[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re:[ecologia] Finanziamento consapevole



---------- Initial Header -----------

From      : ecologia-request at peacelink.it
To          : ecologia at peacelink.it
Cc          : 
Date      : Fri, 09 Mar 2007 11:25:40 +0100
Subject : [ecologia] Finanziamento consapevole

Per cortesia ,mandate un recapito telefonico di Danilo D'Antonio a maria Clotilde Fiori 
pucci
tel 0187.676333 oppure telefonate a questo n° lasciando un recapito telefonico .
Ha anche una m.b. : luigi.pucci at tin.it corrispondente alla Associazione "Progetto 
Uomo".che ha all'attivo un bagaglio di iniziative ad argomentazione comune .
Ginocchio






> 
> 
> 
> 
> -----------------------------------
>      Finanziamento consapevole
> -----------------------------------
> 
> 
> 
> A tutti è noto, specie oggi,
> quanto conti l'energia.
> 
> Come si può allora
> lasciare senza energia
> le proposte più significative
> nel campo d'intervento
> civico-socio-politico? 
> 
> 
> 
> Di recente si è aperto un nuovo filone di attività che risulta molto interessante 
> principalmente per tanti giovani: quell'insieme di attività che per statuto non sono 
> finalizzate ad un profitto finanziario, bensì soprattutto ad un benessere comune, nuova 
> frontiera per coloro che sono insoddisfatti del mondo del lavoro tradizionale. 
> 
> Andrebbe tutto bene, e non ci sarebbe nulla da ridire, se non fosse che i finanziamenti 
> che alimentano tale settore sono elargiti da quello stesso cattivo sistema produttore 
> dei tanti guai cui poi i buoni cercano di rimediare. E così questi ultimi si ritrovano 
> a svolgere attività attentamente selezionate, non sulla base della loro effettiva 
> capacità di modificare positivamente il mondo, bensì della loro fedeltà ai modi 
> tradizionali d'intervento sulla società. Poiché troppi sono gli interessi del sistema a 
> far sì che tutto rimanga immutato. 
> 
> Al contrario quelle proposte ed iniziative che più potrebbero essere risolutive dei 
> tanti problemi esistenti, in quanto agenti alla radice dei problemi, vengono totalmente 
> ignorate, ed alcuna possibilità hanno di intervenire efficacemente coloro che, non 
> piegandosi alle lusinghe ed ai doni del potere corrotto, perseguono una politica di 
> piena soddisfazione delle esigenze delle varie situazioni critiche. 
> 
> Per giunta, in questo momento, come cittadini, senza rendercene nemmeno conto, ci 
> troviamo tutti a finanziare una cospicua mole di attività di questo tipo (di ONG, 
> associazioni, etc.) non avendo la benché minima possibilità di decidere chi e 
> soprattutto cosa di preciso beneficiare ed energizzare col nostro denaro. Noi tutti 
> trovandoci a finanziare un mare di attività, perfino di stretta parentela con la 
> guerra, ma lasciando nel dimenticatoio le espressioni più genuine, quelle per 
> intenderci di coloro che sono avvezzi a denunciare non solo il sistema (perché fin qui 
> ormai ci sono arrivati quasi tutti) ma anche coloro che si spacciano per salvatori del 
> mondo quando invece sempre col sistema se ne vanno a braccetto, differenziandosi da 
> esso solo di una virgola. 
> 
> 
> Come fare allora: 
> 
> - innanzitutto per permettere a chi desidera intervenire nella realtà sociopolitica di 
> non lasciarsi indirizzare dai flussi tradizionali di finanziamento, bensì di rivolgere 
> la propria genuina attenzione a ciò che più, realmente importa? 
> 
> - e poi per permettere al cittadino di finanziare l'attività, o le persone, che più gli 
> vengono segnalate dalla propria sensibilità, potendo in questo modo esprimere appieno 
> anche la propria personalità e non quelle dei leader maximi dei centri di potere 
> corrotto? 
> 
> 
> Di recente il Laboratorio di Ricerca Sociale Eudemonia, dopo due settenni di attività 
> autofinanziata ed effettuata in puro stile anti-utilitaristico, senza il minimo ritorno 
> economico, rendendosi conto che il problema della necessità di un finanziamento non 
> condizionato ai voleri dei corrotti era non solo proprio, causa l'onestà ed originalità 
> delle sue proposte che escludevano ogni possibilità di compromesso col sistema, ma 
> comune a numerosi altri innovatori sociali, ha presentato una proposta per rimediare 
> sistematicamente a questo problema: 
> 
> http://il-mercato-delle-innovazioni-sociali.hyperlinker.org 
> 
