[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Disarmo] Costituiamoci parti civili al processo per le tangenti del Tav Terzo Valico.



Costituiamoci parti civili al processo per le tangenti del Tav Terzo Valico. Per le tangenti del Tav Terzo Valico sono rinviati a giudizio i vertici Cociv (“general contractor” dell’opera). Secondo i PM si tratta di una vera e propria associazione a delinquere: corruzione e tentata estorsione, subappalti in cambio di denaro e favori anche sessuali, forniture di calcestruzzo che si sciolgono in acqua ecc. Il direttore dei lavori, Ettore Pagani, candidato al Premio Attila 2016 della Rete Ambientalista, nell’intercettazione cinicamente tranquillizzava un collaboratore sulla presenza di amianto: “Il primo malato? Solo fra trent’anni”. Il mesotelioma impiega anche 30 anni a manifestarsi, poi è inesorabile in pochi mesi. A Casale e Broni, migliaia di morti, 25 nuovi casi all’anno, il picco nel 2015. La Sezione provinciale di Medicina democratica propone ai Comitati No Tav Terzo Valico, che si stanno battendo contro questa opera grande per inutilità costo e danno, di costituirsi Parti civili nel processo in rappresentanza delle popolazioni liguri e piemontesi. Per le spese legali sono a disposizione le sottoscrizioni in corso nelle assemblee per il libro “Ambiente Delitto Perfetto”.

L'avvocata di Medicina democratica Laura Mara si difende sui giornali dalle accuse della Sezione di Alessandria. Su La Stampa (clicca qui) afferma: “In Appello sosterrò la Pubblica accusa”. Notizia falsa. Il PM in Appello Solvay ha fatto ricorso contro la sentenza di primo grado ribadendo il reato di avvelenamento doloso della falda e dolosa omessa bonifica: 16 anni di reclusione per gli amministratori. Medicina democratica (ovvero l’avvocata con il presidente) invece in Appello sosterrà, contro il PM, la conferma della sentenza di primo grado: assoluzione degli amministratori e risarcimenti nulli o irrisori alle Vittime. L’aveva scritto la stessa avvocata: clicca qui la sua mail. E’ inequivocabile.  

Montedison & Solvay. Prima sentenza in Appello per uno dei due processi gemelli di Spinetta Marengo e Bussi. Erano state assolutorie entrambe le sentenze in primo grado. Ma l’Aquila ribalta la sentenza di Chieti e condanna gli amministratori. Avverso al tribunale di Alessandria, il PM in Appello a Torino chiede per gli stessi amministratori la condanna a 16 anni di reclusione. Ad Alessandria Lino Balza si dimette in polemica con la presidenza di Medicina democratica che non ricorre in Appello e danneggia le Vittime Parti civili: invece la scandalosa sentenza può essere capovolta senza incorrere nelle prescrizioni, e imponendo la bonifica.

Ennesima sentenza amianto contro la salute e l'ambiente. La Corte d’Appello di Milano ha emanato nuova sentenza assolutoria, confermando la pronuncia di primo di grado emessa dal Tribunale, a favore degli imputati della ex ENEL di Turbigo, centrale termica che impiegava grandi quantità di amianto, con la morte di 8 lavoratori per mesotelioma. Medicina democratica non si è sottratta a partecipare all’Appello pur penalizzata a sopportare il pagamento delle spese processuali, proseguirà in Cassazione.  

Indagine epidemiologica sui tumori finanziata dai comuni di Alluvioni Cambiò, Alzano Scrivia, Castelnuovo Scrivia, Guazzora, Isola Sant’Antonio, Molino dei Torti, Piovera, Pontecurone e Sale. Siccome l’origine delle patologie è prevalentemente ambientale, tale ottimo studio oncologico andrebbe inserito in una più vasta (per territorio) e completa (per casistica patologica) indagine epidemiologica. Analogamente abbiamo chiesto come Indagine epidemiologica della Fraschetta.

PFOA. Tra i lavoratori Miteni le più alte concentrazioni mai registrate. Ma anche nei bambini. PFOA anche nel sangue dei lavoratori Solvay: attendiamo sempre che l’assessore all’ambiente di Alessandria pubblicizzi i dati.

