[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Disarmo] ADERIAMO ALLA PROPOSTA DI ZANOTELLI: UN INCONTRO A ROMA CONTRO TUTTE LE GUERRE



ITALIA-LIBIA: PER UN INCONTRO DEI COSTRUTTORI DI PACE  – A ROMA - CONTRO LE GUERRE  - adesione alla proposta di Alex Zanotelli

Il contributo del missionario comboniano Alex Zanotelli : “ITALIA-LIBIA: BASTA GUERRE!”, sotto riportato, è importante perché lancia, con accorata preoccupazione ed efficacia comunicativa, l’allarme sull’imminente nuova guerra neocoloniale per il petrolio che, con l’Italia stavolta formalmente alla guida, verrà a breve scatenata sul suolo libico colpendo principalmente non il DAESH, ma le popolazioni civili.

E’ davvero vergognoso che, dopo la COP 21 di Parigi, conclusasi diciamo ieri, in cui tutti gli Stati del mondo si sono accordati per salvare il pianeta dal riscaldamento globale (il pericolo è gravissimo e ci riguarda veramente tutti!) attraverso la collaborazione nel taglio delle emissioni di CO2 (il Nord del mondo dovrebbe investire allo scopo 100 miliardi di dollari l’anno nel e per il Sud del mondo), i fatti che poi vengono in atto siano proprio il contrario di quanto promesso!

Non impegno e lavoro comune per liberarsi insieme dalla dipendenza dai combustibili fossili, ma concorrenza e guerra per accaparrarsene il controllo!

La dinamica di pace, nel Mediterraneo e nel Medio Oriente allargato, dovremmo costruirla su tre pilastri:

1-   La creazione di una zona denuclearizzata per  la quale abbiamo anche avuto voti quasi unanimi (unica eccezione: Israele) in varie sessioni del Trattato di non proliferazione nucleare;

2-   L’attuazione del processo economico avviato con Barcellona 1995: partenariato euromediterraneo su basi paritarie (e qui anche Israele è stata positivamente coinvolta);

3-   La cooperazione per attuare l’accordo di Parigi del 2015 attraverso una conversione energetica ed ecologica: cioè la creazione di un ecosviluppo comune che garantisca a tutte e tutti reddito, lavoro e diritti sociali!

Se poi si vuole contrastare il DAESH fino ad estinguerlo le prime cose da fare sono sicuramente due:

1-   Non rifornire di armi chi combatte la “guerra regionale a pezzetti e poi va a rifornire di armi gli stessi terroristi islamici, credendo di strumentalizzarli;

2-   Non acquistare e non consentire che si acquisti il petrolio dal DAESH (o ISIS che dir si voglia).

Dovremmo richiamare, noi società civile internazionale, i nostri governi a questi tre obiettivi costruttivi sopra elencati (che è chiedere il rispetto dei loro stessi impegni!) attivando allo scopo i vari strumenti della diplomazia popolare di base: ambasciate di pace, corpi civili di pace…

Ma per fare ciò, ci ricorda Alex Zanotelli, dovremmo coordinarci ed unire le forze, tutti coloro che non vogliono le guerre e vogliono – aggiungiamo noi – costruire l’opposizione ad esse anche attraverso concreti percorsi di pace.

Sì, caro Alex, concordiamo con te e raccogliamo il tuo invito per un incontro a Roma: speriamo che ad esso partecipino non solo i pacifisti di professione ma tutti i movimenti di base interessati ad una società di pace…

Alfonso Navarra – obiettore alle spese militari e nucleari

(per tue osservazioni sulla presente: www.osmdpn.it

alfiononuke at gmail.com)

 

 

ITALIA-LIBIA
BASTA GUERRE!

Siamo alla vigilia di un’altra guerra contro la Libia, “a guida italiana” questa volta. Sembra ormai assodato che le forze speciali SAS sono già in Libia, per preparare l’arrivo di mille soldati britannici. L’operazione complessiva, capitanata dall’Italia, dovrebbe coinvolgere seimila soldati americani ed europei per bloccare i cinquemila soldati dell’Isis. Il tutto verrà sdoganato come “un’operazione di peacekeeping e umanita- ria”.

L’Italia, dal canto suo, ha già trasferito a Trapani quattro cacciabombardieri AMX pronti a intervenire. Il nostro paese – così sostiene il governo Renzi – attende però per intervenire l’invito del governo libico di unità nazionale, presieduto da Fayez el Serray. E altrettanto chiaro che sia il ministro degli Esteri, Gentiloni, come la ministra della Difesa, Pinotti, premono invece per un rapido intervento.