> Ora: essendo questa una innovazione che necessita di istituzione da parte dei 
> tradizionali Enti di Governo, quindi non potendo essa funzionare se non quando fosse 
> approvata, lo stesso Laboratorio ha introdotto una ulteriore novità nel campo dei 
> finanziamenti che rende possibile un primo, indipendente, passo avanti in attesa dei 
> successivi, istituzionali. 
> 
> Invece di chiedere, come avvenuto finora, una adesione ai suoi progetti d'innovazione 
> sociale, il Laboratorio Eudemonia ora offre letteralmente in vendita tali proposte, 
> equiparandoli a qualsiasi altro prodotto frutto di un lavoro e quindi giustamente 
> aventi un prezzo. Si prega di badare al fatto che non si tratta della solita richiesta 
> di una generica donazione sul cui uso il cittadino, come al solito finora, non ha alcun 
> potere decisionale. Tutt'altro! Il Laboratorio Eudemonia offre al pubblico dei 
> prodotti, identificati con precisione, di avanzata tecnologia sociale in grado di 
> rimuovere problemi di vecchia data con l'introduzione di nuovi sistemi organizzativi e 
> sociali. 
> 
> Quale ricerca, se non quella libera da qualsiasi condizionamento o passività nei 
> confronti delle tante lobby faziose che dominano la nostra società, avrebbe mai potuto 
> generare ad esempio lo stesso sopracitato Mercato delle Innovazioni Sociali, che tanto 
> potere dà al cittadino, o tuffarsi nella questione demografica sortendone fuori con la 
> proposta dei Patti Internazionali di Autocontenimento, od affrontare l'assegnazione a 
> vita del Pubblico Impiego proponendo l'introduzione della rotazione, o giungere fin lì 
> dove nascono, e si perpetuano, le superstizioni tornando con in mano quel gran dono che 
> è Il Calendario della Terra? Etc. etc. etc.? Nessuna attività alimentata da questo 
> sistema avrebbe mai potuto manco avvicinarvisi! 
> 
> 
> Si propone allora a coloro che operano in ambito civico-socio-politico di trovare il 
> coraggio di divincolarsi dal sistema, giustamente sdegnando i suoi soldi sporchi, e di 
> iniziare a praticare modi di finanziamento indipendente, rivolgendosi direttamente ai 
> cittadini e non con vaghe tematiche ambientali o sociali bensì con precise proposte. In 
> tal modo si concederà anche giusta dignità di essere pensante al cittadino, il quale 
> smetterà di essere un passivo e sottomesso elargitore di denaro, divenendo invece 
> soggetto detenente il potere di contribuire a decidere forma, metodi e finalità della 
> società in cui vive.
> 
> Il terrificante sistema in cui siamo inseriti spende ormai somme enormi per lasciare 
> tutto esattamente com'è. Le forze del rinnovamento hanno anch'esse necessità di denaro 
> per concretizzare le loro idee, ma che esso venga non dai corrotti, non dal sistema, 
> pena un forte conformismo, ma dai cittadini stessi, molto più sensibili e spontanei. 
> Perché il denaro ci indirizza e guida: ed allora facciamoci guidare direttamente dalla 
> base, ancora dotata di un minimo di genuinità, non dai vertici, comandati a loro volta 
> da chissà chi! 
> 
> 
> Quando nasce qualcosa di nuovo le difficoltà son sempre notevoli, sia nell'identificare 
> le nuove vie che nel renderle praticabili. Ciònondimeno l'urgente necessità di attivare 
> modi di finanziamento indipendente, con un canale diretto tra cittadino e la singola 
> proposta d'intervento, non può non incoraggiarci a sostenere il peso degli inevitabili 
> errori ed a continuare a ricercare modi che dalla tragica situazione in cui 
> indubitabilmente ci troviamo possiamo addivenire ad una situazione esattamente opposta, 
> non dominata dal passato ma in accordo con le esigenze del presente. 
> 
> 
> I migliori saluti, 
> 
> 
> Danilo D'Antonio 
> 
> Laboratorio Eudemonia
> eulab.hyperlinker.org
> 
> 
> 
> FC_V1.1-01/03/38 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> 
> --
> Mailing list Ecologia dell'associazione PeaceLink.
> Per ISCRIZIONI/CANCELLAZIONI: http://www.peacelink.it/mailing_admin.html
> Archivio messaggi: http://www.peacelink.it/webgate/ecologia/maillist.html
> Area tematica collegata: http://italy.peacelink.org/ecologia
> Si sottintende l'accettazione della Policy Generale:
> http://www.peacelink.it/associazione/html/policy_generale.html
> 
> 


------------------------------------------------------
Leggi GRATIS le tue mail con il telefonino i-mode? di Wind
http://i-mode.wind.it