[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fw: Conferenza stampa



CONFERENZA STAMPA
martedì   22  marzo  2005
ore  09.30 c/o  Copuf  via De Cristoforis - Varese

su GRAVISSIMA SITUAZIONE AMBIENTALE A VARESE

PM10  soglia massima superati i 35 giorni dall'inizio dell'anno.

PER INFORMAZIONI E CONTATTI:
tel. 339.2765168  franco borrello
<mailto:valleolona.socialforum at virgilio.it>valleolona.socialforum at virgilio.it





L'aria "buona" di Varese

Vi sono credenze che, a volte, resistono anche di fronte all'evidenza della
realtà.

Una, tra queste, è la convinzione che a Varese ci sia l'aria buona,
sopraffina, quasi da far invidia alle località alpine.

Se però si consultano i dati dell'ARPA (Agenzia Regionale per la Protezione
Ambientale), se si leggono i rapporti sulla qualità dell'aria si scopre una
situazione completamente diversa.

Nei rapporti sulla qualità dell'aria Varese viene inclusa, come tutta la
provincia, tra le zone interessate da emissioni che, per quanto riguardano
l'ozono e il PM10, superano le soglie di rischio per la protezione della
salute umana.

La normativa vigente definisce dei valori limite di concentrazione degli
inquinanti in aria ambiente, da rispettare entro date definite.

In particolare per la protezione della salute il DM 60/2002 prevede per il
PM10 il valore limite di 40 mg/m3 per la media annuale e il limite
giornaliero di 50 mg/m3 da non superarsi più di 35 giorni all'anno.

Quando il valore limite viene superato le autorità competenti dovrebbero
predisporre piani e programmi per poter rientrare nei limiti previsti dalla
normativa.

Nulla di tutto ciò è avvenuto a Varese, e non perché non siano stati
superati i limiti previsti, ma per totale inadempienza dell'amministrazione
comunale.

Conoscendo la scarsa attenzione ambientale della Giunta di Varese abbiamo
chiesto i dati di rilevazione del PM10 dal 1° gennaio al 15 marzo all'ARPA,
da cui si evidenzia il superamento del valore limite di 50 mg/m3 per ben 43
giorni, con punte massime superiori ai 100 mg/m3.

Una situazione non molto diversa da quella che si riscontra nell'area unica
di Milano-Como-Sempione, ma con l'anomalia che tutto ciò avviene nel totale
silenzio delle autorità istituzionali preposte alla tutela della salute dei
cittadini e dei mezzi di informazione.

Ricordiamo che le conseguenze prodotte dal PM10 sulla salute sono dannose
in quanto le polveri penetrano attraverso le vie aeree e si depositano
nell'apparato respiratorio con conseguenti crisi d'asma bronchiale,
infezioni respiratorie acute, aggravamento di sintomi respiratori e
cardiaci?

Questa indagine sulla tutela dell'ambiente e della salute è solo la prima
di una serie di inchieste che intendiamo svolgere per denunciare l'assenza
e la responsabilità delle istituzioni competenti.

Non lasciamo i nostri diritti nelle mani di chi si preoccupa solo dei
propri interessi privati.

VALLE OLONA SOCIAL FORUM, VARESE SOCIAL FORUM

*



**