[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Disarmo] Nuovo ambasciatore USA e insediamenti Cisgiordania



David Friedman, l'avvocato fallimentare nominato nuovo ambasciatore Usa a Israele dal presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, ha aiutato a raccogliere milioni di dollari in donazioni per l'insediamento israeliano di Beit El, in Cisgiordania. I legami tra il neoniminato ambasciatore e l'insediamento sono stati resi noti nei giorni scorsi dalla stampa israeliana, ed ora la questione approda in primo piano sulla stampa statunitense. La famiglia di Friedman, scrive il "Wall Street Journal", ha relazioni di lunga data con Beit El, insediamento che peraltro è stato beneficiario di diverse donazioni da parte della fondazione personale di Trump. Il nuovo ambasciatore Usa, rivela il quotidiano, è tuttora a capo di una organizzazione, la Bet El Institutions (Il nome dell'insediamento è talvolta traslitterato "Bet El", ndr), e della Ong ad essa collegato, l'American Friends of Bet El Yeshiva Center: tra il 2010 e il 2014, questo ente non profit ha raccolto donazioni per quasi 10 milioni di dollari a favore di progetti educativi e infrastrutturali presso l'insediamento israeliano, stando a quando dichiarato dalla stessa Ong al fisco statunitense. Uno dei maggiori contributori dell'organizzazione presieduta da Friedman, aggiunge il quotidiano, è il genero di Trump, marito della figlia maggiore Ivanka: l'immobiliarista di origini ebraiche Jared Kushner. Al momento, dalla squadra di transizione presidenziale di Trump non giunge alcun commento in merito alla questione. E' verto però, come sottolinea il "Wall Street Journal", che un ambasciatore dal profilo di Friedman difficilmente potrà giovare al rilancio del processo di pace in Medio Oriente. E questo nonostate l'Autorità nazionale palestinese si sia detta pronta a giudicare l'ambasciatore "dalle sue azioni". La "Washington Post" si scaglia ancor più duramente contro la nomina di Friedman: un editoriale del giornalista israeliano Gershom Gorenberg definisce tale nomina "un regalo alla destra radicale israeliana", e un segnale che "Washington sta abbandonando l'obiettivo di una pacifica risoluzione del conflitto israelo-palestinese sulla base di una soluzione a due Stati".

http://www.wsj.com/articles/donald-trumps-pick-for-israel-envoy-helped-fund-settlers-1482280901

https://www.washingtonpost.com/news/global-opinions/wp/2016/12/20/trumps-reckless-choice-of-ambassador-is-a-gift-to-israels-radical-right/?utm_term=.a9d9d46b7b89


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus