[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Disarmo] Venezuela. Ecco chi sono i Guerreros de Dios



Ecco chi sono i Guerreros de Dios

Venezuela. Attentato con l'elicottero, un nuovo gruppo armato

 

Attacco a La Carlota

 © Foto di Maurice Lemoine

Geraldina ColottiIl Manifesto

Il messaggio compare il 27 giugno alle 4,18 sull’account Instagram @oscarperezgv, quello dell’ispettore delle Forze speciali di sicurezza venezuelane, Oscar Pérez. Si tratta della rivendicazione in cinque parti del sequestro dell’elicottero, rubato dalla base militare de La Carlotta dal super-poliziotto e da altri quattro ufficiali, armati e incappucciati per lanciare granate sul Ministero degli Interni e sul Tsj.

I militari si definiscono “apartitici e apolitici, nazionalisti, patriottici e istituzionalisti”. Rivolgono un appello “a tutti i venezuelani, da oriente a occidente, da nord a sud” affinché “si uniscano a questa forza” ispirata alla “verità e a Gesù Cristo” e invitano ogni base militare a formare “una nuova Forza armata” Affermano: “Siamo Guerreros de Dios, e la nostra missione è vivere al servizio del popolo”.

Una nuova sigla nel panorama ad alta tensione che sommuove il Venezuela. Una sigla che sostiene la galassia paramilitare in cui s’inquadrano i “guerrieri” o gli “scudieri”, come vengono definiti gli oltranzisti di opposizione.

Chi sono i Guerreros de Dios? Secondo fonti degli Alti comandi venezuelani che hanno chiesto di rimanere anonime, si tratta “di un gruppo violento di opposizione che riceve ordini da fuori”. Chi lo pilota in Venezuela? “Il generale Miguel Rodriguez Torres, ex ministro degli Interni e ora uomo della Cia, che subito dopo l’elezione di Nicolas Maduro ha cominciato a fare una campagna per autopromuoversi. Suo padre, sottufficiale dell’Esercito, è stato per anni sindaco di Guasdualito, nell’Alto Apure e ha manifestato divergenze con il governo di Hugo Chavez, soprattutto con il vicepresidente di allora, il colonnello Carrizales Rengifo, attuale governatore di Apure”.

La Cia “non ha mai smesso di operare in Venezuela, anche se siamo riusciti parzialmente a neutralizzare i suoi piani”. Quanto seguito hanno i Guerreros de Dios nelle Forze armate? Secondo la nostra fonte, “l’escalation violenta dell’opposizione ha compattato le Fanb con l’Esecutivo, allontanandole dalla Fiscal General che, con il suo compartamento di parte colpisce anche gli effettivi militari che preservano l’ordine pubblico”.