il presidente Vladimir V. Putin di posizionare l'arsenale nucleare russo in allerta durante crisi dello scorso anno in Crimea.

 

Gli sforzi diplomatici hanno fatto ben poco per alleviare la nuova tensione nucleare. Questo rende ancor più critica per la Russia e gli Stati Uniti  la necessità di comunicare, per alleviare le pressioni del tipo "usare o perdere" le forze nucleari durante una crisi e ridurre al minimo il rischio di un lancio per errore.

 

Il fatto è che viviamo ancora con la dottrina del colpo nucleare stabilita nel corso della Guerra Fredda, che ha dettato tre opzioni strategiche: primo colpo, lancio su avvertimento (“launch-on-warning”) e risposta post-attacco di rappresaglia.

 

Non vi è ragione di credere che la Russia e gli Stati Uniti abbiano dismesso queste opzioni, nella misura in cui l'architettura della "distruzione reciproca" è rimasta intatta.

 

Per entrambi i contendenti, la decisione di lanciare su avvisaglia - nel tentativo di sparare i propri missili nucleare prima di farseli distruggere - sarebbe stata elaborata sulla base delle informazioni provenienti dai satelliti per il pronto allarme e dai radar di terra. Dato il tempo di volo tra i 15 e i 30 minuti dei missili strategici, la decisione di lanciare, dopo l’ avviso di un apparente attacco deve essere presa in pochi minuti.

 

Questo è dunque lo scenario più rischioso, in quanto provocazioni o malfunzionamenti possono innescare una catastrofe globale. Dato che sono in vigore i sistemi informativi basati su computer, la probabilità di tale errori è stata ridotta al minimo. Ma l'emergere di minacce guerra informatica ha aumentato il potenziale per falsi allarmi nei sistemi di allerta precoce. La possibilità di un errore non può essere esclusa.

 

I funzionari americani hanno di solito minimizzato l'opzione di “lancio su allarme”. Essi hanno invece sostenuto i vantaggi della rappresaglia ex post, che consentirebbe più tempo per analizzare la situazione e prendere una decisione intelligente. Né l'Unione Sovietica né la Russia hanno mai dichiarato esplicitamente che avrebbero perseguito una strategia simile, ma l'accento posto sui lanciamissili mobili e sui sottomarini strategici continua a implicare un atteggiamento disposto ad assorbire un attacco ed effettuare poi colpi di rappresaglia.

 

Oggi, tuttavia, il sistema di allarme precoce della Russia è compromesso. L'ultimo dei satelliti che in passato avrebbe rilevato un lancio di missili dal territorio americano e sottomarini ha smesso di funzionare lo scorso autunno. Ciò ha sollevato interrogativi circa la reale capacità della Russia di farsi carico del “launch-on-warning”.

 

In parte per compensare la perdita del suo sistema spaziale, la Russia ha schierato radar prefabbricati che possono essere collocati rapidamente lungo i suoi confini. Alcuni di questi sono già operativi; alcuni sono ancora in fase di test. A differenza delle reti satellitari, i radar in grado di fornire informazioni accurate circa l'entità e la destinazione di un attacco missilistico - ma solo una volta un missile è entrato nelle loro vicinanze, il che molto probabilmente avviene 10 o 15 minuti dopo il lancio.

 

Il vantaggio di segnalazioni radar è più informazioni. Lo svantaggio di dover aspettare è che viene tagliato il tempo per decidere se lanciare o no il colpo su avvertimento. Il che a sua volta aumenta il rischio di una ritorsione sbagliata. Per un missile su sottomarino sparato dal Mare di Norvegia, la rete di radar di della Russia darebbe ai suoi decisori nucleari solo 10 minuti per rispondere. Il sistema di allarme

Precoce dell’America riesce ad offrire circa il doppio del tempo.

 

Chiaramente, per entrambe le parti, queste scadenze sono molto compresse e le opportunità di decisioni sconsiderate molto reali. Il “Launch-on-warning” mette a dura prova le catene nucleari di comando in entrambi i paesi.

 

In teoria, nessun capo di stato ragionevole autorizzerebbe un colpo di “launch-on-warning” dopo aver ricevuto informazioni che solo un missile, o un piccolo numero di missili, siano in ingresso, assumendo che questo non potrebbe essere un attacco intenzionale, su larga scala. Ma la dottrina del launch-on-warning governa ancora sia in Russia e negli Stati Uniti – ed in questo caso (l’avvistamento di pochi missili) il rischio, per quanto piccolo, di errore catastrofico rimane.

 

Questo rischio dovrebbe motivare i presidenti della Russia e degli Stati Uniti a risolversi di comune accordo per l’eliminazione del concetto di launch-on-warning dalle loro strategie nucleari. Dovrebbero riprendere i colloqui tra esperti militari, che sono stati sospesi per la crisi Ucraina, a perseguire questa rinuncia all’opzione strategica come una priorità urgente. (Una decisione congiunta su questo punto non destabilizzerebbe la deterrenza nucleare: entrambi i paesi hanno ancora forze nucleari progettate per resistere a un attacco di primo attacco, garantendo attacchi di rappresaglia.)

 

Per rafforzare questo accordo, entrambi i paesi dovrebbero astenersi dal condurre esercitazioni militari che coinvolgano la pratica del lancio di missili sulla base di informazioni provenienti da sistemi di allerta precoce. Anche se questa restrizione non può ancora essere pienamente verificata, sarebbe un valido contributo alla stabilità strategica - e, naturalmente, alla prevenzione di una guerra nucleare accidentale. Questo sarebbe un positivo passo avanti della conferenza di revisione del Trattato di non proliferazione che le Nazioni Unite ospiteranno a fine mese.

 

Misure di verifica dettagliate possono venire più tardi, una volta che migliori relazioni russo-americane siano state restaurate. La realizzazione tecnica di una decisione di abbandonare il concetto di launch-on-warning rientrerebbe nel quadro del trattato “Nuovo START”. Una riduzione graduale della prontezza delle forze nucleari strategiche nell’entrare in combattimento fornirebbe un buffer di tempo più sicuro per la decisione di fare una guerra nucleare.

 

In periodi di accresciute tensioni e di ridotti tempi di decisione, la probabilità di errori umani e tecnici nei sistemi di controllo aumenta. Il “Launch-on-warning” è una reliquia della strategia della Guerra Fredda il cui rischio oggi supera di gran lunga il suo valore. I nostri leader hanno urgente bisogno di dialogare e, speriamo, concordino di “rottamare” questo protocollo obsoleto prima che si verifichi un errore devastante.

 

 

 

James E. Cartwright, un ex generale del Corpo dei Marines, vice presidente del Comitato Congiunto degli Stati Maggiori e comandante del Comando Strategico degli Stati Uniti, è il presidente della Commissione “Zero globale” sulla riduzione dei rischi nucleari, di cui Vladimir Dvorkin, un generale in pensione che ha guidato l'Istituto di ricerca del Dipartimento della Direzione di Artiglieria della Russia, è un membro.