[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fwd:TAV: osservazioni e domande



NO TAV ? RACCOLTA ADESIONI



È stato appurato da qualche mese che i manganelli e le occupazioni militari
del territorio non sono il mezzo più efficace per imporre le grandi opere.
Ci riferiamo, in particolare, al caso della Torino-Lione.

La parola d?ordine sembra essere diventata ?il dialogo?. Parola molto
suggestiva, parola-camomilla, capace di riportare la tranquillità
soprattutto negli animi di chi conosce i fatti solo attraverso la
televisione e i giornali.

Oggi, attraverso il dialogo, i Presidenti di tutte le Regioni del nord
Italia incalzano il governo affinché l?opera venga finanziata, quali che
siano le condizioni finanziarie dello Stato.

Attraverso il dialogo, e un uso tutt?altro che parsimonioso dei media,
uomini del vecchio governo e del nuovo insistono sulla ?priorità assoluta?
dell?opera.

Attraverso il dialogo, si divulgano a mezzo stampa i rassicuranti risultati
dei sondaggi effettuati, salvo poi scoprire che tali sondaggi sono stati
svolti con qualche leggerezza di troppo, e su siti in cui si sapeva già
prima (i documenti del 2004 parlano chiaro) che non si sarebbero trovate
quantità significative di amianto o uranio.

Attraverso il dialogo, il nuovo governo non manca di mettere in mostra la
sua disponibilità, rispristinando la valutazione d?impatto ambientale per
il tunnel di Venaus e facendo slittare l?inizio dei lavori al 2010.
Ufficialmente, ?per ascoltare le popolazioni locali?; realisticamente,
anche perché al momento non c?è una lira.

Tuttavia, questo dialogo viene completamente a mancare ogni volta che ai
promotori della linea vengano poste delle domande dirette. Quando le
domande o le osservazioni vengono poste in privato, attraverso lettere
aperte, la risposta è in genere il silenzio; quando vengono poste in
pubblico, attraverso giornali o televisioni, emerge l?arte del glissare,
del girare intorno senza dire nulla. Eppure, la fiducia ci fa auspicare che
questi personaggi, che ricoprono ruoli politici e si pongono
indiscriminatamente a favore dell?opera, qualche minima argomentazione che
quantomeno giustifichi la loro posizione possano formularla. Altrimenti
potrebbe emergere qualche dubbio a proposito della loro serietà e della
loro buona fede?

Qui di seguito è riportata, appunto, una serie di osservazioni e di domande
che sono già state inviate, con oltre 1200 sottoscrizioni, a: Sergio
Chiamparino, Mercedes Bresso, Roberto Formigoni, Claudio Burlando, Luciano
Caveri, Giancarlo Galan, Lorenzo Dellai, Riccardo Illy, Vasco Errani;
Daniele Borioli; Piero Fassino; Alberto Tazzetti; e, per conoscenza, a:
Tommaso Padoa Schioppa, Antonio di Pietro, Alessandro Bianchi, Alfonso
Pecoraro Scanio, Romano Prodi, Fausto Bertinotti, Giorgio Napolitano e a
tutti i nostri parlamentari ed europarlamentari (non solo italiani),
assessori e membri del Consiglio Regionale e Provinciale del Piemonte e
della nuova giunta del comune di Torino; giornali nazionali e locali.

Chiunque condivida il contenuto di queste osservazioni, può sottoscriverle
inviando un?e-mail a: <mailto:firmenotav at libero.it>firmenotav at libero.it,
in cui vengano specificati:

1)      nome e cognome;

2)      indirizzo completo;

3)      professione.



Inutile dire che è importante raccogliere il maggior numero possibile di
adesioni (difficilmente i destinatari risponderanno, ma è bene che si
ricordino che ?ci siamo?, e non siamo pochi), perciò invitiamo gli
interessati a diffondere il contenuto di questa e-mail e a raccogliere e
inviare anche i nominativi di chi sia sprovvisto di una propria casella di
posta elettronica.

Non è solo una questione di essere pro o contro il TAV (questione peraltro
strettamente connessa con un discorso di modelli di sviluppo). È questione,
semplicemente, di pretendere trasparenza: cosa che è nell?interesse di
tutti.

A inizio novembre provvederemo a spedire ai destinatari e ai giornali
l?aggiornamento con le nuove adesioni.

Grazie.



Alessandro Grangetto ? Strada San Giorio 10 ? Bussoleno (TO) - insegnante

Giorgio Perino ? via Piave 34 ? Bussoleno (TO) - insegnante

Gianni Rapelli ? via Gramsci 23 ? Condove (TO) - pensionato

Roberto Ronsil ? fraz. Sant?Antonio 75 - Giaglione (TO) - ingegnere

Gisella Viero ? via De Amicis 23 ? Condove (TO) - insegnante





N.B.: i dati raccolti saranno trattati esclusivamente per la finalità della
presente iniziativa e verranno diffusi esclusivamente ai destinatari
precedentemente elencati, salvo ulteriore richiesta di autorizzazione ai
firmatari.





Questa lettera è pubblicata ? in alcuni casi in una versione precedente -
sui seguenti siti:

<http://www.legambientevalsusa.it/>www.legambientevalsusa.it;
<http://www.laltralombardia.it/>www.laltralombardia.it;
<http://www.saradura.com/>www.saradura.com;
<http://www.oterx.org/>www.oterx.org; <http://www.notav.it/>www.notav.it;
<http://www.saradura.com/>www.saradura.com