Dopo 30 anni i bidoni dell'Ecolibarna spuntano qua e là nel territorio alessandrino. Carmelo Ciniglio di Medicina democratica, consigliere comunale di Tortona e presidente dell’Osservatorio ambientale, con un dossier denuncia che -oltre a quelli incombenti a Serravalle Scrivia, Castelnuovo Scriva e Villalvernia- sono ancora desaparecidos, da bonificare, 10mila fusti tossici e cancerogeni, che affiorano di quando in quando dai terreni: Carbonara Scrivia (2010), Casalnoceto (2014) e chissà quanti portati via dal fiume Scrivia, per non parlare del contrabbando di rifiuti tossici internazionali. Perché non intervengono i carabinieri del Nucleo operativo ecologico? Che fine hanno fatto i 160mila euro stanziati per la bonifica di Carbonara?

Ennesimo incidente alla Solvay di Spinetta Marengo. Abbiamo informato i giornali dell'allarme in fabbrica per una fuga di gas fluoridrico, avvenuta alle ore 15,30 del 22 febbraio 2017. Si attende la conclusione dei rilievi dell'Arpa sull'inquinamento.

Sarebbero più credibili i politici, tutti affaccendati nelle liste elettorali, se riempissero l’immancabile titolo “Ambiente” del loro programma con la bonifica del sito Solvay di Spinetta Marengo, uno dei più inquinati in assoluto d'Italia.  Non basta un “bravo” al PM per il suo ricorso alla Corte di Appello per ribaltare la sentenza scandalosa di primo grado. Occorre nel frattempo approntare gli strumenti tecnici e politici per agire senza perdere ulteriore prezioso tempo. Le nostre proposte concrete per la salute della Fraschetta sono invano depositate… (continua)

Più polizie, più penalità, più dispositivi e risorse per la massima sicurezza: questa la ricetta vincente rispetto a cui, da oltre vent’anni, s’è scatenata senza tregua la competizione fra destra e sinistra. L’intervento militare dell’Italia passa attraverso un’interpretazione discutibile dell’art. 11 della Costituzione, interpretazione che continua a essere manipolata per giustificare la dotazione di armamenti offensivi (quali i cacciabombardieri) e le missioni militari all’estero coperte anche con la retorica delle “guerre umanitarie” e del peace keeping.

Proseguono le votazioni per il Premio Attila Alessandria 2016. Oltre che nelle assemblee in corso, potete esprimere Il voto con mail a b.tartaglione@tiscali.it o su Pagina Facebook (clicca qui) o su Gruppo Facebook (clicca qui) o via telefono al 3470182679.

Le prossime Iniziative NOTAV. Aggiornamenti e appuntamenti a cura di Doriella e Renato. Clicca qui.

Assemblea dei Comitati di Base della Valle Bormida lunedì 27 febbraio 2017 alle ore 21 a Cassine nella biblioteca Amerio (ex asilo Mignone).

Giovedì 23 a Isola Sant'Antonio il Comitato del No alla maxi discarica di amianto. 137mila metri quadrati di fronte al deposito della raffineria Eni di Sannazzaro de’ Burgondi di cui le popolazioni hanno appena respirato i fumi di due vaste esplosioni.

Sintesi finale del "Gruppo di lavoro salute della donna" di Medicina democratica. Clicca qui il documento

Costruiamo insieme Ponti. Non muri. Associati a “Un ponte per…clicca qui.

"La Terra Ri-Media": sabato 25 febbraio a Costa Vescovato nelle Valli Tortonesi (AL) Clicca qui il programma

Alimentazione, Agricoltura, Fertilità e Salute Ambientale. Pesaro il 25 febbraio

Che problema etico portare avanti una gravidanza di un figlio anencefalico, che ha poche ore o giorni di vita, per poi donare i suoi organi ai trapianti. Le Lega Antipredazione non ha dubbi sulla liceità (clicca qui). Noi sì, ci chiediamo se non sia invece una madre eroica.

 

Messaggio di pace e salute inviato a 16.002 da Barbara Tartaglione

Via Dante 86 - 15121 Alessandria Tel. 3382793381

Sezione provinciale di Medicina democratica Movimento di Lotta per la salute: 

movimentodilottaperlasalute at reteambientalista.it

b.tartaglione at tiscali.it  - balza.lino at odgpiemonte.postecert.it – barbara.tartaglione at pec.it

Blog: http://rete-ambientalista.blogspot.it

Gruppo Facebookhttps://www.facebook.com/groups/299522750179490/?ref=bookmarks

Pagina Facebookhttps://www.facebook.com/RETEAmbientalista/

Youtubehttps://www.youtube.com/channel/UCnZUw47SmylGsO-ufEi5KVg

Twitter: @MedicinaDemAl

Sottoscrizioni a favore No Tav e Ricerca cura mesotelioma: IBAN IT18 Y033 5901 6001 0000 0140 862