[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

CARBONE E RIGASSIFICATORE



CARBONE E RIGASSIFICATORE
DUE EMERGENZE INCOMPATIBILI COL NUOVO SVILUPPO
Alla battaglia storica contro l?invasione a Brindisi del carbone si è unita
negli ultimi anni quella contro il rigassificatore: si tratta di due
emergenze che vanno affrontate e superate positivamente per aprire la
strada ad un futuro di speranza e rendere possibile l?attuazione dei
programmi avviati dalle nostre amministrazioni per una diversa economia
locale.
Le due battaglie sono le facce di un solo impegno vale dire quello per la
vivibilità ambientale come presupposto di uno sviluppo che promuova stabile
e dignitosa occupazione. Non è perciò possibile privilegiare uno dei due
impegni a scapito dell?altro. Ed è per questo che ci sembra tempestivo ed
opportuno il documento della direzione provinciale dei DS il quale ha
ribadito la richiesta di una significativa riduzione del carbone
movimentato e bruciato nelle locali centrali elettriche indicando anche le
altre misure ritenute indispensabili per liberare la città
dall?insopportabile abbraccio di tale combustibile.
Il Forum da tempo ripetutamente afferma che il noto ?tavolo tecnico? in
vista del rinnovo delle convenzioni con le società elettriche aveva un
peccato originale che rendeva inaccettabili le sue conclusioni: quello di
non mettere in discussione la potenza energetica e l?attuale entità
dell?alimentazione a carbone degli impianti energetici. Il fatto che
importanti espressioni delle istituzioni locali e rilevanti forze politiche
ribadiscano questa linea deve far riflettere le società elettriche a
considerare superato quel ?tavolo? ed istituirne uno nuovo con un più
appropriato mandato.
La manifestazione del 28 ottobre per un nuovo sviluppo e contro il
rigassificatore dovrà essere anche un momento di mobilitazione per chiedere
una consistente riduzione dell?esercizio a carbone del polo energetico e
nuove convenzioni che tutelino effettivamente i diritti dei cittadini e
l?interesse generale della collettività.
Brindisi, 24 ottobre 2006
IL FORUM AMBIENTE, SALUTE E SVILUPPO