Sarebbe però ora che il popolo italiano – tramite il Parlamento – si interrogasse, prima di intraprendere un’altra guerra contro la Libia. Infatti, se c’è un popolo che la Libia odia, siamo proprio noi che, durante l’occupazione coloniale, abbiamo impiccato o fucilato centomila libici. A questo dobbiamo aggiungere la guerra del 2011 contro Gheddafi per “esportare la democrazia”, ma in realtà per mettere le mani sull’oro ‘nero’ di quel paese. Come conseguenza, abbiamo creato il disastro, facendo precipitare la Libia in una spaventosa guerra civile, di tutti contro tutti, dove hanno trovato un terreno fertile i nuclei fondamentalisti islamici. Con questo passato, abbiamo, noi italiani, ancora il coraggio di intervenire alla testa di una coalizione militare?

Il New York Times del 26 gennaio scorso afferma che gli USA da parte loro, sono pronti ad intervenire. Per cui possiamo ben presto aspettarci una guerra. Questo potrebbe anche spiegare perché in questo periodo gli USA stiano dando all’Italia armi che avevano dato solo all’Inghilterra. L’Italia sta infatti ricevendo dagli USA missili e bombe per armare i droni Predator MQ-9 Reaper, armi che ci costano centinaia di milioni di dollari. Non dimentichiamo che la base militare di Sigonella (Catania) è oggi la capitale mondiale dei droni usati oggi anche per spiare la Libia. L’Italia non solo riceve armi, ma a sua volta ne esporta tante soprattutto all’Arabia Saudita e al Qatar, che armano i gruppi fondamentalisti islamici come l’ISIS. I viaggi di Renzi lo scorso anno in quei due paesi hanno propiziato la vendita di armi. Questo in barba alla legge 185 che proibisce al governo italiano di vendere armi a paesi in guerra e che non rispettano i diritti umani. L’Arabia Saudita non rispetta i diritti umani e fa la guerra in Yemen.

Per cui diventa pura ipocrisia per l’Italia intervenire militarmente in Libia per combattere l’Isis, quando appare chiaro che siamo noi ad armarlo. E’ così che siamo noi a creare i mostri e poi facciamo nuove guerre per distruggerli. “La guerra – ha detto recentemente Papa Francesco – è proprio la scelta per le ricchezze. Facciamo armi: così l’economia si bilancia un po’ e andiamo avanti con il nostro interesse. C’è una brutta parola del Signore. Maledetti coloro che operano per la guerra, che fanno le guerre: sono maledetti, sono delinquenti!”.

Basandoci su questa lettura sapienziale, dobbiamo dire NO a questa nuova guerra contro la Libia. Quello che ai poteri forti interessa non è la tragica situazione del popolo libico, ma il petrolio di quel paese. Dobbiamo tutti mobilitarci!

In questo momento così grave è triste vedere il movimento per la pace frantumato in mille rivoli. Oseremo metterci tutti insieme per esprimere con un’unica voce il nostro NO alla guerra contro la Libia, un NO a tutte le guerre che insanguinano il nostro mondo. E’ possibile un incontro a Roma di tutte le realtà di base per costruire un coordinamento o un Forum nazionale contro le guerre? E’ possibile pensare a una Manifestazione Nazionale contro tutte le guerre, contro la produzione bellica italiana, contro la vendita di armi all’Arabia Saudita e al Qatar, in barba alla legge 185? E contro le nuove bombe atomiche in arrivo all’Italia, le B61-12. E’ possibile pensare a una Perugia-Assisi 2016, retaggio storico di Capitini, sostenuta e voluta da tutto il movimento per la pace?

Smettiamola di ‘farci la guerra’ l’un con l’altro e impariamo a lavorare in rete contro questo Sistema di morte. “La guerra – ha detto recentemente Papa Francesco – è un affare. I terroristi fabbricano armi? Chi dà loro le armi? C’è tutta una rete di interessi, dove dietro ci sono i soldi o il potere. Io penso che le guerre sono un peccato, distruggono l’umanità, sono la causa di sfruttamento, traffici di persone. Si devono fermare”.

Alex Zanotelli

Napoli, 29 gennaio 2016

L’intervento è pubblicato su: http://obiettorispesemilitari.over-blog.com/2016/02/per-un-incontro-a-roma-dei-costruttori-di-pace-contro-le-guerre-adesione-alla-proposta-di-alex-zanotelli.html