[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Disarmo] BICI LIBERA TUTTI - Due ruote in ascolto nella Sicilia di Danilo Dolci, precursore dell‘antimafia



25 marzo — 2 aprile 2016 Pasqua In bici nella Sicilia occidentale
BICI LIBERA TUTTI
Due ruote in ascolto nella Sicilia di Danilo Dolci, precursore dell‘antimafia

Se l’occhio non si esercita, non vede. Če oko ne vadi, ne vidi.
Se la pelle non tocca, non sa. Če ne koža ne dotakne, ne ve.
Se l'uomo non immagina, si spegne. Če si človek ne predstavlja, ugasne.
(Danilo Dolci)

Da tempo sognavamo un cicloviaggio in Sicilia attraverso le terre confiscate alla mafia e restituite alla legalità. Libera e Terra: un binomio potente. Parla di coraggio, ribellione, giustizia e dignità. Parla di comunità che prendono coscienza, si organizzano e crescono. Parla del rivoluzionario lavoro di Danilo Dolci, poeta, pedagogo e architetto, tre volte candidato al premio Nobel per la Pace, promotore della lotta nonviolenta alla mafia; del riscatto sociale in una Sicilia ostaggio della miseria, devastata dal terremoto nel Belìce.

Bici Libera Tutti si svolge durante le feste pasquali, dal 25 marzo al 2 aprile ed è promossa dal Comitato pace e convivenza Danilo Dolci assieme a Fiab Ulisse Trieste, in collaborazione con "Libera" e il Centro Turistico Studentesco.
 
Il programma di Bici Libera Tutti, in ascolto dei racconti di luce, di rocce e di acque della  terra primordiale siciliana, e delle persone che con determinazione difendono la libertà e la legalità di questa terra, parte venerdì 25 marzo dall'aeroporto di Trieste. Sabato vigilia di Pasqua alle 11.30 presso la sede di Libera s'incontra la città di Palermo, si ritirano le biciclette e ci si dirige in via D'Amelio a ricordare il sacrificio dell'agente muggesano Eddie Cosina, ucciso assieme al giudice Borsellino e alla sua scorta.

Domenica di Pasqua, passaggio presso il monumento a ricordo della strage di Capaci, dove morirono il giudice Falcone, sua moglie ed i poliziotti che li accompagnavano. Sosta a Cinisi alla Casa della memoria, dedicata all'opera di Peppino Impastato e arrivo a Trappeto, per conoscere l‘esperienza di Danilo Dolci attraverso l'ospitalità conviviale dei figli e la pedagogia "maieutica" dolciana, presso il recentemente restaurato “Borgo di Dio".

A Pasquetta pedalata da Trappeto a Partinico dove sul tetto di palazzo Scalia nacque la "Radio dei poveri cristi", primo esperimento di radio libera in Italia ripreso da Impastato che fondò "Radioaut". Sempre a Partinico visita all'emittente televisiva Tele Jato, quindi trasferimento presso la diga sul lago Poma, primo dei laghi artificiali costruiti in tutta la Sicilia per sottrarre l'acqua al monopolio della mafia. 

Martedì 29 partenza da Castellammare del golfo, verso il tempio greco di Segesta e Gibellina Nuova ad incontrare il Centro di ricerche economiche e sociali per il Meridione. Grazie alla pressione popolare, a Gibellina e alla valle del fiume Belìce terremotati venne riconosciuta la prima Obiezione di coscienza, e i giovani del posto evitarono il servizio militare per ricostruire i paesi distrutti.

Mercoledì 30 marzo visita a due villaggi abbandonati dopo il terremoto del 1968, quindi arrivo a Campofiorito attraverso il paesaggio primaverile dei Monti Sicani. Il giorno dopo raggiunta Corleone ed il Centro di documentazione sulla mafia, barra verso San Cipirrello per visitare la Cantina Centopassi di LiberaTerra, cooperativa che produce il vino sui terreni confiscati alla mafia. 

Prosecuzione sull'ex ferrovia Camporeale — Palermo destinata a divenire pista ciclabile, verso Piana degli Albanesi presso Portella della ginestra, dove avvenne l'agguato e la strage popolare del primo maggio '47 e, sempre attraverso l'ex ferrovia arrivo presso la Cattedrale di Monreale il 1° aprile. Discesa finale verso il capoluogo siciliano assieme ai ciclisti palermitani e nel pomeriggio Incontro di pace, quale omaggio finale al lavoro di Dolci in Sicilia prima del ritorno a Trieste.

Il referente per il Comitato Pace “Dolci” di Trieste: Alessandro Capuzzo
c/o Centro multiculturale italosloveno, via Valdirivo 30 - 34132 Trieste
telefono 338 1652364 - email compax at inwind.it