[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Disarmo] Chomsky Ribatte a Erdogan, accusandolo di usare un doppio metro per il terrorismo




The Guardian, 14 Gennaio 2016

Noam Chomsky, l’accademico di sinistra USA , ha ribattuto a Recep Tayyip Erdogan dopo che il presidente Turco lo aveva accusato di ignoranza e di simpatizzare con i terroristi.

Qualche ora dopo l’attacco esplosivo di Martedi’ scorso in un’area turistica di Istanbul, Erdogan pronucio’ una critica beffarda di Chomsky e dei “cosiddetti intellettuali” che avevano firmato una lettera che chiedeva alla Turchia la fine del “massacro deliberato” della popolazione Kurda nel sud est del paese.

Erdogan invito’ Chomsky a visitare l’area in un provocatorio discorso, trasmesso dalla televisione, alla conferenza degli ambasciatori Turchi ad Ankara.

Chomsky ha rifiutato l’invito. In una email al Guardian egli dice:” Se decido di andare in Turchia, non sara’ sul suo invito, ma, come ho fatto spesso nel passato, su invito dei molti, coraggiosi dissidenti, inclusi Kurdi che si sono trovati sotto attacco serio da molti anni”.

Chomsky ha anche affermato che Erdogan sta usando un doppio standard per il terrorismo.

Nella lettera aperta a Erdogan scritta il mese scorso, Chomsky e centinaia di altri lo hanno accusato di fare la guerra alla sua propria popolazione. Diceva:” Noi chiediamo che lo stato abbandoni il suo massacro deliberato e la deportazione dei Kurdi e di altre popolazioni nella regione. Noi chiediamo inoltre che lo stato rimuova il coprifuoco, punisca i responsabili delle violazioni dei diritti umani, e compensi quei cittadini che sono stati sottoposti a danno psicologico e materiale. Per questo motivo noi chiediamo che degli osservatori indipendenti nazionali e internazionali  abbiano la possibilita’ di accesso alla regione e che vengano autorizzati a monitorare e a riportare gli incidenti”.

“ Noi, come accademici e ricercatori che lavorano sulla o in Turchia, dichiariamo che non saremo parte di questo massacro rimanendo zitti e chiediamo la fine immediata della violenza perpetrata dallo stato”.

Nel suo discorso, Erdogan disse:” Che il nostro ambasciatore presso gli Stati Uniti inviti Chomsky, che ha fatto delle dichiarazioni circa le operazioni della Turchia contro le organizzazioni terroristiche. Ospitiamolo nella regione”.

Riferendosi alle operazioni dei separatisti Kurdi del PKK, Erdogan ha aggiunto:” Noi siamo pronti a dire cio’ che sta’ succedendo nel sud est. Essi dovrebbero vedere con i propri occhi se il problema e’ una violazione da parte dello stato o il sequestro dei diritti dei nostri cittadini e della loro liberta’ da parte di organizzazioni terroristiche”.

Una traduzione dal vivo di al-Jazeera disse, riportando Erdogan:” Ho un messaggio per quegli accademici. Mettendo la vostra firma su un pezzo di carta secca non significa assolutamente niente. Venite in Turchia”.

“Chomsky puo’ vedere cio’ che sta’ succedendo in Turchia con i suoi propri occhi, non attraverso gli occhi di una quinta colonna. Facciamo venire questi accademici in Turchia- sono certo che potremo mostrar loro la vera situazione”.

Nella sua email al Guardian, Chomsky accusava Erdogan di ipocrisia. Egli disse:” La Turchia ha accusato ISIS (dell’attacco a Istanbul), che Erdogan ha continuato ad aiutare in molti modi, mentre allo stesso tempo aiutava il Fronte al-Nusra, che non e’ molto diverso. Egli (Erdogan, Ndt) quindi si lancio’ in una tirata contro coloro che condannano i suoi crimini contro i Kurdi- che non a caso sono la sola, principale forza di terra che si oppone a ISIS sia in Siria che in Iraq. C’e’ bisogno di qualsiasi altro commento?”.

© 2016 Guardian News and Media Limited or its affiliated companies. All rights reserved