[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

"più del doppio"



07.02.2005 

I risultati di climateprediction.net

Il progetto coinvolge i computer di 95.000 utenti in tutto il mondo





I gas serra potrebbero far salire le temperature globali di più del doppio
rispetto al massimo riscaldamento finora considerato probabile
dall'Inter-governmental Panel on Climate Change (http://www.ipcc.ch/)
(IPCC). Lo suggeriscono i risultati del più grande esperimento di previsione
climatica del mondo, pubblicati sulla rivista "Nature"
(http://www.nature.com/index.html).
I primi dati di climateprediction.net (http://www.climateprediction.net/),
un esperimento globale che sfrutta il tempo di calcolo di migliaia di utenti
che hanno partecipato allo studio, mostrano che le temperature medie
potrebbero salire anche di 11 °C, anche se i livelli di biossido di carbonio
nell'atmosfera venissero limitati al doppio di quelli precedenti la
rivoluzione industriale. Ci si aspetta che livelli simili vengano raggiunti
attorno alla metà di questo secolo, a meno che non vengano effettuati forti
tagli alle emissioni di gas serra.
"Il nostro esperimento - commenta il principale ricercatore dello studio,
David Stainforth dell'Università di Oxford (http://www.ox.ac.uk/) - rivela
che l'incremento dei livelli di gas serra potrebbe avere un impatto sul
clima molto maggiore di quanto si pensava finora". Secondo il coordinatore
del progetto, David Frame, la possibilità di una così grande risposta al
biossido di carbonio nell'atmosfera ha profonde implicazioni: se i dati
fossero corretti, anche gli odierni livelli di gas serra sarebbero già
pericolosamente alti.
Il progetto climateprediction.net, finanziato dal Natural Environment
Research Council (http://www.nerc.ac.uk/) della Gran Bretagna, è tuttora in
corso e coinvolge più di 95.000 partecipanti di 150 nazioni. Scuole, uffici
e privati di tutto il mondo possono scaricare il software gratuito che
incorpora il modello climatico del Met Office, ed eseguirlo in background
durante i momenti di inattività dei loro computer.

D. A. Stainforth, et al, "Uncertainty in the predictions of the climate
response to rising levels of greenhouse gases"
(http://www.nature.com/cgi-taf/DynaPage.taf?file=/nature/journal/v433/n7024/
abs/nature03301_fs.html&dynoptions=doi1108495693). Nature 433, 403-406 (27
gennaio 2005). 

----------

(http://www.lescienze.it/index.php3?id=10272)