[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Disarmo] Fwd: Isis Da Mosul ad Aleppo, sotto protezione USA - su Metro, di Maurizio Zuccari




---------- Messaggio inoltrato ----------
Da: Jure Ellero LT <disarmo at peacelink.it>
Date: 28 ottobre 2016 20:34
Oggetto: [Disarmo] Isis Da Mosul ad Aleppo, sotto protezione USA - su Metro, di Maurizio Zuccari
A: disarmo at peacelink.it, antifa-ts at inventati.org



Mosul, specchio per allodole 

  • MAURIZIO ZUCCARI
«Dall’avvio dell’offensiva sono stati centrati tutti gli obiettivi e realizzati più attacchi che in qualsiasi altro stesso periodo nella guerra contro l’Isis». Così Brett Mc Gurk aggiorna sul suo profilo tweet l’impegno della coalizione a guida Usa, a pochi giorni dall’inizio dell’offensiva su Mosul. L’inviato speciale del presidente Obama per contrastare l’Isis nell’area twitta pure le cifre di tanta grazia, non senza orgoglio: «18 gallerie, 26 autobombe e 136 posti di combattimento» distrutti. Poche ore prima del gioioso cinguettìo di Mc Gurk, una corposa colonna di jihadisti - circa la metà dei novemila difensori stimati di Mosul - abbandonava la città sotto assedio, alla luce del sole e con gli aerei Awacs della Nato a ronzargli sulle teste, nel corridoio di fuga verso la Siria preparato ad hoc dalle truppe speciali Usa. Si sarebbe trattato di combattenti siriani e iracheni evacuati con le loro famiglie a Raqqa, capitale dello stato islamico verso cui convergono, a chiacchiere, gli sforzi della coalizione. A darne notizia per prima è stata l’Anadolu - l’Ansa turca - dando notizia del composito schieramento in campo nella riconquista della capitale del Kurdistan iracheno che ben difficilmente tornerà sotto il controllo di Baghdad. 
Peshmerga curdi da nord e da est, regolari iracheni (sunniti filo Usa) da sud e da ovest, mentre i “terroristi” curdi del Pkk e gli irregolari iracheni (sciiti filoiraniani) non partecipano direttamente alle operazioni, su diktat turco e statunitense. Tra i difensori dell’Isis a Mosul resterebbero solo milizie straniere, arabe e non, con il compito di resistere fino all’ultimo per esfiltrare poi a piccoli gruppi, come già accaduto nelle città irachene riconquistate allo stato islamico, Tikrit e Falluja, unendosi a quanti già messi in salvo da chi li dovrebbe attaccare. 
Non tanto perché al nemico che fugge ponti d’oro, come recita un vecchio adagio militare, ma per non sprecarli. Tali esperti combattenti saranno riorganizzati e reimpiegati, secondo le direttive del Pentagono, per una controffensiva contro le forze di Assad che spezzi la tenaglia su Aleppo, se possibile a diretto sostegno dei miliziani assediati. Non a caso aerei della coalizione (Usa) hanno spianato la strada ai jihadisti a Der Ezzor, mentre altri (belgi) hanno colpito Hassadiek, presso Aleppo, facendo strage dei governativi siriani. Così, la liberazione di Mosul potrà rivelarsi funzionale alla prosecuzione della lotta nella città contesa, una trappola per Assad. E uno specchio per allodole, alla faccia dei civili intrappolati.
MAURIZIO ZUCCARI
giornalista e scrittore
--



Lista Disarmo
Per iscriversi o cancellarsi dalla lista:
http://www.peacelink.it/mailing_admin.html