[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

RASSEGNA STAMPA: Europarlamento chiede di contenere strapotere della G.D.O.



a cura di AltrAgricoltura Nord Est
--------------------------------------
tratto da "Bioagricoltura Notizie" - 22/02/2008
Europarlamento chiede di contenere strapotere della G.D.O.
Le piccole aziende, i fornitori e le imprese agricole sono minacciati dalla
concentrazione dei supermercati che, sempre di più, impongono prezzi
insostenibilmente bassi ai loro fornitori. I consumatori, inoltre, rischiano
una perdita di diversità dei prodotti, del patrimonio culturale e dei punti
vendita al dettaglio. Occorre che l'autorità antitrust dell'Unione europea
valuti gli abusi di posizione dominante nel settore della grande
distribuzione e che si armonizzino le norme Ue per contrastarli. Lo afferma
una dichiarazione, sottoscritta da 439 parlamentari europei su 785, nella
quale il Parlamento Europeo chiede alla Commissione di avviare uno studio
"sugli effetti che la concentrazione del settore dei supermercati nell'Ue
sta avendo sulle piccole aziende, i fornitori, i lavoratori e i
consumatori". La dichiarazione è stata inviata al Presidente del Parlamento
che l'ha annunciata in plenaria, dandole così valenza ufficiale. (Agrapress)
------------------------------------------
La Federalimentare riconosce effettività fenomeno concentrativo della
G.D.O..
In relazione alla dichiarazione approvata dal Parlamento europeo che chiede
alla commissione di avviare uno studio "sugli effetti che la concentrazione
del settore dei supermercati nell'Ue sta avendo sulle piccole aziende, i
fornitori, i lavoratori e i consumatori" la Federalimentare - informa un
comunicato stampa - "dà atto della sensibilità espressa dai rappresentanti
dei cittadini europei e riconosce l'effettività del fenomeno concentrativo
in atto anche nel nostro paese". In Italia infatti - sottolinea la
Federalimentare - la quota di mercato complessiva della grande distribuzione
organizzata (G.D.O.) è passata, in dieci anni, dal 36 al 52%, mentre quella
dei negozi tradizionali è scesa dal 53 al 35,6% (un lieve aumento si è
registrato anche per altri tipi di canali di vendita, come il porta a porta
e gli ambulanti). Questa tendenza - precisa la nota - è particolarmente
evidente nel caso dei generi alimentari: la quota di mercato della G.D.O. è
passata dal 50% al 69%, mentre quella dei negozi tradizionali è scesa dal
41% al 21%. Inoltre oramai - spiega la Federalimentare - sono solo 5 le
centrali di acquisto dei prodotti alimentari forniti da 6.500 imprese. Si è
verificato - sottolinea il comunicato - lo stesso fenomeno in Europa laddove
la quota di mercato alimentare dei 5 principali operatori della gdo ha
raggiunto, tra il 1993 e il 2002, più del 69%. In particolare - conclude la
Federalimentare - nell'ambito dei super e ipermercati, i primi cinque
distributori hanno una quota di mercato pari al 90% in Francia, al 76% in
Germania, al 70% nel Regno Unito, al 57% in Spagna e al 55% in Italia.
(Agrapress)
----------------------------------------------

N. B.: se volete essere cancellati da questa lista scrivete a
altragricoltura at altragricolturanordest.it
No virus found in this outgoing message.
Checked by AVG Free Edition.
Version: 7.5.516 / Virus Database: 269.21.1/1298 - Release Date: 25/02/2008
20.45