[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Disarmo] Fwd: [ReteDisarmo] Da Archivio Disarmo - Le armi da fuoco negli Stati Uniti: diffusione, vittime, controllo




---------- Messaggio inoltrato ----------
Da: Rete Disarmo - Segreteria <segreteria at disarmo.org>
Date: 3 ottobre 2017 14:50
Oggetto: [ReteDisarmo] Da Archivio Disarmo - Le armi da fuoco negli Stati Uniti: diffusione, vittime, controllo
A: Coordinamento Rete Italiana per il Disarmo <coordinamento_RID at googlegroups.com>




 

Gli USA sono il primo Paese al mondo per numero di armi da fuoco pro capite, con oltre 270 milioni di armi in mani civili (più di una per ogni adulto). Negli anni di Obama, produzione, importazione e vendita di armi hanno avuto un boom, anche se la percentuale di proprietari è in calo dagli anni Settanta. Ogni anno negli USA si verificano oltre 30.000 morti e 80.000 feriti con armi da fuoco. Il tasso di omicidi con armi da fuoco è 25 volte più alto che negli altri Paesi OCSE ad alto reddito e ha avuto un brusco aumento nel 2015-2016, mentre il tasso di suicidio con armi da fuoco è 8 volte più alto ed è in costante aumento dal 2006. Gli omicidi con armi da fuoco colpiscono sproporzionatamente gli stati del Sud e la popolazione afroamericana di giovane età, mentre i suicidi con arma da fuoco colpiscono sproporzionatamente gli stati dell'Ovest e la popolazione bianca di età avanzata. Gli stati con una più alta percentuale di proprietari e leggi sulle armi da fuoco meno restrittive hanno più alti tassi di morti con armi da fuoco. Gli stati con più bassi tassi di morti per arma da fuoco hanno adottato leggi più restrittive come background checks universali, bandi sulle armi d'assalto e sui caricatori ad alta capacità e limiti al rilascio di licenze di porto d'armi nascoste.

L'autore

Nicolò Scarpat si è laureato in filosofia presso l'Università di Pisa e la Scuola Normale Superiore di Pisa. Frequenta il Master di II livello in Tutela Internazionale dei Diritti Umani presso l'Università Sapienza di Roma. Collabora con IRIAD occupandosi di armi leggere e diritti umani.

--
Hai ricevuto questo messaggio perché sei iscritto al gruppo "Coordinamento Rete Italiana per il Disarmo" di Google Gruppi.
Per annullare l'iscrizione a questo gruppo e non ricevere più le sue email, invia un'email a coordinamento_RID+unsubscribe@googlegroups.com.
Per postare in questo gruppo, invia un'email a coordinamento_RID@googlegroups.com.
Per altre opzioni visita https://groups.google.com/d/optout.



--
Diceva Gandhi:
Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
Non ho nulla di nuovo da insegnare al mondo. La verità e la nonviolenza sono antiche come le montagne. 
Non c'è strada che porti alla pace che non sia la pace, l'intelligenza e la verità.
Io e te siamo una sola cosa: non posso farti male senza ferirmi.
Occhio per occhio... e il mondo diventa cieco.
Ci sono cose per cui sono disposto a morire, ma non ce ne è nessuna per cui sarei disposto ad uccidere.
Per praticare la nonviolenza, bisogna essere intrepidi e avere un coraggio a tutta prova.
Nessun uomo può essere attivamente non-violento e non ribellarsi contro l'ingiustizia dovunque essa si verifichi.