[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

I: Rosolini : sos degrado a cava lazzaro



La Sicilia, venerdì 22 luglio 2005

ROSOLINI. SOS DEGRADO A CAVA LAZZARO
Il naturalista Morreale: "Eccessivo il prelievo d'acqua dalla falda"

Problema falde acquifere a cava Lazzaro. L'Sos viene lanciato dal noto
naturalista siracusano Fabio Morreale, dell'Ente Fauna Siciliana.
"Sebbene oggi
si presenti asciutto - osserva - il fondovalle di cava Lazzaro è
occupato da
specie tipiche della foresta ripale; si tratta di testimonianze di un
corso
d'acqua che oggi non esiste più. La cava è asciutta per l'eccessivo
emungimento
della falda acquifera".
Il sito fin dal periodo castellucciano, risalente al 2200/1450 a.C., ha
favorito
l'insediamento della presenza umana, che dal canto suo lo ha adoperato
"senza
soluzione di continuità e senza mai distruggerlo". A testimoniare questa
primitiva presenza umana, una necropoli a grotticella, di cui fa parte
la
famosa "tomba del principe", oltre a numerosi ambienti scavati nella
roccia ad
uso abitativo (i ddieri) e lavorativo (mulini e frantoi).
"Da qualche decennio, però, la cava è stata distrutta nella sua
potenzialità
naturalistica - prosegue l'ambientalista aretuseo - Un acquedotto è
stato
ricavato nel fondovalle dal Comune di Rosolini e una lunga strada di
servizio,
percorribile soprattutto da mezzi pesanti, è stata tracciata nel cuore
della
cava, nel suo punto più delicato". I risultati sono sotto gli occhi di
tutti.
"Addio salici, oleandri, pioppi, sambuchi e soprattutto addio all'alveo
fluviale - conclude Morreale - E siccome la natura tende a
riappropriarsi di
quanto l'uomo le sottrae, durante le piene l'acqua spazza via la strada,
che
era già ridotta ai minimi"
Il sito è adesso abbandonato. La tomba del principe non è indicata da
segnali
turistici e l'area non è conosciuta neanche dalla gente del luogo. Uno
scempio.
"Le altre testimonianze archeologiche ricavate nella roccia durante il
periodo
bizantino si presentano distrutte. Non trattandosi di spazi chiesastici,
mi
chiedo se siano mai stati censiti", conclude Morreale.
Roberto Rubino