[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

URGENTE - partecipate alla petizione e fate girare - Petizione > Sebastiano, il meticcio buono massacrato senza ragione



Petizione online > Lo scandalo del cane Sebastiano, il meticcio buono massacrato senza ragione durante la cattura da parte della Asl Veterinaria de L'Aquila

Cari amici e amiche,
vi chiediamo pochi minuti del vostro tempo per sottoscrivere un petizione e aiutarci ad aumentare le firme per questa battaglia contro la violenza nei confronti di esseri indefesi da parte di chi invece dovrebbe proteggerli.

Sebastiano era un giovane meticcio, con un cuore grande e generoso. Un cane, allegro, mite, affettuoso che era stato adottato da alcuni dipendenti del Consiglio regionale abruzzese ed era diventato inseparabile amico di un bambino portatore di handicap. Se ne stava nella zona della Villa comunale de l'Aquila, dove era stato abbandonato da circa un anno. Tante persone gli volevano bene, lo nutrivano e gli permettevano di ripararsi negli androni dei palazzi.
Poi, su segnalazione, un veterinario dell'Asl e due accalappiacani lo hanno catturato con il cappio a strangolo. Una bambina che ha assistito alla scena è ancora sotto shock. Quando l'hanno accalappiato, Sebastiano pare stesse dormendo.
L'autopsia del suo corpo massacrato ha rilevato rotture di organi interni, gravi traumi, ematomi e versamenti.

La Asl veterinaria de L'Aquila non è nuova all'uso di questi metodi - per essere informati basta consultare il dossier http://randagismo.info/associazioni/ASL/
Nell'ottobre del 2004, per esempio, 6 cuccioli, catturati su segnalazione dal servizio veterinario della Asl,  non arrivarono vivi al canile sanitario, ma già rinchiusi in sacchi di plastica: il responsabile della Asl veterinaria aveva giustificato il gesto affermando che i piccoli, una volta adulti, si sarebbero imbrancati e sarebbero, quindi, divenuti pericolosi.

La Sezione de L'Aquila della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, Randagismo.info e Cuccefelici propongono una petizione online per non lasciar cadere l'attenzione dei cittadini e degli enti coinvolti. Non è una campagna contro, ma una mobilitazione per la civiltà: è molto importante che le istituzioni e i media sappiano quanti siamo ad inorridire davanti alla morte crudele di un essere vivente indifeso e a chiedere che le leggi siano rispettate.
Una volta conclusa la petizione, le sottoscrizioni verranno inviate ai dirigenti di Comune, Provincia, Regione, ASL e Ordine dei Veterinari; il numero di firme verrà comunicato ai media.

La petizione, a cui tutti sono invitati a partecipare, si può sottoscrivere entro il 15 settembre
- online all'indirizzo:
http://randagismo.info/petizione/

oppure

- inviando una e-mail di risposta specificando "Oggetto: Sebastiano", e nel testo scritto "Sottoscrivo la petizione sulla gestione del randagismo a L'Aquila" seguito dal tuo nome e cognome, indirizzo e città e e-mail.

Invia questa mail ai tuoi amici e conoscenti con preghiera di sottoscrivere la petizione e di proseguire a loro volta con la raccolta di firme presso i loro conoscenti. 

Le associazioni e gli Enti (es. Uffici Tutela Animali) che volessero sottoscrivere la petizione, non compilino il form online, ma ci contattino esclusivamente via email

Per maggiori informazioni: info at cuccefelici.com (329.9064859) - randagio at randagismo.info